Cos’è Il Passenger Locator Form e come funziona

Chi entra in Italia dovrà presentare una card prima dell'imbarco

Un documento digitale che consentirà di tracciare itinerario e informazioni dei viaggiatori, per un contatto immediato in caso di rischio contagio durante il viaggio. A partire dal 24 maggio 2021, tutti i passeggeri che faranno ingresso in Italia, dovranno compilare il dPLF – Digital PLF – Passenger Locator Form O Modulo di localizzazione passeggero. La compilazione dovrà essere fatta prima di entrare nel territorio nazionale.

Cos’è il Passenger Locator Form

Il Passenger Locator Form è un modulo per la localizzazione del passeggero (chiamato anche Passenger Locator Card) che contiene tutte quelle informazioni utili all’Autorità Sanitaria nazionale per poter contattare tempestivamente il viaggiatore in caso di esposizione a malattia infettiva durante il viaggio. Le informazioni riguarderanno l’itinerario di viaggio, il posto a sedere sull’aereo, il recapito telefonico e indirizzo di permanenza in territorio nazionale. La compilazione del modulo digitale, sostituisce la dichiarazione di cui all’art. 50, comma 1, del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 2 marzo 2021.

Chi deve compilare il Passenger Locator Form

Dovrà compilare il Passenger Locator Form (PLF) chiunque faccia ingresso in Italia dall’estero per una qualsiasi durata, a bordo di qualunque mezzo di trasporto. Ciascun passeggero adulto dovrà compilare un singolo modulo. I minori potranno essere registrati nel modulo dell’adulto accompagnatore. In caso di minori non accompagnati, il dPLF dovrà essere compilato dal tutore prima della partenza. Trattandosi di obbligo di legge, in caso di mancata compilazione, verrà negato l’imbarco del passeggero.

Come si compila?

Per compilare il PLF sarà sufficiente collegarsi al sito https://app.euplf.eu/#/ e seguire la procedura guidata per accedere al modulo. A questo punto si dovrà scegliere “Italia” come Paese di destinazione. Sarà necessario registrarsi al sito creando un account personale con user e password, e confermare l’account tramite il link arrivato all’indirizzo email indicato (passaggio necessario solo per il primo accesso). Dopo aver compilato il modulo con le informazioni richieste, il dPLF verrà inviato. Il modulo sarà modificabile anche in viaggio, nel campo relativo al numero di posto assegnato sul volo.

Il passeggero, a questo punto, riceverà all’indirizzo e-mail indicato in fase di registrazione, la card del Passenger Locator Form (dPLF) in formato pdf e Qrcode direttamente sullo smartphone (in formato digitale) da mostrare al momento dell’imbarco. In alternativa, il passeggero potrà stampare una copia cartacea del dPLF da tenere per sicurezza con sé. In caso di problemi tecnologici, sarà possibile compilare il modulo cartaceo, sempre prima della partenza. Da precisare che l’autodichiarazione mostrata alla Polizia di Frontiera dovrà sempre essere in versione cartacea.

Adempimenti delle compagnie dei mezzi di trasporto

Alcuni adempimenti essenziali da parte delle compagnie di trasporto che dovranno garantire la massima comunicazione sul nuovo documento di viaggio, collaborare a promuovere la totale adesione dei passeggeri al nuovo adempimento; verificare l’avvenuta compilazione del dPLF, che verrà mostrato in formato digitale (smartphone) o in copia cartacea prima di consentire l’imbarco del passeggero sul mezzo. In caso di mancata compilazione, impedire l’imbarco.

Passenger Locator digitale

Passenger Locator per chi entra in Italia

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cos’è Il Passenger Locator Form e come funziona