E’ primavera, svegliati Toscana

Dalle terme alle colline del Chianti, tante idee per un itinerario in Toscana

Molti dei 22 centri termali di cui vanta la Toscana – il maggior numero in Italia – si trovano a un tiro di schioppo dal Chianti: un’occasione per rigenerare il corpo e lo spirito, recuperando piacevolmente l’energia perduta nei rigori dell’inverno, nelle calde sorgenti dalle benefiche proprietà che sgorgano dalle viscere della terra: Bagni San Filippo, Bagno Vignoni, Rapolano, Saturnia, tanto per dirne qualcuna. L’alternativa al Chianti è il Mugello, un altipiano costellato di colline e vere e proprie montagne appena a nord di Firenze. La patria d’origine dei Medici, di cui sono testimonianza le ville di Cafaggiolo e del Trebbio, diede i natali a quei geni della pittura che sono Giotto e Beato Angelico. A Scarperia si trovano impareggiabili coltelli prodotti ancora artigianalmente come nel Medioevo. C’è un grande lago – si chiama Bilancino – costellato di spiagge, spazzato dai windsurf, ambito dai pescatori intorno al quale decine e decine di trattorie offrono tortelli di patate, rosticciana e fettunta. A due passi da lì – a Barberino, proprio all’uscita dell’autostrada – uno degli outlet più frequentati d’Italia: il meglio del meglio della moda internazionale a prezzi d’eccezione. Per chi ama le moto e le auto da corsa, l’autodromo del Mugello dove la Ferrari va a provare i suoi bolidi di Formula 1 e Valentino Rossi spesso festeggia le sue vittorie nel Motomondiale.

I 70mila ettari di vigneti – bordati da una armoniosa geometria di cipressi e boschi di querce – dove si produce il vino italiano più famoso nel mondo, sprigionano in questa stagione tutto il loro fascino, rivelando non solo i colori e le fragranze della natura, ma anche i piccoli gioielli di una storia millenaria: abbazie, chiese, borghi, castelli, case coloniche, muretti a secco che costeggiano solitarie strade bianche. Nelle piazze spesso incorniciate da porticati del 1400, i borghi ospitano fra marzo e giugno mercatini che esaltano l’esplosione dei colori e inondano di profumi: vino, olio, miele, frutta e verdura di stagione, e ancora formaggi di pecora, mucca e capra, marmellate e conserve. Greve, Panzano, Strada in Chianti e Radda sono a un passo da Firenze verso Sud, da Siena verso Nord, da Arezzo verso Ovest: in ognuna di queste città c’è solo da scegliere. In poco tempo si può raggiungere Volterra con i suoi tesori etruschi o Fiesole con le sue collezioni egizie.

E’ primavera, svegliati Toscana