Viaggio a Jaisalmer, l’incredibile “città d’oro”

Immersa nel deserto di Thar, nell'India settentrionale, questa città fortificata è un vero spettacolo per gli occhi. Ecco perché vale la pena visitarla

Soprannominata la “città d’oro”, la bellissima Jaisalmer, con la sua fortezza e i suoi colori, sembra uscita da uno dei racconti delle Mille e una notte. Immersa nel deserto di Thar, nell’India settentrionale e nel grande territorio del Rajasthan, questa città racchiude in sé una moltitudine di bellezze come palazzi, il forte, ma anche l’Anup Mahal, architettura unica e maestosa, ricca di decori e mosaici colorati.

L’imponente Forte di Jaisalmer, in particolare, accoglie i viaggiatori nella cittadina e li proietta sin da subito nel passato. Si pensi che si tratta di una delle più grandi e ben conservate città fortificate del mondo, costruita in passato a scopo difensivo con corazze ondulate di pietra e cannoni disposti sopra i quattro portoni di ingresso. Oggi patrimonio dell’umanità Unesco, questo forte fu voluto dal re Rawal Jaisal e per molto tempo fu sede di passaggio per le carovane in viaggio verso la Via della seta.

Rimanendo in città vale la pena visitare anche anche lo stupendo Patwon-Ki-Haveli, un palazzo di cinque piani oggi sede anche di un museo. Si pensi che questo sontuoso edificio venne costruito da un noto commerciante, progettato con lunghi corridoi e pareti d’arenaria gialla completamente decorate.

Tra le altre bellezze di Jaisalmer, poi, come non citarne i magnifici templi giainisti, scolpiti con grande maestria, come quello di Lodurva, con statuette, bassorilievi esterni e una cupola ricavata da una sola pietra, e il Bada Bagh, il grande giardino della famiglia reale voluto da Maharawal Jait Singh, poi completato dal figlio Lunakaran. Un luogo isolato, posto sulle colline appena fuori dalla città, e da cui si può godere di una vista meravigliosa su panorami pazzeschi, soprattutto all’alba e al tramonto.

A circa un chilometro dalle mura della città d’oro, poi, si può visitare il lago Gadisar. Si pensi che, un tempo, questo era l’unico giacimento d’acqua e serviva per l’approvvigionamento dei cittadini. Oggi, circondato da templi e un piccolo monumento tra le acque, si può osservare con una gita in barca.

E visto che siamo nel deserto, per rendersi conto della sua bellezza niente è più consigliato che iniziare un percorso lungo le Sam Sand Dunes, luogo ideale per praticare anche un’avventurosa attività di safari tra la sabbia spingendosi poi verso il parco, ad ovest della città di Jaisalmer, verso l’area più protetta, tra dune, rocce e fondi di laghi salati. L’ideale per spiriti avventurosi e che vogliono ammirare la bellezza della terra incontaminata.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Viaggio a Jaisalmer, l’incredibile “città d’oro&#82...