Cosa vedere in Russia: documenti d’ingresso, mete e città da non perdere

Cosa vedere in Russia? Una semplice domanda a cui esistono molte risposte. Scopriamo insieme i luoghi di maggior interesse turistico

Per sapere cosa vedere in Russia basterebbe informarsi a proposito delle tradizioni e di particolarità di questo Stato. Le due città più famose, Mosca e San Pietroburgo, sono ricche di numerosi posti d’alto interesse turistico. Tra musei d’arte, luoghi simbolici, monumenti storici e quant’altro, una vacanza nella Federazione Russa può essere non solo molto divertente da svolgere, ma persino infinitamente conoscitiva. La Madre Russia ospita dei luoghi da visitare lungo tutta la sua superficie. E se in Siberia, per esempio, non vi sono le stesse attrazioni culturali di Mosca, ci sono comunque dei parchi naturali di rara bellezza. E per la Nazione più vasta del pianeta, la cui superficie è quasi pari a quella del Plutone, non poteva essere altrimenti. Prima di partire, però, servono alcuni documenti.

Quali? Innanzitutto, un cittadino italiano ha bisogno del visto d’ingresso per recarsi in Russia. Altrimenti non lo lascerebbero attraversare la frontiera, il che significherebbe un immediato ritorno a casa. Fortunatamente, il governo della Federazione Russa punta molto al turismo, cercando di far scoprire questo Stato agli europei. Per questo esiste un metodo semplificato per ottenere il visto turistico valido per entrare in Russia senza dover per forze di cose recarsi al consolato generale della Federazione Russa a Roma. Basta rivolgersi a un’agenzia di viaggi con il proprio Passaporto italiano (valido per almeno altri 6 mesi), pagare circa 100 euro e attendere circa 1 o 2 mesi per il rilascio del visto. Sarà la stessa agenzia di viaggi a ricontattare il richiedente fornendogli il documento.

E una volta giunti a destinazione, cosa vedere in Russia? Sicuramente ogni manuale turistico consiglia d’iniziare da Mosca. E probabilmente è davvero così. La capitale dell’impero russo, centro amministrativo dell’Unione Sovietica e ora il centro urbano più grande in intera Federazione Russa è davvero sorprendente. Spaziando dal mausoleo di Lenin, passando per la Piazza Rossa con le mura del Cremlino e finendo con la maestosa Cattedrale di San Basilio, vi si può vedere davvero di tutto. Tralasciando i palazzi sovietici, del tutto privi di gusto artistico, il resto della città è anche molto moderno. Vi sono discoteche, pub, cinema e quant’altro ancora. Sicuramente è indicata per tutti coloro che amano uno stile di vita movimentato e dinamico. Tuttavia, si consiglia di saper parlare almeno un po’ in russo per poter utilizzare la metropolitana.

Questo perché i cittadini della Federazione Russa sicuramente non brillano per quanto concerne la conoscenza della lingua inglese. D’altro canto, se si ha dubbi su cosa vedere in Russia dal punto di vista naturale, si deve sapere che si ha solo l’imbarazzo della scelta. Recandosi in Siberia, gli amanti della solitudine e della pace interiore potrebbero visitare il Lago Baikal. Quest’ultimo è universalmente riconosciuto come il più profondo lago d’acqua dolce del pianeta. Stando alle stime ufficiali, la sua profondità raggiunge i 1.642 metri. Inoltre è un posto di grande bellezza naturale, tanto che è entrato a far parte delle Sette Meraviglie della Russia. La natura qui è ancora incontaminata e pura ed è un posto perfetto per una vacanza con la propria altra metà. Tornando alle grandi città, invece, non si può dimenticare di San Pietroburgo.

Molti degli edifici costruiti nella città di San Pietro sono stati realizzati a cavallo tra il 17° e il 18° secolo e vi hanno collaborato diversi artisti e menti celebri provenienti dall’intera Europa. Sicuramente, il luogo di spicco a San Pietroburgo è il museo Hermitage. Si tratta di uno degli edifici museali più grandi al mondo, tanto che è ogni anno visitato da migliaia di turisti provenienti da tutti gli angoli del pianeta. E per godersi il lusso del grande e maestoso edificio, progettato da due italiani, bisogna sapere che tanto tempo fa era la residenza invernale dello zar. Nel grande museo sono inclusi più di 3 milioni di opere d’arte. Da Mosca parte la inea ferroviaria Transiberian. Si tratta di un itinerario che collega l’Europa all’Asia e che arriva fino in Cina.

A detta di molti viaggiatori che l’hanno sperimentata, è di un’esperienza che tutti dovrebbero provare almeno una volta nella vita. E tornati dalla Trasniberiana, perché non fermarsi a Volvograd? Vi è l’enorme statua della Madre Russia. Più di 52 metri di roccia. Tutto per celebrare gli eroi dell’esercito sovietico (bielorussi, russi e ucraini, quindi), che combatterono a Stalingrado per fermare l’avanzata dell’esercito tedesco tanto da ottenerci una vittoria che cambiò il corso della guerra (e forse anche del mondo). Su cosa vedere in Russia si potrebbe parlare ancora molto. Del resto le meraviglie sono tante. Ma non bisogna in nessun caso scordarsi del Monte Elbrus, che sorge nel Caucaso. Con i suoi 5.642 metri d’altezza sul livello del mare, è una delle vette più alte e belle dell’intero pianeta.

Cosa vedere in Russia: documenti d’ingresso, mete e città da no...