Cosa fare a Porto Vecchio, borgo marinaro nel sud della Corsica

Destinazione Porto Vecchio, incantevole borgo nella costa a sud della Corsica, tra monumenti storici, spiagge e foreste.

Nell’estremo sud della Corsica, tra calette, spiagge e lagune, si trova Porto Vecchio. Terza città dell’isola dopo Ajaccio e Bastia, è un borgo incantevole di origine genovese molto frequentato e affollato dai turisti soprattutto nel periodo estivo grazie alla presenze lungo le sue coste di alcune tra le più belle spiagge dell’isola. In un viaggio tra storia e arte, in questa guida scopriremo cosa vedere nello splendido borgo corso di Porto Vecchio.

L’intera area era già abitata in epoca preistorica, come dimostrano i siti archeologici di Ceccia e Tappia presenti nei dintorni della cittadina. Ma la fondazione della città attuale di Porto Vecchio risale al 1539 con la dominazione genovese in Corsica e la successiva costruzione della cittadella, un complesso di fortezze, erette come torri difensive e di osservazione per proteggere la costa dagli attacchi di barbari e turchi.

L’afflusso di coloni genovesi presso la cittadella e le vicine torri di San Cyprien, Benedettu, Chiappa e Punta Cerbicale durò fino al 1768 anno in cui le truppe francesi presero possesso della città. Testimonianza di questo periodo storico è proprio la cittadella, la parte più affascinante di Porto Vecchio, punto di partenza di un itinerario di visita di questa località, dove si possono visitare alcune rovine. Innanzi tutto, la porta genovese, l’unica ben conservata, da cui si accede al borgo antico circondato da cinque bastioni, tra i quali il celebre Bastion de France, oggi sede di eventi, concerti, esposizioni e conferenze.

Nella piazza della Repubblica, oltre alla meravigliosa chiesa di San Giovanni Battista e la cappella di Santa Croce si trova anche il Patio, uno splendido edificio in pietra, utilizzato come infermeria dai soldati genovesi. La sua volta in mattoni è tipica di Porto Vecchio: ancora si possono vedere i “corbeaux”, cioè i buchi nei muri che venivano utilizzati dai lavoratori per fissare i ponteggi durante la costruzione dell’edificio. Di fronte si trova il celebre Bar Patio, dall’atmosfera calda e accogliente un luogo perfetto dove sorseggiare l’aperitivo a fine giro turistico ascoltando buona musica oppure per trascorrere una piacevole serata all’aperto.

Porto Vecchio negli anni si è costruita un’immagine glamour: oggi infatti il centro storico con le sue case e i vicoli di pietra, è un luogo elegante e molto “chic”, apprezzato anche da personaggi famosi e vip del momento. passeggiate lungo la bella rue Borgo, tra corso Napoleone a piazza della Repubblica, la via principale del centro storico, dove soprattutto nella stagione estiva migliaia di turisti animano le vie della città, affollando i tanti alberghi, ristoranti e numerosi negozietti di souvenir . Spostatevi poi nella zona del porticciolo turistico, dove si concentra buona parte della vita notturna grazie alla presenza di molte discoteche, cocktail bar, locali e pub.

Quello di Porto Vecchio è un porto piccolo, ma molto caratteristico dove si possono ammirare imbarcazioni e yacht lussuosi ormeggiati sulla banchina. Per visitare questa zona si deve scendere dalla cittadella e attraversare alcune vie della città moderna. Questa si sviluppa soprattutto intorno ad un immenso viale in cui si trovano i negozi più fashion e alla moda, ideali per lo shopping “di classe”, centri commerciali e numerosi hotel che sono un po’ più economici rispetto a quelli che si trovano nella cittadella.

L’entroterra di Porto Vecchio è altrettanto ricco di paesaggi naturali mozzafiato, custoditi tra rocce, speroni, calette e spiagge, e il mare che ne lambisce le coste, dalle acque turchesi, inondato dai profumi della rigogliosa vegetazione, lo rendono un’oasi dalle mille sfumature e colori. Per tutti coloro che ammirano la natura selvaggia, da Porto Vecchio partono una serie di percorsi naturalistici spettacolari nelle vicine montagne, in particolare all’interno della foresta dell’Ospedale, riserva naturale con un magnifico specchio d’acqua circondato da pini e faggi che creano uno scenario incredibile, colmo di fascino.

Se siete amanti del trekking potrete assistere ad uno spettacolo strabiliante nella valle di Cavu, a soli dieci minuti da Porto Vecchio. Qui enormi cave scavate nella terra hanno creato piscine naturali immerse nei boschi, dando luogo a scorci davvero incredibili. Se viaggiate con i bambini, trascorrete una giornata al parco avventura A Tyroliana che si trova proprio nella valle. Le possibilità di scelta nei dintorni non si fermano qui: non perdete l’affascinante itinerario per raggiungere le cascate di Piscia di Gallo, incastonate tra montagne stupende, e fate un salto sulla cima di Punta di Vacca Morta, da cui godrete di una magnifica vista panoramica.

E poi ci sono le spiagge, la vera attrazione di Porto Vecchio; tra le più belle ricordiamo Santa Giulia a pochi chilometri dal borgo, la più conosciuta e per questo sempre molto affollata, un’insenatura di sabbia bianca, circondata da una verdeggiante macchia mediterranea; la bellissima Palombaggia, una lunga striscia di spiaggia che si estende ai piedi di dune sabbiose circondate da un’ampia pineta; e Rondinara, una piccola baia appartata a sud della cittadina, un vero paradiso per chi cerca una serena giornata di mare.

Porto Vecchio è raggiungibile via nave dall’Italia, partendo dal porto di Civitavecchia, o in traghetto, da Santa Teresa di Gallura, in Sardegna, che si affaccia direttamente sulle Bocche di Bonifacio. Per chi deve affrontare lunghe distanze e preferisce l’aereo, tenete presente che l’aeroporto di Figari dista pochi chilometri dalla cittadina; tuttavia, non essendoci voli diretti è necessario fare scalo in Francia, motivo per cui i costi dei biglietti sono spesso piuttosto elevati.

Cosa fare a Porto Vecchio, borgo marinaro nel sud della Corsica