Il meteo di Dubai e quando visitare la perla del Golfo Persico

Dubai è una delle più famose mete turistiche del Golfo Persico, scopriamo insieme i periodi più adatti per visitare il suo mix di tradizione e modernità.

Grazie anche al suo meteo, Dubai è la meta turistica più famosa del Golfo Persico e vi sedurrà con la sua incredibile mescolanza di elementi della tradizione araba e innovative architetture, come dimostra fin dal primo sguardo la pacifica convivenza tra i vertiginosi grattacieli del centro e le affascinanti moschee.

In generale, il meteo di Dubai prevede un clima di tipo desertico e le stagioni hanno una durata differente rispetto alle latitudini europee. L’estate, infatti, dura quasi otto mesi – da metà aprile a metà novembre – e per quanto riguarda le temperature, i valori massimi superano quasi sempre i 30°C. Il periodo più caldo dell’anno si concentra tra luglio e agosto, quando le temperature massime toccano i 42-43°C e non è raro che si arrivi anche a picchi di 47-48°C. Durante la stagione estiva si registra anche la presenza di una notevole umidità dell’aria, favorita dalla vicinanza del mare, e che rende l’atmosfera in città poco godibile. Il mese di settembre è anche il periodo in cui l’acqua marina è più calda, con temperature che sfiorano i 35°C.

La stagione invernale, invece, è molto più breve – in pratica va da metà dicembre a metà febbraio – e si caratterizza per essere il periodo in cui si concentrano tutte le precipitazioni annuali che cadono su Dubai. Durante questo periodo il meteo di Dubai prevede piogge brevi ma molto intense, che bloccano le normali attività della città e causano, a volte, anche brevi allagamenti delle strade. Per quanto riguarda le temperature, nel periodo invernale, i valori massimi si stabilizzano intorno ai 24-25°C. ma è possibile che si verifichino bruschi cambiamenti di clima. I venti caldi che spirano dal cuore del deserto arabico, infatti, hanno la capacità di far balzare il termometro ai livelli estivi, ma si tratta di aumenti di breve durata e dopo poche ore le temperature possono crollare anche di 20°C, disorientando non poco i turisti. Invece, i valori minimi difficilmente si abbassano al di sotto dei 16°C e la temperatura dell’acqua del mare rimane sempre sui 22-23°C.

Su Dubai il sole splende per la quasi totalità dell’anno tanto che nel periodo estivo la nuvolosità media che si registra va dallo 0 al 5%, mentre durante la stagione invernale – quella più piovosa – la possibilità di trovare delle nuvole arriva al massimo al 25%. Per via di queste particolari condizioni meteo a Dubai, se amate prendere il sole in spiaggia farete bene a portare con voi prodotti con una protezione solare adeguata e, comunque, ad evitare i momenti più caldi della giornata.

Uno dei fenomeni meteo più particolari di Dubai sono le tempeste di sabbia, che a volte colpiscono la città durante la stagione invernale. Questo fenomeno naturale è tanto maestoso quanto pericoloso poiché, quando il vento carico di sabbia si abbatte sulle strade, la visibilità scende a zero e l’aria diventa quasi irrespirabile a causa delle particelle di sabbia in sospensione. In questi casi è necessario seguire alla lettera le informazioni che il personale di soccorso e di sicurezza diffonde quando viene avvistata una tempesta di sabbia e rimanere calmi fino alla fine dell’emergenza.

Con un occhio al meteo, il momento migliore per visitare Dubai è, quindi, la stagione invernale, e in particolare i mesi di dicembre e gennaio. In questo modo potrete organizzare escursioni e visite senza dover affrontare temperature elevate e condizioni estreme, godendovi una fuga dall’inverno delle nostre città. Il periodo delle vacanze di Natale e il capodanno a Dubai sono anche i momenti nei quali la città è più affollata e i prezzi medi delle strutture turistiche si alzano notevolmente.

Più ci si avvicina al periodo estivo, invece, e più i prezzi di alberghi e resort calano e la città rimane quasi senza visitatori anche perché muoversi sotto il sole diventa sempre più difficoltoso. In questi casi, durante una vacanza estiva a Dubai, la scelta migliore è riservare gli spostamenti alle prime ore del mattino e riservare il pomeriggio allo shopping o alla visita delle grandi attrazioni al chiuso che la città offre, protetti dall’aria condizionata capillarmente diffusa in ogni ambiente (persino alle fermate dei bus turistici).

In un viaggio a Dubai è anche bene ricordare che pur essendo una delle capitali della penisola arabica più multiculturali e occidentalizzate, essa rimane comunque parte di un paese musulmano e che quindi è necessario seguire alcune regole nel vestire per evitare di disturbare gli abitanti o di incorrere nell’intervento delle autorità. In generale è sufficiente portare abiti che coprano spalle, décolleté e gambe dal ginocchio in su e che non siano troppo aderenti e nel caso in cui si venga ripresi dalle autorità mostrarsi collaborativi e ringraziare per l’intervento. Durante il mese del ramadan è opportuno prestare qualche attenzione supplementare rispetto al resto dell’anno, ma con qualche piccolo accorgimento non avrete alcun problema e potrete godervi in tutto e per tutto un piacevole soggiorno a Dubai.

Il meteo di Dubai e quando visitare la perla del Golfo Persico