Cosa vedere a Padova, città d’arte e tradizione

Ecco le 5 attrazioni da non perdere nella splendida città veneta

La Cappella degli Scrovegni di Padova è sicuramente una tappa obbligata se decidete di visitare questa città. E’ un importante luogo di culto cattolico situato nel centro storico ed è visitabile tutti i giorni dalle 9 alle 19. Affrescata da Giotto all’inizio del XIV secolo, contiene il più importante ciclo pittorico realizzato da un unico autore, e da sola basterebbe a giustificare una visita a questa splendida città.

La Basilica di Sant’Antonio è conosciuta dai padovani come “Il Santo”, in quanto Sant’Antonio è il patrono della città. E’ una delle più grandi chiese al mondo e al suo interno sono custodite le reliquie del Santo che le dà il nome. Nella piazza antistante la chiesa si trova il monumento equestre al Gattamelata, realizzato dal Donatello, il quale realizzò anche le sculture di bronzo di varie dimensioni collocate sull’altare maggiore della basilica.

Il Prato della Valle è l’orgoglio dei padovani: si tratta di una piazza seconda per estensione solo alla Piazza Rossa di Mosca, ed è formata da un’isola centrale totalmente verde, intorno alla quale si trova un canale circondato da 78 statue in doppia fila di personaggi importanti del passato. Il canale è tagliato da ponti e sull’area è possibile rilassarsi in ogni momento della giornata.

Il Duomo di Padova e il suo splendido Battistero sono messi in secondo piano dalla Basilica di Sant’Antonio, ma restano due mete imperdibili in questa città. Il Duomo venne progettato da Michelangelo e fu dedicato alla Vergine Assunta; il Battistero contiene un ciclo di affreschi di Giusto de’ Menabuoi, che rappresenta angeli, santi e un severo Cristo Pantocratore situato al centro della scena.

Piazza delle Erbe, come suggerisce il nome, è la piazza di Padova dedicata al mercato. Anche i nomi delle vie circostanti tradiscono la loro antica funzione commerciale. Su questa piazza si affacciano il Palazzo della Ragione, un palazzo dagli interni stupefacenti e sede del Tribunale, e il Palazzo delle Debite, un tempo adibito a prigione, a cui si accedeva dal Palazzo della Ragione attraverso un passaggio ormai distrutto.

Immagini: Depositphotos

Cosa vedere a Padova, città d’arte e tradizione