Città di Ischia, cosa vedere nella splendida località aragonese

Vacanza a Ischia, graziosa località nel cuore dell’isola. Scopriamo insieme le sue maggiori attrazioni storiche e le mete del divertimento

La città di Ischia è la principale località da cui prende il nome l’isola stessa, si estende lungo la costa nord-orientale tra le colline di S. Alessandro e il Castello Aragonese. È una località turistica particolarmente graziosa e vivace, il vero cuore dell’isola di Ischia, ha numerosi alberghi di ogni categoria ed un intenso movimento turistico. Famosa per le sue spiagge sabbiose e le sorgenti termali, possiede anche tante attrattive storiche e religiose che delizieranno i visitatori che scelgono la città di Ischia come meta preferita per le loro vacanze.

Il piccolo comune è suddiviso nella parte più antica, Ischia Ponte, la parte più moderna di Ischia Porto, anticamente chiamato Villa dei Bagni per la presenza di diverse terme e la zona collinare di Campagnano. La zona di Ischia Porto ricavata da un lago che era un antico cratere vulcanico è una delle più frequentate dell´isola. Si sviluppa attorno al porto turistico la cui apertura fu inaugurata con una solenne cerimonia, alla presenza del re Ferdinando II di Borbone nel 1854.

Oggi questo scalo è la porta d´ingresso di Ischia, infatti sulla riva sinistra si trova la banchina che accoglie i traghetti in arrivo da Napoli e Pozzuoli; ma se venite da lontano è consigliato atterrare all’aeroporto di Napoli Capodichino e da qui muoversi verso il porto. Alle spalle del Porto si trova il piccolo e antico Borgo di Sant’Alessandro, collegato attraverso un vicoletto alla spiaggia degli Inglesi, una delle spiagge più nascoste dell´isola, ideale per chi cerca privacy e tranquillità.

Più avanti si incrocia lo stabilimento balneo-termale delle sorgenti Fornello e Fontana, dove un tempo si trovava la dimora estiva dello stesso Ferdinando II. Si tratta di una Casina Reale che i Borboni tolsero alla famiglia locale dei Buonocore, e si dice che il re qui si dedicasse a frequenti “battute” di pesca nel piccolo specchio d’acqua. La riva di destra o “rive droite” del porto è il “salotto” della città, una stradina frequentatissima soprattutto d’estate, piena di night-clubs, piano-bar, discoteche, ristoranti tipici e tavernette folcloristiche che rendono questa zona il centro della movida e della vita mondana dell´isola.

Inoltre possiede il più grande shopping center di tutta l’isola, che si estende lungo le passeggiate più prestigiose ed esclusive di Ischia, via Roma e Corso Vittoria Colonna, piena di negozi con artigianato locale e boutique di alta moda. La passeggiata lungo il Corso offre anche interessanti spunti dal punto di vista architettonico e paesaggistico, come la chiesetta di Santa Maria delle Grazie, del XVII secolo la cui facciata è ricoperta di maioliche gialle e verdi o la zona della Mandra, l’antico villaggio dei pescatori con le tipiche case bianche o multicolori e la spiaggia dei Pescatori, bellissima insenatura dalla spiaggia fine e bianca.

Da qui è facile raggiungere Ischia Ponte, una delle zone più affascinanti e visitate della città, denominato “Borgo di Celsa” per via delle piante di gelso che caratterizzavano il paesaggio. È un luogo ricco di storia in cui sono concentrati alcune tra le vestigia più antiche della città, tra cui il Vescovado, risalente alla metà del ‘700 che oggi ospita la diocesi di Ischia, la Cattedrale dell’Assunta, decorata con affreschi della scuola di Giotto e con una splendida fonte battesimale dove nel 1654 venne battezzato San Giovanni Giuseppe della Croce, patrono dell’isola di Ischia, e il Palazzo dell’Orologio, sede del Museo del Mare che illustra tutti i segreti dei fondali e della vita marina.

Ma il fiore all’occhiello della città è sicuramente il Castello Aragonese, un luogo pieno di storia e di magia che ogni anno attira migliaia di turisti. Raggiungibile dal Piazzale delle Alghe mediante un pontile in pietra di 228 metri, costruito da Alfonso d’Aragona alla metà del XV secolo, dove oggi fioriscono molti bar e ristoranti, mentre sul piazzale aragonese, ogni estate vanno in scena diversi eventi, tra cui il Premio Nazionale di giornalismo e la kermesse Ischia Film Festival, per promuovere il cinema italiano.

La visita del castello è molto suggestiva e al suo interno si possono visitare un gran numero di edifici storici, sia laici che ecclesiastici, che rendono testimonianza della sua gloria passata. La Chiesa dell’Immacolata, con l’annesso convento, oggi adibito ad albergo, che presenta nei suoi sotterranei uno dei luoghi più visitati dai turisti, il cimitero delle Clarisse, la Cattedrale di Santa Maria della Scala e la misteriosa cripta con affreschi trecenteschi di scuola giottesca e il corpo di guardia attualmente occupato dal Museo degli Attrezzi, che esibisce una macabra esposizione di strumenti di tortura e armi antiche.

Ischia Ponte è sormontata dalla frazione di Campagnano, la parte collinare della città e la spiaggia di Cartaromana, affacciata sul Castello Aragonese, una zona residenziale ricca di strutture turistiche che sfruttano lo splendido panorama e la vicinanza con gli scogli di Sant’Anna, dove, su piattaforme adagiate sulle rocce vulcaniche in mezzo al mare, si può passare una bella giornata al sole o fare immersioni per ammirare i fondali sottomarini. Qui, ogni anno, il 26 di luglio, si celebra la Festa di Sant’Anna di Ischia con un importante processione in mare di barche e carri allegorici.

Alle spalle della baia di Cartaromana si erge la Torre di Guevara, nata nel periodo aragonese per difendere le zone limitrofe del Castello, e poi divenuta una elegante dimora della famiglia dei Guevara agli inizi dell´Ottocento. La Torre oggi è sede di manifestazioni ed eventi culturali come spettacoli e mostre d’arte ed è aperta al pubblico. Risalendo la strada di Cartaromana c’è la zona dei Pilastri dove è possibile vedere l’antico Acquedotto Romano.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Città di Ischia, cosa vedere nella splendida località aragonese