Zermatt, perla delle Alpi svizzere: 7 motivi per andarci

Si raggiunge solo in treno e poi si va a piedi, circondati da 38 quatromila e dal magnetico Cervino

Nel 1865 l’inglese Edward Whymper raggiunse per primo la vetta del Cervino. L’eco mediatico di questa conquista richiamò a Zermatt, perla del Canton Vallese, un grande numero di turisti, dando così inizio a 150 anni di sviluppo turistico che dura tutt’oggi.

Zermatt–Matterhorn è la più nota meta alpina svizzera. Chiusa alla circolazione delle auto e nel cuore di ben 38 montagne che superano i 4mila metri, è la vera regina delle nevi.

Se ancora non siete convinti, ecco sette valide ragioni per andare a Zermatt.

1. La più bella vista del Cervino
Avete presente la vista del Cervino dalla parte di Cervinia? Ebbene, sappiate che non c’entra assolutamente nulla. Vista dall’altra parte questa montagna, alta 4.478 metri, ha una forma completamente diversa, stupenda, tanto da essere addirittura magnetica. Ha la forma di un cono e domina l’intera Valle di Zermatt (Mattertal), così che ovunque posiate il vostro sguardo, il Matterhorn (il Monte Cervino per gli svizzeri) è lì che vi osserva. Poiché si erge isolato rispetto alle altre montagne, è considerato il sinonimo per eccellenza della montagna. Questa immagine, che porterete per sempre nella vostra mente, è impagabile.

2. Circondati da 38 montagne sopra i 4.000 metri
Il comprensorio di Zermatt tocca addirittura i 3.900 metri ed è il comprensorio sciistico più alto delle Alpi. Qui ben 38 picchi superano i 4mila metri. Un terzo di tutti i 4.000 delle Alpi sono raggruppati attorno a Zermatt. Ma è anche uno dei comprensori meglio strutturati a livello internazionale. Consente audaci esperienze sportive in una delle zone più ripide del mondo, 365 giorni l’anno.

3. Tutto a piedi
Oltre a essere raggiungibile solo in treno (GUARDA DOV’E’ SULLA MAPPA), Zermatt è una destinazione di montagna esclusivamente pedonale. Ecco perché è molto sicura e regala un’esperienza autentica della montagna di un tempo. Per chi scia le piste sono raggiungibili a piedi. Ma Zermatt offre anche 70 km di sentieri escursionistici, 20 km dei quali al di sopra dei villaggi Täsch e Randa, con vedute grandiose. Tra i punti panoramici più belli c’è il Sunnegga a 2.288 metri. Da Zermatt è raggiungibile con la funicolare sotterranea in tre minuti. Dalla stupenda terrazza soleggiata si ha una vista meravigliosa sul Cervino.

4. La pista più lunga della Svizzera
Ben 360 km di piste tra cui l’internazionale che scende fino a Cervinia. E’ la pista più lunga della Svizzera, quella sul ghiacciaio Teodulo (aperta anche d’estate), con i suoi 21 km da fare tutti d’un fiato. Si snoda dai 3.886 metri del Piccolo Cervino e arriva fino al centro di Zermatt. Lo Snowpass Valais Unlimited consente di sciare in tutto il Vallese percorrendo i suoi 2.800 km di piste, il più grande carosello sciistico d’Europa.

5. Sulle piste col trenino
La ferrovia del Gornergrat è la più alta cremagliera d’Europa e parte direttamente dal centro di Zermatt portando gli sciatori sulle piste. Anche per chi non scia la gita vale il viaggio. Il percorso è molto affascinante: attraversa ponti mozzafiato, gallerie strettissime, tunnel nella roccia, passa per i boschi e sfiora laghetti alpini. Una volta giunti in cima a 3.089 m, una terrazza panoramica soleggiata regala una vista mozzafiato sul Matterhorn e il massiccio del Monte Rosa, con la montagna svizzera più alta (Punta Dufour), con vista sul secondo maggiore ghiacciaio delle Alpi, il ghiacciaio del Gorner, nonché su 29 monti sopra i 4mila. Tappa obbligata al ristorante per una fumante fonduta al formaggio.

6. Meta green dal dopoguerra
L’aria di Zermatt è pulitissima non solo perché si trova in alta montagna (1.616 metri d’altezza), ma poiché è completamente pedonale. Oltre a essere raggiungibile solo con il treno – le auto possono arrivare solo fino a Täsch, a 5 km da Zermatt -, gli unici veicoli che circolano in paese sono elettrici o trainati da cavalli. E questo già dal lontano 1947. Tra Täsch e Zermatt circola un treno navetta della Matterhorn Gotthard Bahn che passa ogni 20 minuti. Se volete prendere il treno direttamente dall’Italia, è consigliabile procurarsi uno Swiss Pass che permette di viaggiare in tutta la Svizzera su qualunque mezzo (treni, autobus, funivie e battelli).

7. Autentico paradiso svizzero
Neve, montagne e aria pulita: se pensate alla Svizzera, Zermatt è il posto che più si identifica con l’idea che vi siete fatti. Se siete curiosi di montagna e volete saperne di più, imperdibile è una visita al Matterhorn Museum: lo Zermatlantis. Sotto terra sorge un mondo scomparso, un antico villaggio contadino ovvero ciò che era Zermatt prima della conquista delle vette e del boom turistico.

Zermatt, perla delle Alpi svizzere: 7 motivi per andarci