Le location di “Incastrati”, la serie Tv con Ficarra e Picone

A fare da sfondo alle avventure rocambolesche del duo comico, c'è una bellissima Sicilia

È tra le serie Tv più viste su Netflix. “Incastrati”, con i comici Ficarra e Picone. Gangster, delitti, e tante risate sono il segreto del suo successo. Ma non solo. Ci sono anche le location in cui la serie è ambientata.

Due sfortunati tecnici della Tv si ritrovano, per caso, sulla scena di un delitto e, onde evitare di essere sospettati, finiscono per mettersi – sempre più – nei guai. E, a fare da sfondo alle avventure rocambolesche del duo, c’è una bellissima Sicilia, terra d’origine di Ficarra e Picone.

Palermo e i paesaggi ruvidi della campagna siciliana e i pittoreschi borghi sono i protagonisti della serie televisiva.

Le location a Palermo

Alcune delle scene della serie Netflix sono state girate all’interno dei Cantieri Culturali alla Zisa, un’ex area industriale di Palermo, modello sperimentale di rigenerazione urbana. Questa zona, che originariamente ospitava alcune officine, è oggi utilizzata per iniziative culturali. All’interno dei 32 spazi sono stati ricavati l’Accademia di Belle arti, il Centro internazionale della fotografia, alcuni cinema, istituti culturali e spazi per eventi.

Altre riprese sono state fatte per strada. Chi conosce bene la città riconoscerà via Sammartino, vicino al Giardino Inglese, e via Papa Sergio, nei pressi del Porto e della spiaggia dell’Arenella.

palermo giardino inglese
Fonte: Wikipedia
“Bambini che giocano” nel Giardino Inglese di Palermo

I borghi della Sicilia

La campagna è altresì protagonista di alcune scene di “Incastrati”. In particolare, la zona della Piana degli Albanesi, al margine di un altopiano montuoso, sul versante orientale del monte Pizzuta, non lontano dal Capoluogo.

Poco distante c’è il borgo di San Cipirello, un paese distrutto da una frana nell’800 e completamente ricostruito e dove l’edificio più importante è la chiesa Madre. Chi visita questo luogo lo fa principalmente per il sito archeologico risalente al IX-VIII secolo a.C. Si tratta dell’antica città di “laitas”, sorge sull’altopiano del Monte lato, e circa 30 chilometri da Palmero e facilmente raggiungibile tramite la “veloce” Palermo-Sciacca.

sciacca
Fonte: Getty Images
Il porto colorato di Sciacca

E c’è anche Sciacca nella serie con Ficarra e Picone, con il suo splendido centro storico e il coloratissimo porto cittadino che piace molto anche alle celebrity. Vi hanno organizzato persino una sfilata Dolce & Gabbana un paio di anni fa. Del resto, come non restare incantati dai colori pastello degli edifici che si riflettono nel mare blu cobalto, con i pittoreschi pescherecci attraccati al porto, elementi che, nell’insieme, trasformano Sciacca in una vera e propria cartolina vivente.

Altro luogo molto suggestivo che compare in una scena di “Incastrati” è l’Abbazia di Santa Maria del Bosco di Calatamauro a Contessa Entellina, un antico complesso monastico sempre nei dintorni di Palermo. Fin dal XIII secolo, quando 12 frati fondarono il primo eremo, questo luogo è sacro. Nel 1400, Papa Bonifacio IX elevò il monastero ad Abbazia e alla fine del ‘500 iniziarono i lavori per la costruzione del complesso che oggi è meraviglioso ed è un esempio unico in Italia di architettura benedettina e olivetana.

Abbazia_di_Santa_Maria_del_Bosco_sicilia
Fonte: Wikimedia Commons - Davide Mauro
L’Abbazia di Santa Maria del Bosco di Calatamauro a Contessa Entellina

Guardare le fiction, i film e le serie Tv non è solo un intrattenimento da divano, quindi. Quando i produttori scelgono dove ambientarli, ci regalano anche emozioni e spunti di viaggio. Le immagini che ci mostrano sul piccolo o grande scherno destano grande curiosità tra il pubblico e le scelte fatte dai responsabili della fotografia delle produzioni sono una grandissima promozione dei territori di cui spesso ci si innamora e che si desidera visitare in prima persona.

contessa-entellina-sicilia
Fonte: Getty Images
Il territorio di Contessa Entellina in Sicilia