È in Val Venosta il primo villaggio degli alpinisti italiano

Il piccolo paese di Mazia, nel cuore delle Alpi Venostane, è il primo villaggio degli alpinisti d'Italia


Fonte: ©Val Venosta Marketing – Frieder Blickle

 

A sud del Brennero, nel cuore della Val Venosta, sorge il piccolo e grazioso paese di Mazia, frazione di Malles, incoronata primo villaggio degli alpinisti italiano. Il pittoresco insediamento montano è tra i partecipanti al progetto transfrontaliero “Villaggio degli Alpinisti”, promosso dal club alpino austriaco OAV in collaborazione con la Convenzione delle Alpi, Il Ministero dell’Ambiente austriaco e il Fondo per lo sviluppo regionale.
Si tratta di una splendida iniziativa nata 10 anni fa con l’intento di preservare le aree montane delle Alpi dal turismo di massa, sostenendo i paesaggi e le realtà autentiche del territorio e promuovendo un turismo ecologico e sostenibile.

Nel 2017, il progetto è diventato ancora più internazionale, perché all’Austria e alla Germania si sono aggiunti anche l’Alto Adige e la Slovenia. L’obiettivo è quello di creare una rete di 26 località montane interconnesse, che comprendono paesi, regioni e culture differenti. Con Mazia, l’Alto Adige è quindi la prima regione italiana che si unisce alla straordinaria iniziativa.

La cerimonia di consegna della certificazione si terrà il 23 luglio, in occasione della festa tradizionale del paese. Nello stesso mese, anche le altre realtà partner firmeranno la dichiarazione di adesione. Quest’anno, alla rete dei Villaggi degli alpinisti tedeschi si aggiungono Sachrang e Schleching, mentre Jezersko nelle Alpi di Kamnik e della Savinja, sarà il primo villaggio degli alpinisti in Slovenia nel 2018.

Sorta alle pendici della cima Palla Bianca, nello splendido scenario della Val Venosta, Mazia conserva il carattere autentico della tradizione alpina e la grande ricchezza culturale del territorio tramandata dalla comunità. Da sempre, per la sua sua posizione a una altitudine di oltre 1.500 metri, accanto al Rio Saldura e con un panorama unico, Mazia è una meta prediletta dagli escursionisti italiani e stranieri, che amano avventurarsi tra i sentieri dei vecchi canali di irrigazione, denominati “Waale” o che desiderano ammirare i sette Laghi di Saldura, circondati da singolari formazioni rocciose.

Il paese offre anche diversi luoghi di interesse religioso e storico, come la chiesa parrocchiale di San Florio, la cappella di San Martino in stile romanico e le rovine di Castel Mazia di Sopra e Castel Mazia di Sotto, che si ergono su di una collina.
Sui pendii ci si imbatte in diverse malghe alpine e sono tanti i sentieri che attraversano il territorio, offrendo agli alpinisti e agli escursionisti la possibilità di avventurarsi in un paesaggio mozzafiato, a diversi livelli di difficoltà.

È in Val Venosta il primo villaggio degli alpinisti italiano