Itinerari d’autunno: andiamo alla scoperta di Tallin

Tallin è una città molto affascinante, rimasta per troppo tempo lontano dai riflettori dei turisti. Scopriamo insieme cosa visitare in questa città

A Tallin bisogna vedere molte cose. Per quanto riguarda la concentrazione di edifici storici di grande importanza in poco spazio, è una delle prime città al mondo.

Il centro storico di Tallin è ricco di sorprese. Vi si respira un’atmosfera medievale e per certi versi mitteleuropea: dalle mura antiche alle torri di guardia ben conservate.

La scoperta di Tallin bisognerebbe iniziare dalla collina di Toompea. Essa si trova vicino al centro storico della capitale dell’Estonia. Salendoci è possibile osservare un panorama mozzafiato sulla natura circostante. La collina ha una lunga storia alle spalle: nel 1219 fu conquistata da Waldemar II, un re danese. Da allora Toompea era sempre stata un centro del potere danese nella regione. Oggi è sede del Parlamento e del governo estone.

Al 13° secolo risale la costruzione della Rocca Minore, che si può osservare anche ai giorni nostri nonostante il suo aspetto sia radicalmente cambiato nel corso degli anni. Oggigiorno, la Rocca Minore viene utilizzata dai membri del Parlamento. Senza spostarsi molto lontano, si può ammirare la fantastica cattedrale ortodossa eretta dal conquistatore russo Alexander Nevskij. La magnifica chiesa rappresenta il simbolo dell’unificazione dell’impero Russo sotto la guida degli ultimi zar. Sulla torre dell’immensa costruzione vi è la più grande campana d’Estonia. Quest’ultima ha 3 metri d’altezza e pesa più di 15 tonnellate. Spostandosi verso il centro storico dalla collina si può vedere la via Kothu, in cui si trova il Palazzo dell’Assemblea della nobiltà estone. Vicino, poi, c’è tutta una serie di altri palazzi nobiliari, che molto tempo fa erano abitati dagli aristocratici.

Senza scendere troppo, da Toompea si può osservare anche il Golfo di Tallin e le torri della Città Bassa. Le terrazze panoramiche sulle quali fermarsi sono Patkuli e Kohtuotsa. Da quest’ultima, poi, si consiglia di vedere il Municipio, la via Pikk (una delle più famose in Estonia) e la punta della Chiesa dello Spirito Santo. Una volta fatte le dovute foto, si può riscendere verso il centro cittadino. Per strada si può visitare il Duomo, la cui costruzione è stata realizzata nel 1219. Ovviamente, anche il suo aspetto è cambiato in maniera radicale nel corso del tempo. Basti sapere, che nel 1684 nella capitale d’Estonia vi fu un grande incendio, che danneggiò seriamente il Duomo. Successivamente, il grande edificio fu ricostruito in pietra e adeguatamente restaurato. Dentro alla grande chiesa si trova una collezione di blasoni.

Da vedere l’organo, la cui costruzione risale al 1878 ed è l’attrazione principale del Duomo. L’edificio stesso si trova sulla parte bassa della collina di Toompea. Abbandonandolo si fa capolino nella Città Vecchia. Le mura difensive, rimaste quasi intatte dal XVI secolo fino ai giorni nostri si estendono per oltre 2 chilometri. Camminando vicino a esse si possono vedere le 18 torri di guardia (originariamente erano 27) rimaste intatte. Dentro la Città Vecchia vi sono diversi edifici a cui prestare attenzione. Per esempio, la Chiesa di Sant’Olaf è il cuore pulsante della città. La Chiesa è visibile da molto lontano grazie al suo pinnacolo, che si erge sulla città circostante. La Chiesa di Sant’Olaf è stata costruita nel 1267, tuttavia gli interni furono restaurati nel 1800. Nella Chiesa dello Spirito Santo, non molto lontano, ci sono delle decorazioni interne molto belle.

Sempre nel centro storico di Tallin si può osservare la Niguliste Church. Quest’ultima fu distrutta completamente dai bombardamenti sovietici durante la Seconda guerra mondiale. Successivamente fu ricostruita e oggigiorno viene utilizzata prevalentemente come una sala per i concerti di musica classica. La sala, come lo fu la Chiesa, è stata dedicata a San Nicola, il patrono dei mercanti e dei marinai. Il classico centro cittadino è rappresentato dalla Piazza del Municipio, chiamata dagli estoni piazza Raekoja, piazza del Municipio. Vicino ci sono molti edifici medievali e alcuni vicoli, famosi in Estonia per i loro negozi in cui si possono comprare dei buoni lavori di artigianato a prezzi relativamente equilibrati. Inoltre, sempre in questa piazza si possono vedere diverse unioni di stili come quello gotico e quello anseatico con l’architettura medievale.

Assolutamente da visitare la Farmacia del Municipio, che si trova immediatamente vicino alla Piazza. Parte della farmacia è stato trasformato in un museo, dove si può vedere le attività farmaceutiche estoni a partire dal 1422 (data di fondazione della farmacia) fino ai giorni nostri. Dal centro cittadino inizia la Viru Tanav. Si tratta di una lunga strada prettamente a carattere commerciale, dove si può fare shopping. Camminandoci, si potranno vedere molte boutique di lusso e assistere ai spettacoli degli artisti di strada estoni. Da vedere anche la Casa delle Testenere. È un edificio che ha sede in via Pikk 26. Fu la sede di un’organizzazione mercantile fondata nel lontano 1343. Infine, tra le molte attrattive di Tallin non si deve dimenticare della Rocca al Mare. Essa ospita un museo che racconta la vita in Estonia alla fine del XIX secolo.

Itinerari d’autunno: andiamo alla scoperta di Tallin