Quando andare a Barcellona: 10 motivi per partire in ogni momento dell’anno

Settembre a Barcellona: tutte le informazioni su cosa fare e visitare durante un soggiorno nella città catalana

Il mese di settembre a Barcellona è un periodo perfetto per visitare la città, anche se in realtà è una città che può essere vista tutto l’anno. I motivi per visitarla sono moltissimi.

Uno dei principali è la ricchezza storica e artistica della città. Ne è un esempio il Barrio Gotico, il quartiere gotico della città dove sorge la famosa cattedrale di Santa Maria del Pì, e che rappresenta il centro storico di Barcellona.

Qui si trovano i resti dell’antico nucleo originario fondato dai Romani, che la chiamavano Barcino. Fare una passeggiata tra le strette vie piene di negozi e ristoranti, bere un caffè in Plaça Real o visitare il vicino Museo Picasso vi farà trascorrere ore indimenticabili.

Da questo quartiere si raggiunge facilmente a piedi la Rambla, il viale pedonale più famoso di Barcellona, che si sviluppa per un chilometro dalla fontana di Plaça Catalunya al monumento dedicato a Cristoforo Colombo, a pochi passi da porto. Da Port Vell (il porto vecchio) si può prendere una funicolare che sale fino al Parco di Montjuic, situato in un punto panoramico spettacolare (andate la mattina perché la fila è sempre lunga). Qui c’è la Font Magica, una fontana che viene attivata creando magnifici spettacoli di acqua e luci.

La Rambla è affiancata da una moltitudine di negozi di souvenir, ristoranti e tapas, i tipici bar che servono sfiziosi stuzzichini da accompagnare a una bella caraffa di sangria, la famosa bevanda spagnola molto amata dai turisti di tutto il mondo che ogni anno affollano le vie della città.

Prima di arrivare al monumento di Colombo si incontra l’entrata del più grande mercato coperto chiamato la Boqueria, dove si possono acquistare tutte le specialità tipiche spagnole come il famoso prosciutto Pata Negra.

Gli appassionati di arte non potranno perdere il tour della città tra le opere più famose del grande architetto Antonì Gaudì, come la Sagrada Familia, Parc Guell e Casa Batllò, solo per citarne alcuni. Un altro dei motivi per cui Barcellona è consigliata come meta delle vacanze tutto l’anno è la possibilità di mangiare la miglior paella di tutta la Spagna (dopo Valencia, ovviamente) in alcuni ristoranti del Porto Olimpico. Il migliore è sicuramente la Fonda del Porto Olimpico, dove si può magiare fuori anche d’nverno durante le belle giornate. In inverno il clima non è mai troppo freddo, e molto difficilmente nevica, anche se negli ultimi anni qualche volta è successo.

Nella parte della città chiamata Ciutadela è possibile passeggiare fino all’Arco romano di Augusto, visitare lo zoo cittadino e raggiungere la spiaggia più famosa della città, Barceloneta, dove sorgono alcuni degli hotel più utilizzati dai turisti stranieri.

La città è servita dall’aeroporto El Prat anche dalle compagnie aeree low cost, da quando hanno costruito il nuovo Terminal, mentre prima le compagnie aeree a basso costo atterravano a Girona, a circa 100 chilometri da Barcellona, con cui poi si collegava via bus o treno, perché il taxi è troppo costoso per una distanza del genere.

Se decidete di trascorrereun weekend a Barcellona consigliamo di organizzare un’escursione fuori porta al Monastero della Moreneta, un santuario che si trova a Monserrat, a circa due ore di bus dalla città catalana e che costituisce uno dei luoghi di pellegrinaggio di culto cattolico di tutta la Spagna. Tra l’altro, per raggiungerlo occorre prendere anche una funivia e percorrere un tratto a piedi. Il santuario si trova a circa mille metri di altitudine e da lì si gode di una spettacolare vista sul paesaggio circostante.

A settembre a Barcellona è possibile assistere ai festeggiamenti del patrono, Santa Maria della Mercede, caratterizzati dalla sfilata in abiti d’epoca a piedi e a cavallo per le vie del centro, molto interessante dal punto di vista folkloristico e particolare da vedere.

Per fare un giro veloce di Barcellona è sufficiente prendere un bus turistico di quelli a due piani e ammirare la maggior parte delle attrazioni della città. In alternativa si possono usare i taxi perché in città sono abbastanza economici rispetto agli standard italiani di Roma.

Agli appassionati di sport consigliamo invece di andare a visitare il museo della squadra di calcio cittadina e il campo da gioco del Barcellona FC, il Camp Nou, tappa impedibile per tutti i tifosi. Infine, se avete visitato tutte le cose sopra descritte, vi consigliamo di visitare alcune località balneari molto famose che si trovano in provincia di Barcellona come Calella e Lloret de Mar. A settembre si fa ancora il bagno.

Quando andare a Barcellona: 10 motivi per partire in ogni momento ...