Le Ville Venete e i migliori itinerari: scoprire le Ville Palladiane

Un itinerario nelle campagne del Veneto, tra Padova, Vicenza, Treviso e Venezia

Al confine tra Veneto e Friuli Venezia Giulia, nelle campagne tra le provincie di VicenzaPadova, Treviso e Rovigo, quella che un tempo era chiamata Repubblica di Venezia, si trovano numerosi edifici antichi, quasi tutti aperti ai visitatori curiosi. Sono le Ville Venete o Ville Palladiane, edificate intorno alla metà del Cinquecento dall’architetto Andrea Palladio per le famiglie più importanti. Se ne contano una sessantina, ma solo 24 di esse sono state inserite nella lista Patrimoni dell’umanità dell’Unesco. Se desiderate visitarle potete muovervi seguendo un itinerario in cui arte, cultura e natura creano un mix meraviglioso.

Molte di queste ville sono aperte al pubblico in alcuni periodi dell’anno. Altre sono accessibili esclusivamente su prenotazione o con visite guidate, ma la maggior parte delle Ville Venete sono aperte a tutti specialmente durante i weekend. Non potendo elencarle tutte, ecco un itinerario in dieci tappe:

1. Villa Foscari detta La Malcontenta – Mira (VE)
E’ una villa veneta costruita da Andrea Palladio nel 1559 a Malcontenta, lungo il Naviglio del Brenta, per i fratelli Nicolò e Alvise Foscari. Gli affreschi interni rappresentano soggetti di carattere mitologico. Una leggenda vuole che la villa debba il soprannome di Malcontenta a una dama di casa Foscari, relegata tra le sue mura in solitudine per scontare la pena per la sua condotta viziosa.

2. Castello di Roncade – Roncade (TV)
Questo castello è stato abbandonato per molti anni, solo nel 1930 il Barone Tito Ciani Bassetti iniziò il restauro della struttura che permise di ritrovarne l’originaria bellezza e avviarvi un’attività vitivinicola.

3. Villa Tiepolo Passi – Carbonera (TV)
Costruita in stile veneziano-barocco, la Villa di Carbonera venne, nei secoli, accresciuta e impreziosita. La villa è abitata dalla famiglia Passi ed è sede di un’azienda agricola con prodotti biologici.

4. Giardini di Villa Emo – Rivella (PD)
Il giardino circonda la villa e sorge ai piedi dei colli Euganei. Fino agli Anni ’70 intorno a essa si estendevano frutteti e campi coltivati, solo nel 1966 sono iniziati i lavori di risistemazione.

5. Villa Valmarana ai Nani – Vicenza
I locali della villa sono stati decorati da Giambattista Tiepolo e dal figlio Giandomenico. Nella palazzina Giambattista dipinse temi tratti da letture care al committente: Iliade, Eneide, Gerusalemme Liberata, Orlando Furioso.

6. Villa Cordellina Lombardi – Montecchio Maggiore (VI)
L’intero complesso è stato ultimato nel 1760, quando divenne un vero e proprio punto d’incontro per personaggi illustri. Il punto forte sono gli affreschi del salone.

7. Villa Contarini – Piazzola sul Brenta (PD)
E’ una delle più grandi ville venete. Di stile barocco, il nucleo centrale si deve probabilmente all’architetto Andrea Palladio, sul retro della villa è situato è un vasto parco di oltre 40 ettari con peschiere, tempietti, chalet, laghi e viali alberati.

8. Castello del Catajo – Battaglia Terme (RO)
Costruito in soli tre anni, fra il 1570 e il 1573, il castello è circondato da un vastissimo parco e dal giardino delle delizie, con una grande peschiera e numerose piante esotiche.

9. Villa Pisani Bolognesi Scalabrin – Vescovana (PD)
La villa sorge sui resti di un’antica torre medievale e fu fatta edificare dal cardinale Francesco Pisani. Gli interni sono totalmente affrescati, molto bello anche il giardino.

10. Villa Badoer – Fratta Polesine (RO)
L’edificio sorge sul sito di un castello medievale e risulta sopraelevato. L’effetto scenografico è sottolineato dalle acque del canale che circondano la villa.

Le Ville Venete e i migliori itinerari: scoprire le Ville Palladi...