Alla scoperta di Carrara e del suo marmo leggendario

Tutte le informazioni su cosa fare e cosa vedere a Carrara e dintorni

Carrara è una località toscana famosa soprattutto per il marmo. Infatti una delle prime cose che vi suggeriamo di fare appena arrivati, è di effettuare l’escursione alle cave di marmo, dove potrete vedere con i vostri occhi il marmo che viene estratto e vi sarà spiegato come viene impiegato oggi. Nel Rinascimento i più grandi scultori italiani pretendevano blocchi di marmo di Carrara per creare le loro statue: le opere più famose di Michelangelo , ad esempio, sono state realizzate con questo materiale. Anche in tempi più recenti, numerose costruzioni a Roma, sono state abbellite con il marmo apuano, come il Foro Italico.

A Carrara e nei suoi dintorni si possono trovare numerosi edifici religiosi e i castelli medievali, alcuni dei quali decisamente molto interessanti da visitare. Vediamo quali. Il nucleo medievale di Palazzo Cybo Malaspina o Palazzo Ducale fu residenza della famiglia omonima e fu costruito a metà del 1100. In questo Palazzo ha sede l’Accademia delle Belle Arti e la Biblioteca. Il Duomo di Sant’Andrea, in stile romanico e gotico, è la chiesa principale ma ce ne sono altre. La Chiesa di San Michele con i suoi capitelli dorici, la Chiesa del Carmine in stile barocco. Degni di nota anche la Chiesa e il Convento di San Francesco del 1600, quest’ultimo però privato delle sue opere d’arte nel periodo napoleonico.

Altri edifici da vedere sono la Casa di Emanuele Repetti, geografo, naturalista e storico toscano, la cui opera più famosa è senz’altro il Dizionario Geografico Fisico Storico della Toscana, scritto a metà del 1800, che gli permise di ottenere numerosi riconoscimenti ufficiali. Al Teatro degli Animosi, la cui facciata è in stile neoclassico, vengono organizzate varie iniziative, dalle rappresentazioni teatrali ai convegni, allo studio di registrazione e così via. Il Palazzo del Medico è invece una costruzione imponente in stile barocco, i cui interni sono realizzati con bassorilievi di marmo. Il Palazzo delle Poste è stato costruito nel 1932, la sua facciata è in marmo bianco e ai lati dell’ingresso ci sono due enormi statue anch’esse in marmo.

Gli amanti della natura possono partecipare alle tante escursioni a cavallo in mezzo ai boschi circostanti, visitare il Parco Regionale delle Alpi Apuane e fermarsi a fare fotografie presso il Lago di Porta, ricco di flora e fauna locali. A Carrara e dintorni sono molte le trattorie dove gustare prodotti locali e piatti della tradizione culinaria della zona. Da non dimenticare che presso le cantine vinicole è possibile partecipare a delle degustazioni dove vengono servite specialità tipiche con un buon bicchiere di vino rosso.

 

Alla scoperta di Carrara e del suo marmo leggendario