Voglia di vacanza? In Messico ti aspettano mare, sole e mistero

Spiagge, sole, relax e il fascino magnetico delle misteriose civiltà del passato. Scopri il Messico in questo articolo dedicato

spiaggia-bianca-messico-402Spiagge, sole, relax e il fascino magnetico delle misteriose civiltà del passato. Una vacanza in Messico regala emozioni indimenticabili. È una meta perfetta per dimenticarsi del grigiore invernale ed è la location ideale per un viaggio romantico.

Spiagge e divertimento a Playa del Carmen

Dove cercare l’hotel? Senza dubbio a Playa del Carmen, una cittadina sul mare molto glamour con un lungomare ricco di negozi coloratissimi, ristoranti, discoteche e con un’ampia varietà di resort affacciati sulle bellissime spiagge di sabbia bianca e soffice come borotalco. Quella di Playa del Carmen è tra le spiagge più vivaci di tutto il Messico. Il suo lungomare è un susseguirsi di alberghi, ristoranti e bar e per questo è perfetta per chi vuole abbinare il mare da sogno alla musica e divertimento. Se invece si desidera un angolo più romantico dove godersi la natura in silenzio, ci si può spingere a Playa de Xcacel, una lunga spiaggia incontaminata accarezzata da un mare incantevole. Qui la pace e la tranquillità regnano incontrastate. La sera si torna in città: sulla Quinta Avenida, il viale principale di Playa, si affacciano i ristoranti migliori dove regalarsi una cenetta romantica e piccante, con i sapori messicani di fajitase e enchiladas, oppure un menu raffinato a base di aragosta e altri crostacei. L’importante è che la serata sia innaffiata da tanta margarita e tequila: la nota contraddistintiva di una vacanza messicana. Nello stesso viale ci sono anche i negozi più attraenti del posto dove si può fare shopping, soprattutto di gioielli di artigianato locale e coloratissimi souvenir.

Immersioni e bagni con i delfini a Cozumel

L’isola di Cozumel si trova proprio al largo della costa di Playa del Carmen ed è collegata ogni giorno da numerosi traghetti. È una tappa perfetta per una gita e il paradiso per gli appassionati di immersioni subacquee che qui trovano un’immensa barriera corallina da esplorare. I due più famosi punti di immersione sono il muro di Santa Rosa e la scogliera di Palancar, anche se ultimamente hanno sempre più successo le immersioni nei cenote, i caratteristici laghi sotterranei naturali che conducono a intricati labirinti di caverne sottomarine. Ma anche chi preferisce nuotare a pelo d’acqua con maschera e boccaglio qui trova di che divertirsi e soprattutto può rendere la vacanza in Messico indimenticabile. Come? Sfruttando l’occasione di nuotare insieme ai delfini al Dolphin Discovery, un delfinario con programmi mirati all’educazione ambientale.

Tutto il fascino degli antichi Maya

Un luogo suggestivo, e unico nel suo genere per via dell’inusuale posizione in cui è collocata la sua fortezza principale, è il Castillo: in cima alla scogliera, domina la spiaggia bianca di Tulum, una delle più belle della zona, bagnata dalle acque cristalline dei Caraibi. È un luogo molto suggestivo e raccolto che vale la pena di vedere. Più impegnativo invece il sito di Chichén Itzá, ma non si può fare una vacanza in Messico e non visitarlo.

Per ammirare le antiche rovine Maya bisogna mettere in conto una giornata intera, può sembrare tanto ma ne vale davvero la pena. Conviene cominciare il giro la mattina presto, per sfruttare il più possibile le ore meno calde, ricordandosi comunque di portarsi un cappellino e qualche bottiglietta d’acqua in uno zainetto. Il sito è molto esteso – è lungo circa 4 chilometri – e ospita parecchi edifici imponenti in ottime condizioni. Tra i più suggestivi c’è El Castillo, conosciuto anche come la Piramide di Kukulkan, che simboleggia il calendario Maya: durante gli equinozi di primavera e d’autunno, le ombre che si proiettano al tramonto sulla scala della piramide creano le sembianze di un serpente.

C’è poi l’immenso Juego de pelota, il campo di gioco della palla meglio conservato in assoluto, che dietro all’apparenza ludica in realtà nasconde un significato sanguinario: le due squadre in campo infatti rappresentavano la lotta tra divinità terrestri e demoni e culminavano sempre nel sacrificio dei perdenti. Più selvagge invece le rovine di Coba, una delle più importanti città dei Maya, ancora in gran parte ricoperta dalla folta vegetazione della giungla. Per visitare quest’area archeologica immensa conviene noleggiare le bici e addentrarsi nella vegetazione alla ricerca degli edifici che si nascondono ovunque. Il Tempio de las Iglesias è la struttura più importante: un’imponente piramide dalla cui cima si ha una bella visuale su tutto il sito archeologico. C’è poi l’immancabile e ben conservato juego de la pelota e la grande piramide che con i suoi 42 metri è la più grande della penisola dello Yucatán.

Voglia di vacanza? In Messico ti aspettano mare, sole e mistero