Cosa fare a Nerja, le grotte, le spiagge, il mare

Vacanze a Nerja, perla della Costa del Sol, che aspetta con le sue misteriose caverne, il suo mare blu e la sua movida per la vacanza dei vostri sogni

Le sue fantastiche grotte con le sue immense stalattiti e i suoi dipinti preistorici, le sue spiagge con il mare blu dal quale si levano albe dorate sono solo alcuni dei motivi per organizzare una vacanza a Nerja. Perché questa località ospita anche il Balcòn d’Europa, per godersi la vista più bella del Mediterraneo. Nerja è la perla della Costa del Sol che vi attende per la vacanza dei vostri sogni; una cittadina turistica spagnola, di 16 mila abitanti, nell’Andalusia, precisamente nella provincia di Malaga che si affaccia nel Mediterraneo.

La cittadina di Nerja nasce lungo un villaggio costiero ed esplode con il turismo che ha prodotto una serie di quartieri residenziali, senza però snaturare il contesto mediterraneo originario. Nei dintorni della città ci sono spettacolari paesaggi e tanti sentieri da percorrere per il trekking e tanti i monumenti da ammirare.

Innanzi tutto le cuevas de Nerja, spettacolari cunicoli sotterranei, a 3 chilometri dal centro, nel comune di Maro. Furono scoperte per caso da tre ragazzi nel 1959 che inseguivano alcuni pipistrelli volati dentro una fessura: si tratta di formazioni geologiche di origine carsica e risalirebbero a milioni di anni prima di Cristo.

Le grotte di Nerja vantano dimensioni spettacolari (4,2 chilometri e si estende per oltre 35 mila metri quadrati), la stalattite più lunga d’Europa (63 metri) e tante pitture (si contano almeno 321 cicli pittorici) risalenti all’era del paleolitico (26 mila anni fa). Monumento storico artistico e bene di interesse culturale, il complesso è di alto interesse, geologico, biologico e archeologico.

Il complesso è diviso in grandi sale: la Sala del Vestibolo (dove sono esposti dei resti umani in una teca), la Sala dei Fantasmi (disegni rupestri di figure simboliche e animali), la Sala del Cataclisma, la Sala del Presepe ( con una sepoltura di 3 mila e 600 anni fa) e la Sala della Torca (si distinguono disegni rupestri che ritraggono figure antropomorfiche).

Al pubblico è parto solo un terzo delle gallerie (la zona della Galerìas Bajas). E in alcune sale si svolgono concerti a luglio un festival di danza e musica a cui assistono tanti spettatori provenienti da Nerja e dalle località vicine. Nelle cavità ci sono le tracce di insediamenti umani preistorici, come incisioni rupestri, armi, ossa, gioielli tra i 43 mila e i 12 mila anni prima di Cristo.

Una seconda attrazione di Nerja da non perdere è il Balcòn de Europa, punto panoramico che si affaccia sul mare che prende il nome da una battuta di re Alfonso XII che nel 1884 definì questo punto di osservazione militare “il balcone d’Europa”. Oggi è un punto turistico molto frequentato a Nerja, dove si può passeggiare mangiando un gelato o ammirare tra giocolieri, musicisti e artisti di strada.

Il Balcòn d’Europa si affaccia su due delle spiagge più famose di Nerja e cioè la spiaggia di Calahonda e della Caletilla. Da non perdere anche il borgo medievale di Frigiliana, con il suo meraviglio eremo, i resti del castello e la vecchia fontana.

Nerja ha 13 chilometri di coste tutte da scoprire. Iniziate dalla Calahonda, tra le più fotografate di tutta la Spagna, lunga 120 metri e larga 20, una distesa di sabbia scura. Frequentatissima dai turisti. Il parcheggio è a 5 minuti e si arriva alla spiaggia dopo aver disceso una scala a “zig zag”. Fate poi un salto a quella di Caletilla e alla spiaggia di El Salòn, piccola insenatura dal fascino speciale dove si trovano accanto alle rocce i capannoni dei pescatori utilizzati come deposito per gli attrezzi da pesca.

La più amata dai turisti in vacanza a Nerja è la piccola spiaggia di Maro, una delle più belle dell’Andalusia. Piccola e spettacolare sotto le scogliere della Sierra de Tejeda, meno affollata delle spiagge centrali, con sabbia grossolana e circondata da vegetazione spontanea e campi di canna. Si distingue per il mare calmo e un’acqua cristallina (tanti i coralli e i pesci) a pochi chilometri dal centro cittadino, luogo ideale per la vostra vacanza. L’ideale è alzarsi presto e godersi in questa spiaggia nascosta un’alba spettacolare. A Maro potrete praticare snorkeling (da vedere coralli, spugne e anemoni vi aspettano) o corse in kayak e immersioni. Tante le grotte che potrete esplorare se siete sub esperti.

E sempre a pochi chilometri da Nejra, c’è la spiaggia di Burriana, amatissima dai turisti per le tante opportunità di praticare sport a disposizione e per i tanti ristoranti della zona. E ricordatevi che a Nejra si mangiano delle squisitissime tapas. Le migliori nei ristoranti Taberna Pepe Moles, Mo Gastro Tapas , Bar Redondo e El Sevillano.

Arrivarci da Malaga è semplice: basta prendere la E-15/ A-7 verso Motril e percorrere 50 chilometri fino a Nerja Costa. Mentre da Granada si impiega un’ora percorrendo la E-902/A-44 fino a Motril per poi imboccare nell’ultimo tratto la E-15/ A-7. Per raggiungere Maro da Nerja prendete la N-340 verso Almeria e quando raggiungete la rotatoria della grotta di Nerja prendete la prima uscita prima di entrare a Maro. Poi attraversate il villaggio si supera l’hotel Playa Maro, imboccate la prima a destra alla rotatoria e continuate lungo le serre fino al parcheggio.

Cosa fare a Nerja, le grotte, le spiagge, il mare