Tour del Borneo: un’avventura tra orango e antiche tribù indigene

Viaggio nelle terre di Sandokan, un paradiso da visitare da viaggiatore e non da turista

Situato nel sud est asiatico, il Borneo è, per grandezza, la terza isola al Mondo. Si divide in tre stati, ovvero la Malesia (a sua volta divisa nelle regioni di Sabah e Sarawak), il Brunei, a nord e l’Indonesia (regione del Kalimantàn), a Sud. Per apprezzare veramente il Borneo è consigliabile munirsi di scarpe da ginnastica, uno zaino pieno solo dell’indispensabile e di occhi ben aperti sulle meraviglie della natura. La Malesia è una destinazione a rischio sicurezza, meglio tenersi aggiornati sul sito della Farnesina.

Qui, a cavallo dell’Equatore, il visitatore troverà ad attenderlo una natura selvaggia ed incontaminata.
Ed ecco, di seguito, un breve elenco di alcune delle cose che non bisogna assolutamente lasciarsi sfuggire se si ha la fortuna di visitare questo luogo sorprendente.

Kuching
Capitale del Sarawak, in Malesia, è la principale città dell’isola. Il nome significa Città dei Gatti. Qui, per le strade, sono presenti numerose statue raffiguranti il felino, a cui è dedicato persino un museo.

Bako National Park
Posto nei pressi di Kuching, in questo piccolo parco è possibile ammirare le Nasiche, ovvero le cosiddette scimmie elefante. Tra le altre specie presenti, macachi, scoiattoli volanti ed uccelli, in una vegetazione ricca di piante tropicali. Percorsi ben segnati conducono alle cascate situate all’interno.

Batang Ai National Park
Il Batang Ai National Park si trova nei pressi del confine con il Borneo indonesiano, lungo l’omonimo fiume. Si tratta della riserva forestale del popolo Iban, i famosi cacciatori di teste.
Qui, in barca, si potranno vedere le caratteristiche ″long house″, case lunghe, che possono ospitare 300 persone sotto lo stesso tetto. Bellissima la flora e la fauna presenti nel parco (orango tango e bucero rinoceronte, ritenuto nella cultura locale il messaggero degli dei).

Turtle Island National Park
A 40 km da Sandakan, il parco è costituito da tre isole. L’unica aperta al pubblico, Selingan, è visitabile da solo 38 persone al giorno. Qui, i pochi fortunati potranno ammirare le tartarughe che depositano le uova e il vivaio dei piccoli, oltre che fare il bagno in un mare cristallino.

Camp Leakey
Chi decide di avventurarsi nel Borneo indonesiano, non può perdersi il Centro di riabilitazione degli Orango Tango, dove si potranno avere incontri ravvicinati con i primate. Qui, i naturalisti potranno dormire sul Klotok, caratteristica imbarcazione galleggiante, godendosi una sinfonia notturna di suoni incantevoli.

Immagini: Depositphotos

Tour del Borneo: un’avventura tra orango e antiche tribù i...