Che romantiche le fedi che unite formano un disegno unico

Le fedi nuziali sono una vera e propria d'arte. Al più quando vengono unite fino a formare un disegno unico. Ecco come è possibile

Le fedi nuziali al giorno d’oggi, quando molte delle tradizioni del passato subiscono radicali cambiamenti (oppure vengono annullate del tutto), rimangono comunque una costante di molti matrimoni. Non sono poche le coppie, anche quelle progressiste, oppure quelle LGBT, a scambiarsi gli anelli in segno amore e rispetto.

Anche il design stesso delle fedi nuziali cambia in modo radicale, seguendo un po’ quel che sono le mode del momento. Dal classico anello simile a quello visto nella saga del Signore degli Anelli, si passa a inventarne di più particolari. Per esempio ci sono quelli con gli ornamenti lavorati mentre l’oro era ancora fuso, quelli con dei piccoli strascichi di altri materiali inseriti all’interno della lega oppure fedi di una forma particolare.

Tra questi val la pena ricordare il lavoro di due fidanzati israeliani, i qual sono riusciti a inventare delle fedi nuziali che, se divise, non hanno niente in particolare, ma che se vengono unite formano un anello solo. Quest’ultimo, l’anello combinato, può avere forme diverse ed è molto bello da vedere, oltre ad avere un qualcosa di particolare. Tralasciando la filosofia di costruzione dell’anello (rivelata dai designer stessi come due parti contrapposti che trovano armonia nell’unione), il design stesso delle fedi unite è molto particolare. Rispetto a quanto accade quando le due fedi sono divise, l’anello combinato sembra avere delle caratteristiche in più. Questo vuole significare che nell’unione di due parti divise si può trovare una perfetta combinazione.

Gli autori di queste fedi sono Eliad e Maya, entrambi israeliani di Tel Aviv. L’idea di tali fedi è venuta a Maya, una designer di professione, la quale ha realizzato una dettagliata costruzione del progetto. La designer israeliana, dopo aver messo a punto il progetto, ha chiesto al suo ragazzo, Eliad, di aiutarle nella sua realizzazione. Eliad, un gioielliere professionista, nonché un maestro nelle lavorazioni di materiali pregiati, ha realizzato il piano di costruzione della sua ragazza. Il lavoro, svolto tutto nella Cadi Jewelry a Tel Aviv, ha richiesto diverse fasi di studio, di sviluppo e di realizzazione. Come hanno ammesso i due fidanzati, inventare due anelli che uniti ne formano uno solo non è stato semplice e la cosa ha richiesto molti sforzi.

Tuttavia, una volta che il progetto è stato completato, sono rimasti soddisfatti entrambi. In primis perché l’anello combinato è un’idea tutta loro, mai realizzata nel resto del mondo. Avendo registrato il patentino su quest’invenzione, potranno godere di notevoli extra economici quando qualcuno vorrà utilizzare il loro progetto per costruirsi degli anelli simili. In secondo luogo, è possibile costruire l’anello combinato anche con altri tipi di metalli. Argento, platino, bronzo oppure un metallo molto più semplice, poco importa. La sua versatilità è anche un suo punto di forza. Basta che durante la fase di fusione della lega e di costruzione delle specifiche forme indicate dal progetto, il gioielliere non compia errori troppo grossolani. Come se tutto ciò non bastasse, le fedi possono essere combinate in vari modi.

Maya ed Eliad hanno pensato proprio a tutto, capendo che un solo disegno non sarebbe bastato. Per questo sono state messe a punto diverse costruzioni formate dai due anelli. Sono possibili, per esempio, varie combinazioni delle fedi a forma di cuore, tanto per restare in tema romantica. Spaziando dalla combinazione a formare un anello classico del tutto uguale a un qualsiasi altro anello, passando per le varie combinazioni particolari, come due anelli uniti su di un asse, e finendo con la formazione di un cuore, i modi per unire le fedi pensati dai due inventori israeliani sono davvero infiniti. Eppure, si direbbe, ci sono solo due fedi nuziali, di forma circolare. Cosa mai si potrebbe inventarci? La fantasia umana, però, non finisce mai di stupire.

E Maya ed Eliad sono un chiaro esempio di come sia vera una tale affermazione. Se un paio di anelli possono formare un cuore, un’altra coppia, invece, viene combinata in modo tale da realizzare una luna e delle stelle. Ognuno, poi, può iscriverci le proprie iniziali, tanto per completare nel miglior modo possibile la propria promessa di amore eterno. Senza le stelle, la luna sarebbe “vuota” ed è questa la filosofia alla base delle varie combinazioni realizzate dalla coppia israeliana. Il principio è semplice: se la luna fosse da sola, sarebbe incompleta; lo stesso discorso vale anche per quanto riguarda le stelle: da soli non danno l’impressione di quella rara bellezza. Già oggi gli anelli combinati possono esse trovati nei maggiori negozi di gioielleria in Israele. Tra poco, si stima, che giungeranno anche in Italia.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Che romantiche le fedi che unite formano un disegno unico