Viaggiare nei Paesi d’Europa dove non c’è più coprifuoco

Sono diversi i Paesi europei che, in vista dell'estate, hanno abolito il coprifuoco: ecco dove ci si può spostare anche di notte

Basta coprifuoco: alcuni Paesi europei hanno deciso di abolire qualsiasi limitazione agli spostamenti in orario notturno, soprattutto pensando alla stagione estiva ormai alle porte. Vengono dunque pian piano meno le restrizioni per i cittadini – e per i turisti che si accingono a scegliere la meta del loro prossimo viaggio.

In effetti, proprio dal punto di vista turistico l’abolizione del coprifuoco sembra avere innegabili vantaggi: mai abbiamo voglia di concederci una passeggiata serale o qualche ora di divertimento per locali come quando siamo nel bel mezzo del relax delle nostre vacanze. Non poterlo fare è senza alcun dubbio un grosso limite, e non sorprende scoprire che i viaggiatori stiano calcolando anche questo fattore nel decidere quale sarà la destinazione per l’estate.

In Italia, il Governo sta valutando proprio in queste ore l’opportunità di ridurre la durata del coprifuoco. Se al momento l’ultimo Dpcm ancora in vigore prevede il divieto di spostamenti dalle ore 22:00 alle ore 5:00, il Presidente Mario Draghi si è dichiarato possibilista nel ritardare sino alle 23:00 l’inizio del coprifuoco. La decisione, a quanto pare, verrà adottata solo in seguito ai risultati del monitoraggio di questa settimana sui numeri riguardanti il contagio.

Sono proprio la massiccia campagna vaccinale e la riduzione dei casi di Covid-19 i fattori principali che hanno già portato alcuni Paesi europei a rinunciare a questa misura di sicurezza. La Spagna, ad esempio, ha deciso di eliminare la limitazione agli spostamenti notturni, almeno in gran parte delle sue regioni. Mentre le strade di Madrid e Barcellona tornano a vivere anche di notte, vige ancora il coprifuoco nella Navarra, nei Paesi Baschi, nella Comunità Valenciana, alle Canarie e alle Baleari.

Anche in Belgio è possibile ora spostarsi nelle ore notturne: il Governo sta addirittura vagliando la possibilità di organizzare dei festival estivi ai quali si potrà accedere solamente dietro possesso del Green Pass, che attesti l’immunità al Covid o la negatività al tampone. La Germania ha invece deciso per una via di mezzo: solo i cittadini che hanno ricevuto il vaccino possono venire meno alle normative di emergenza, tra cui il coprifuoco e l’obbligo di quarantena al rientro da un viaggio all’estero.

Diversi altri Paesi stanno adottando misure di sicurezza meno restrittive in vista dell’estate. È il caso della Francia, che pur lasciando in vigore il coprifuoco a partire dalle 19:00 ha già tolto l’obbligo di autocertificazione per gli spostamenti e la possibilità di muoversi oltre i 10 km dal proprio domicilio. Inoltre lo Stato sta sperimentando una prima fase di riapertura al turismo, permettendo l’ingresso ai viaggiatori provenienti dai Paesi UE e da altri 7 Paesi extra-UE.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Viaggiare nei Paesi d’Europa dove non c’è più coprifuoco