Visita al Museo? Uber ti paga metà della corsa

Per tutto il mese di maggio, chi prenota una corsa per raggiungere uno dei 30 musei selezionati, paga la metà

Incentivare le persone a tornare lì, dove hanno lasciato il cuore, tra le più alte e grandiose manifestazioni di bellezza mondiale, dove l’arte e la cultura sono sempre state in attesa di questo momento che ci consente finalmente di accedere, di nuovo, ai nostri luoghi preferiti. È questa l’iniziativa pensata e promossa da Uber, l’azienda che offre un servizio di trasporto automobilistico privato, che porterà chiunque lo desideri al museo, con una corsa a un prezzo scontato.

Un’iniziativa, quella promossa dall’azienda, che vuole dare il suo contributo per agevolare l’accesso alla grande bellezza del nostro Paese e al contempo sostenere la rinascita dell’Italia nel periodo delle grandi riaperture dei musei e dei centri culturali, rimasti chiusi per tanto, troppo tempo, a causa della pandemia.

Uber ti porta al museo, questo il nome del progetto, partirà dal 17 maggio – data in cui si spera che tutta l’Italia sia in zona gialla – e durerà per tutto il mese. Una volta prenotata la corsa, con destinazione in uno dei 30 musei selezionati, l’azienda sconterà automaticamente la corsa del 50%.

Per usufruire della promozione, occorre semplicemente inserire il codice UBERMUSEI all’interno dell’applicazione prima di procedere alla prenotazione della corsa verso un museo. La tariffa scontata può essere utilizzata due volte per ogni utente, idealmente per l’andata e il ritorno.

Si tratta dell’ennesima manifestazione a sostegno delle persone da parte di Uber che, già negli scorsi mesi, aveva messo a disposizione delle corse gratuite per agevolare gli spostamenti durante la campagna vaccinale.

L’iniziativa Uber ti porta al museo, attualmente, è valida in cinque città italiane: Torino, Milano, Bologna, Roma e Napoli, e comprende i principali musei dei capoluoghi italiani come Musei del Palazzo Reale di Torino e il Museo Egizio, il Museo del Castello Sforzesco e la Pinacoteca di Brera a Milano, Le Due Torri e il Museo Civico Archeologico a Bologna, la Gnam, l’Ara Pacis e il Palazzo delle Esposizioni a Roma e Città della Scienza e Napoli Sotterranea nel capoluogo campano.

Non ci resta, quindi, che prenotare la nostra corsa e tornare ad ammirare la grande bellezza del nostro Paese nei bellissimi e suggestivi musei che la custodiscono da sempre.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Visita al Museo? Uber ti paga metà della corsa