Come conservare al meglio gli oggetti da viaggio, quando non si viaggia

Dalla valigia al cuscino per riposare in aereo, ecco come conservare (o riutilizzare) gli oggetti da viaggio in attesa di ripartire

Tornati da un viaggio, in fondo al bagaglio, rimangono sempre saponi e salviette, acquistati lungo il tragitto, ottimi per essere utilizzati anche in casa. Ma che fare degli adattatori o dei cuscini comprati d’impulso in aeroporto? E dove porre la valigia, una volta che non serve più?

Prima di buttare istintivamente tutto nell’armadio, si può trovare un modo per riporre ogni cosa al meglio, ottimizzando gli spazi in vista di un prossimo viaggio e utilizzando alcuni oggetti in modo alternativo. Ad esempio, i cuscini ergonomici: se sono stati un ottimo antistress in volo perché non utilizzarli anche all’interno delle mura domestiche?

Magari si possono tenere sul divano e farne uso mentre si guarda la tv o si legge un buon libro. Questi cuscini possono essere utili anche per chi lavora ore davanti al computer: basta metterli intorno al collo per tenere il capo dritto ed evitare una fastidiosa cervicale.

A proposito di pc ed elettronica, chi ha acquistato degli adattatori potrebbe averne bisogno anche in casa, per qualche elettrodomestico particolare, o in ufficio. Per questo è opportuno verificare se può esserci una reale utilità, magari sostituendo anche quelli logori. In caso contrario, meglio riporre ogni adattatore o prolunga in un posto unico, con un’etichetta che ne identifichi il contenuto, per ritrovarli in caso di bisogno senza fili attorcigliati.

Anche i tappi per le orecchie o le cuffie possono essere utili in casa. I primi sono certamente indicati a chi vuole concedersi qualche ora di relax, senza interruzioni, mentre le cuffie sono d’ottima compagnia per chi vuole godersi un bel sottofondo musicale in casa, ma anche in giro, se wireless, magari mentre si fa jogging.

Saponette, shampoo e altri detergenti acquistati in viaggio, invece, possono tornare utili nella quotidianità. Se uno di questi ha una fragranza particolare perché non travasarlo in un contenitore da tirare fuori in caso visite di amici inaspettate? Per quanto riguarda creme, shampoo o altri detergenti di bellezza, a lunga scadenza o non utilizzati, meglio conservarli. In questo caso, si può preparare una piccola trousse con tutto il necessario, aggiungendo anche dentifricio e spazzolino, in modo da essere preparatissimi, con tutto l’occorrente per la bellezza e l’igiene, in vista di una prossima partenza. Il tutto evitando lo stress della preparazione dell’ultimo momento.

Anche le piccole confezioni dell’acqua e delle bibite, consentite per il trasporto in aereo, non vanno buttate. Si possono riutilizzare in ufficio o durante una passeggiata, ad esempio sostituendo l’acqua con del tè verde o qualche infuso antiossidante. Stessa cosa per chi ha acquistato le borracce riutilizzabili, utilissime nel quotidiano.

Un occhio di riguardo per le valigie: chi ne ha acquistate di diverse dimensioni può inserirle l’una dentro all’altra, per ottimizzare per gli spazi. Puoi riporle all’interno del guardaroba o sotto il letto, se c’è abbastanza spazio, avvolte da un panno antipolvere. Avete anche dei cubi di compressione? In attesa di ripartire, meglio sfruttarli all’interno dell’armadio per tenere separati i piccoli indumenti ed averli sempre a portata di mano.

Infine, bisogna pensare ai documenti. Inserirli in una busta per proteggerli è certamente un’ottima idea, come lo è scegliere un posto sicuro (meglio se è sempre lo stesso) in cui custodirli, che sia un cassetto poco utilizzato o dentro la valigia. In questo modo si avrà sempre la certezza di non partire senza.

conservare gli oggetti da viaggio

Fonte: 123rf

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come conservare al meglio gli oggetti da viaggio, quando non si viaggi...