Viaggio a Neapolis, arte storia mare sulla punta del Peloponneso

Cosa vedere a Neapolis, bianca cittadina del Peloponneso: il porto e le chiese, il castello di Agia Paraskevi, le spiagge, la foresta pietrificata di Agia Marina

Neapolis è una cittadina di circa 2000 abitanti sulla costa interna della Laconia orientale, la punta estrema del Peloponneso, ad appena 150 chilometri dalla leggendaria città di Sparta. La città moderna si trova a poca distanza dal luogo dove sorgeva Voies, una antichissima città di origine micenea fondata nel 2000 a.C., dove una leggenda sostiene fosse arrivato anche Enea, il condottiero troiano in fuga dopo la distruzione della sua città da parte degli Achei. Enea avrebbe anche fondato a poca distanza Afrodisia, Itis e Sidis formando la cosiddetta Tripoli della Laconia che in periodo miceneo furono alcune delle città più ricche del Peloponneso.

Da un’analisi storica risulta evidente che Voies fu uno dei centri di maggior importanza della zona fino al momento della conquista romana della Grecia, nel corso del II secolo a.C., quando la città venne abbandonata dopo che l’esercito di Roma incendiò gli edifici più importanti. Oggi Neapolis fa parte insieme ad altri centri minori della municipalità di Vatika, integrata nel più grande comune di Malvasia, che si trova sulla costa opposta della Laconia.

Questo piccolo centro è una vera scoperta per i turisti che arrivano da Atene e dalle altre più famose città della Grecia poiché, pur essendo poco conosciuto, nasconde una ricchezza artistica, storica e un mare che non hanno nulla da invidiare alle sue sorelle maggiori. In questa guida scopriremo le mete più interessanti e le attrazioni da non perdere in un viaggio a Neapolis, tra arte storia e mare sulla punta del Peloponneso.

Neapolis si presenta come una piccola cittadina in riva al mare, con le basse abitazioni intonacate di bianco e il suggestivo porticciolo dove si può fare una passeggiata e sedersi ad ammirare il dondolio delle piccole barche dei pescatori ferme lungo il molo. Le piccole strade del centro sono un viaggio nel tempo verso una Grecia più antica e autentica rispetto alle grandi città più famose del continente e offrono la possibilità di gustare prelibati piatti di pesce freschissimo, grazie ai numerosi ristoranti che si riferiscono direttamente dai piccoli pescatori locali.

A poca distanza dal porto di Neapolis si può visitare una interessante realtà museale: il Museo del mare, che raccoglie numerosi oggetti che raccontano in modo molto chiaro il rapporto simbiotico tra la città e le acque dell’Egeo che la bagnano; inoltre nelle sue sale si possono scoprire le storie dei numerosi relitti di navi che nel corso dei secoli sono naufragate e sono state affondate nel corso di aspre battaglie nella baia davanti la città.

Tra i monumenti più interessanti del centro si può visitare la bella chiesa di Agia Triada, costruita su una piccola collina che permette di avere una splendida vista su tutta la baia di Vatika e si può ammirare la statua del marinaio sul molo principale del porto.

Un’attrazione da non perdere rimanendo nel centro è il Museo archeologico, che raccoglie una ricchissima collezione di reperti da tutta l’area circostante e permette di apprezzare in prima persona il grado di sviluppo che queste città della Laconia avevano raggiunto in età classica. Il museo è stato recentemente riallestito e oggi è uno dei fiori all’occhiello della municipalità di Malvasia, ricoprendo anche il ruolo di polo didattico per tutte le scuole della regione.

A pochi chilometri dal centro si può visitare lo spettacolare castello di Agia Paraskevi, una fortezza bizantina che nel corso dei secoli è stata conquistata dai franchi e dagli ottomani, e sebbene oggi sia parzialmente danneggiato è ancora possibile salire alla base delle sue possenti torri e ammirare lo spettacolare paesaggio che si estende fino al mare. Il castello è anche il luogo perfetto dove scattare qualche fotografia di grande impatto poiché le rovine, gli archi gotici e le sale vuote popolate dall’edera sono davvero ricchi di suggestione e incanto.

Avendo la possibilità di spostarsi poco più lontano si può visitare uno dei luoghi più magici e spettacolari della regione, la foresta pietrificata di Agia Marina. Questa realtà unica nel suo genere è il risultato di un rarissimo fenomeno geologico che porta alla fossilizzazione della paleoflora risalente a milioni di anni fa, quando il Mediterraneo non esisteva ancora e il territorio dell’attuale Grecia era coperto da una enorme foresta primordiale.

Oggi questo geoparco offre la possibilità di vedere da vicino i resti fossili della foresta preistorica, dove a poca distanza da un mare di rara bellezza si possono riconoscere le forme dei tronchi e dei rami di antichissimi alberi pietrificati. Il sito del geoparco si trova a circa 14 chilometri dal centro di Neapolis ed è facilmente raggiungibile seguendo le indicazioni verso sud in direzione Agia Marina.

Per gli amanti del mare e delle spiagge sabbiose Neapolis ha in serbo dei veri e propri paradisi balneari: lunghe spiagge di sabbia dorata che si tuffano uno spettacolare mare color cobalto, in zone che sono ancora incontaminate e poco frequentate dal turismo di massa.

Tra le spiagge più belle e suggestive si possono segnalare la riservata Agios Pavlos, di una splendida sabbia bianca nelle vicinanze di una interessante cappella bizantina, Rismari, vicino ad un villaggio di pescatori, che offre una bella mezzaluna di sabbia dorata e acque poco profonde e infine anche la spiaggia di Neapolis, appena fuori dal centro abitato, molto comoda da raggiungere e con un mare dalla limpidezza impareggiabile.

Chi preferisce le camminate e le escursioni può trovare la fitta rete di sentieri che si inerpicano per le spettacolari colline attorno a Neapolis, facilmente riconoscibili grazie alla nuova segnaletica e alle mappe disponibili in buona parte del territorio. Tra i percorsi più suggestivi segnaliamo il sentiero D4 Neapolis-Prophitis Elias che conduce tre le meravigliose vallate dell’entroterra fino ad uno spettacolare villaggio costiero incastonato sulle sponde del mare.

Viaggio a Neapolis, arte storia mare sulla punta del Peloponneso