Le destinazioni sciistiche più amate dagli italiani: lo studio

Holidu ha appena stilato la classifica delle destinazioni sciistiche più amate dagli italiani per la stagione invernale 2023/2024: i risultati

Foto di Flavia Cantini

Flavia Cantini

Content Writer

Content Writer specializzata nel Travel. Per me il successo è fare da grandi ciò che si sognava da bambini e se scrivo ed emoziono l’ho raggiunto.

Fine anno, tempo di classifiche: Holidu, il portale di prenotazione per case e appartamenti vacanze, ha appena stilato la classifica delle destinazioni sciistiche più amate dagli italiani per la stagione invernale 2023/2024, includendo anche i prezzi degli alloggi e degli skypass.

Le mete in Italia si confermano le più amate anche se non manca qualche “incursione oltreconfine”.

Lo studio di Holidu

Per stilare la graduatoria delle località più apprezzate dagli italiani amanti della neve e dello sci, Holidu ha preso in considerazione le 40 destinazioni più ricercate sul proprio portale per soggiorni compresi tra il 1 novembre 2023 e il 31 marzo 2024.

Ma non soltanto: per ognuna ha indicato il prezzo dello skipass e dell’alloggio, sia in alta (dal 26 dicembre 2023 al 2 gennaio 2024) che in bassa stagione (dal 27 marzo al 2 aprile 2024), oltre al prezzo finale ricavato dalla somma dei due.

In questo modo, sono emerse anche le mete più care e quelle più economiche per la Settimana Bianca.

Le destinazioni più amate sono in Italia

Gli italiani amano soprattutto le destinazioni sciistiche del Belpaese con ben 35 località su 40.

Tra le regioni più gettonate spicca il Trentino Alto Adige con 14 località, seguito dalla Lombardia con 4, Abruzzo, Valle d’Aosta e Piemonte con 3, Veneto con 2 e, per finire, Toscana, Sicilia, Friuli Venezia Giulia e Molise con una ciascuno.

In particolare, il Trentino vanta 5 mete nella Top Ten: Madonna di Campiglio al terzo posto, Merano al quinto, Alta Badia al settimo, Pinzolo nono e Folgaria/Fiorentini al decimo.

La Lombardia, invece, si fa apprezzare per la prima posizione di Livigno (vincitrice assoluta) e la medaglia d’argento di Bormio, nonché per Madesimo in dodicesima posizione e Valmalenco-Alpe Palù al ventesimo.

Dal canto suo, l’Abruzzo è rappresentato da Roccaraso-Rivisondoli in Top Ten al quarto posto, cui si aggiungono Pescasseroli al quattordicesimo e Ovindoli Monte Magnola al diciottesimo, mentre la Valle d’Aosta vanta Courmayeur in sesta posizione, Breuil-Cervinia in sedicesima e Pila alla trentaquattresima.

Il Piemonte vede Bardonecchia subito dopo la Top Ten, all’undicesimo posto, Limone Piemonte venticinquesimo e il Mottarone al trentatreesimo posto.

Il Veneto piazza Cortina d’Ampezzo ottava e Civetta trentunesima, la Toscana Abetone/Val di Luce al diciassettesimo posto, il Friuli Venezia Giulia Tarvisio-Monte Lussari al ventunesimo posto, il Molise Campitello Matese al trentaseiesimo posto e la Sicilia Etna Nord al diciannovesimo.

Non dimentichiamo il trentesimo posto di Arabba/Marmolada tra il Veneto e il Trentino e il ventiquattresimo di Ponte di Legno-Tonale tra Lombardia e Trentino.

Sciare all’estero: le mete predilette dagli italiani

Se l’Italia si conferma la prima scelta degli italiani per la Settimana Bianca, non mancano tuttavia alcune località estere, appena oltreconfine: Francia e Svizzera.

La classifica di Holidu, infatti, riporta le francesi Charmonix-Mont-Blanc al quindicesimo posto e Megève/Saint-Gervais al trentaduesimo mentre la Svizzera si fa amare per Zermatt in ventottesima posizione, St. Moritz al trentasettesimo posto e Crans-Montana al trentanovesimo.

Uno sguardo ai prezzi: dalle più alle meno care

Per concludere, diamo uno sguardo alle destinazioni più care e a quelle più economiche considerando alloggio, skypass e attrezzatura.

Batte tutti Cortina d’Ampezzo con un budget medio di 258 euro giornalieri, seguita da Zermatt con 251 euro e Madonna di Campiglio con 217 euro.

Tra le più a buon mercato, invece, troviamo Pescasseroli in Abruzzo, Bardonecchia e Mottarone in Piemonte, Abetone/Val di Luce in Toscana ed Etna Nord in Sicilia.