PROMO

Trekking: come scegliere lo zaino, il miglior amico del trekker

Con la bella stagione torna la voglia di fare delle escursioni nel verde, meglio se non troppo impegnative, per godere appieno della natura senza l’ansia di una meticolosa preparazione.

Definito come, dove e quando fare trekking, non resta che pensare al proprio compagno di viaggio: lo zaino. Sì, è lo zaino il migliore amico del trekker, lo strumento indispensabile per partire verso nuove avventure, per esplorare il mondo con tutto quello che è necessario portare con sé.

Che caratteristiche deve avere uno zaino?

Ci siamo fatti spiegare da Decathlon come dovrebbe essere uno zaino per brevi e semplici escursioni. L’azienda leader negli articoli sportivi ha selezionato il modello NH100 Quechua, come esempio per questa categoria di trekking.

Ecco le caratteristiche che lo zaino deve avere:

  • Leggero. Resistete alla tentazione di comprare i modelli superaccessoriati pensati per il trekking più impegnativo e di caricarlo con attrezzature inutili. Più è leggero, meno fatica farete e più vi godrete la passeggiata. Il peso dello zaino non dovrebbe mai superare il 15-25% del peso di chi lo indossa.
  • Dimensioni adeguate. La capienza di uno zaino si misura in litri, ce ne sono dai 10/12 litri a quelli che superano i 100 litri. Per le brevi escursioni privilegiate zaini di dimensioni contenute. L’NH 100 Quechua, per esempio, ha altezza 47 cm, larghezza 24 cm, profondità 14 cm e capienza di 20 litri per contenere tutto il necessario.
  • Confortevole. Trasportare lo zaino deve essere facile e comodo. Via libera dunque a zaini con schienale in schiuma, spallacci imbottiti, riposa-pollici e cintura pettorale. Questi accorgimenti permettono di migliorare il comfort e la distribuzione del carico in modo omogeneo. La cintura in vita deve esser ben stretta per permettere di scaricare il peso dello zaino, mentre il cinturino sul petto serve per stabilizzare gli spallacci.
  • Pratico. Un numero congruo di tasche e scompartimenti è fondamentale per avere una buona praticità in viaggio. Per trekking semplici, scegliete zaini con un paio di tasche con zip per un’apertura immediata, almeno un compartimento e senza dimenticare lo spazio per portare delle borracce d’acqua. Per questo lo zaino NH100 Quechua è stato realizzato con 2 tasche con zip, un compartimento e 2 porta borracce.
  • Resistente. Lo zaino deve essere realizzato con materiali di qualità, resistenti all’abrasione, altrimenti c’è il rischio che vi abbandoni proprio sul più bello di un’escursione. Accertarsi che sia coperto da garanzia è un buon modo per prevenire spiacevoli sorprese.
  • Corretto rapporto qualità-prezzo. Come per ogni altro acquisto il costo ha la sua importanza. Soprattutto se siete degli escursionisti alle prime armi e se le vostre escursioni sono semplici e brevi, privilegiate uno zaino con un costo contenuto. Lo zaino NH100 Quechua incontra proprio l’esigenza di coniugare qualità e convenienza, ed è disponibile, negli store e sul sito di Decathlon, in diverse varianti di colore perché anche l’estetica vuole la sua parte.

Cosa mettere nello zaino?

Una volta scelto lo zaino, non resta che decidere con cosa riempirlo. Quando le escursioni sono di breve durata non serve portarsi molto, ma attenzione a non dimenticare la borraccia con l’acqua, qualche snack pratico da consumare in caso vi venga fame, dei vestiti di ricambio (in particolare una maglietta e delle calze), una giacca impermeabile e antivento (anche dei guanti perché le temperature potrebbero scendere molto), una felpa, una bussola o un GPS oltre alla mappa topografica, un coltellino multiuso che può risultare spesso utile, un kit di pronto soccorso (cerotti, garze, disinfettante…), dei sacchetti di plastica (potrebbero servire per separare i vestiti sporchi dal resto, nonché per tenere isolati cibi o indumenti di ricambio), del denaro, i vostri documenti d’identità. Una crema solare con fattore di protezione adeguato al proprio tipo di pelle è indispensabile se camminate in zone esposte quando il sole è forte. Nella bella stagione è importante anche portare un cappellino per proteggere il capo e gli occhiali da sole. Non dimenticate di portare con voi una torcia elettrica per non rimanere sorpresi dal buio nel caso in cui l’escursione si prolungasse oltre il tramonto. Se conoscete poco la zona, una buona idea sarebbe avere con sé un fischietto per segnalare la propria presenza nel caso ci si smarrisse.

Non fatevi prendere la mano nel riempire lo zaino: il carico è preferibile che non superi i 1.000-1.300 grammi di peso. Su brevi percorsi infatti ci si dovrebbe quasi dimenticare di averlo sulle spalle. Ricordatevi di mettere gli oggetti più pesanti al centro in modo che non creino sbilanciamenti, mentre nelle zone esterne potete mettere gli oggetti più leggeri. Ciò che usate più spesso, dovrà essere posizionato in un punto facilmente accessibile per permetterne un immediato utilizzo.

Zaino preparato, calzature e abbigliamento per il trekking indossati, ora siete davvero pronti per partire.

In collaborazione con Decathlon

Trekking: come scegliere lo zaino, il miglior amico del trekker