5 giorni in Transilvania: dove andare e cosa vedere

La Transilvania è una regione affascinante della Romania, che merita assolutamente una visita. Ecco qualche consiglio

La Transilvania è una delle regioni più suggestive dell’Est Europa, chiamata anche la terra di Dracula, il conte vampiro protagonista dei romanzi gotici di Bram Stoker e di numerose pellicole cinematografiche. Ecco tutte le informazioni necessarie per un viaggio di 5 giorni in Transilvania.

Come organizzare un viaggio in Transilvania

La Transilvania è una regione della Romania, situata nella zona occidentale del Paese, un luogo ricoperto di fitti boschi localizzato alle spalle dei Monti Carpazi. L’etimologia della parola proviene da due termini latini, trans e silva, il cui significato letterale è “oltre la foresta”. Conosciuta anche come la patria di Dracula, per organizzare un viaggio in Transilvania è possibile scegliere fra diverse opzioni, una vacanza on the road in macchina, in treno, oppure arrivare a destinazione in aereo e proseguire in pullman, visitandone le cittadine e i luoghi simbolo.

Tuttavia la soluzione migliore, per chi parte dall’Italia, consiste nel raggiungere Bucarest in aereo e noleggiare un’auto, per vivere un’esperienza unica e avere il pieno controllo sull’itinerario da seguire. All’interno del territorio della Transilvania sono presenti diverse cittadine e mete turistiche, come castelli e luoghi storici, perciò è possibile pianificare un viaggio in base alle proprie esigenze, considerando almeno 5 giorni per vedere i posti più importanti. Ecco le mete da visitare assolutamente in Transilvania.

Transilvania in 5 giorni: cosa vedere

La Transilvania è una meta ideale per un viaggio on the road, grazie alla presenza di foreste misteriose che ricoprono gran parte del territorio, decine di castelli e paesaggi unici come Brasov, il Castello di Rasnov e Sighisoara. Ecco un itinerario di 5 giorni in Transilvania.

La cittadina di Brasov

Una delle mete simbolo di questa regione è Brasov, la città più grande della Transilvania, situata alle pendici dei monti Carpazi meridionali, nelle immediate vicinanze di rinomate stazioni sciistiche. Si tratta di una città moderna e cosmopolita, che allo stesso tempo custodisce un cuore medievale, grazie al suo caratteristico centro storico in stile gotico. Brasov è composta da un intrico di piccoli vicoli e stradine, un vero e proprio labirinto di strade dove si possono trovare negozi, boutique e ottimi ristoranti specializzati nella cucina tipica del posto.

Punto di partenza della visita è la piazza centrale Piata Sfatului, dove si trovano la Casa del Consiglio e la Torre del Trombettiere. Nelle vicinanze ci sono il Museo Storico di Brasov, la Casa Hirscher risalente al XVI secolo, il Museo della Memoria Casa Muresenilor e la Biserica Neagra, la Chiesa Nera, una delle chiese gotiche più maestose e imponenti d’Europa. Da vedere a Brasov la cittadina di Sinaia, il Castello di Peles e il Palazzo Pelisor, raggiungibili in treno, oppure il bellissimo Castello di Bran conosciuto come il castello di Dracula.

Sighisoara, la città di Dracula

Un’altra tappa imperdibile da inserire nel viaggio in Transilvania è Sighisoara, la città di Dracula, una citta-fortezza dichiarata Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Quando si arriva sembra di trovarsi all’interno di una storia fantastica, un romanzo avventuroso ambientato nei paesaggi gotici e medievali, un’atmosfera unica che emoziona ogni volta i turisti. La cittadina conserva un delizioso centro storico, la zona medievale ubicata nella parte alta, mentre nella parte più bassa si trova la zona moderna di Sighisoara.

Da non perdere una visita alla Torre dell’Orologio, costruita nel 1556 e oggi simbolo della città, dalla cui cima si gode una vista mozzafiato sulla regione. Altrettanto interessante è una sosta alla Casa di Vlad Dracul, il famoso Principe di Valacchia che ispirò la leggenda del Conte Dracula, attuale sede del Museo delle Armi. Nelle vicinanze si possono visitare anche la Casa Veneziana decorata in stile gotico, la Torre dei Conciatori del XVI secolo, la Chiesa del Monastero Dominicano del 1200, fino ad arrivare al cimitero sassone salendo alla Chiesa sulla Collina, la Biserica Din Deal.

Sibiu, la città più bella

Tra i luoghi da vedere durante un viaggio in Transilvania di 5 giorni c’è sicuramente Sibiu, considerata da molti come la città più bella della regione. La cittadina è localizzata nei pressi di Brasov e del Castello di Bran, ed è possibile visitarla a piedi arrivando in pullman o in auto. Una della zona più caratteristiche è il centro storico medievale, Orasul de Sus, dove incontrare la Piazza di Piata Mica del XII secolo e la Cattedrale Evangelica di Sfanta Maria. Continuando sempre a piedi ci si imbatte nella Casa Artelor, sede del Museo di Etnografia e di Arte Popolare Emil Sigerus.

Spostandosi verso nord è possibile vedere i resti della Cappella di San Ladislao, la Chiesa Parrocchiale Evangelica risalente al XIV secolo e la Casa Ottocentesca, con affreschi e decorazioni del XV secolo. In tutta Sibiu sono presenti decine di torri, che contribuiscono a creare l’atmosfera gotica della cittadina, tra cui la Torre del Municipio, Turnul Sfatului, la Torre degli Archibugieri, Turnul Archebuzierilor e l’antica Torre delle Scale, Turnul Scarilor. Prima di lasciare Sibiu bisogna visitare anche la Chiesa della Santissima Trinità in tipico stile barocco, la Chiesa delle Orsoline, il Museo Nazionale Brukenthal e la Galleria di Arte Rumena.

La fortezza di Turda

Turda è una delle città più visitate della Transilvania, ubicata nel distretto di Cluj, un luogo ricco di storia e fascino. Uno dei siti più apprezzati dai turisti sono le rovine di Potaissa, un’antica fortezza risalente al II secolo, teatro di guerre leggendarie tra l’esercito romano e le popolazioni germaniche. Di grande effetto è anche la Salina Turda, conosciuta con il nome di Miniera di Sale, una serie di grotte scavate nel terreno alla quale si accede scendendo con un ascensore, una creazione rocciosa formatasi oltre 14 milioni di anni fa.

Oggi la Salina Turda ospita un parco giochi sotterraneo, con attrazioni per adulti e bambini, sale tematiche, pozzi e la Galleria Franz Josef, punto di accesso al fantastico mondo nascosto delle saline. Tornando all’aperto invece è possibile visitare il Museo di Storia di Turda, un viaggio affascinante per conoscere in maniera approfondita l’archeologia della regione, oppure la Riserva Naturale di Turda, Cheile Turzii. Quest’ultima è una zona naturalistica protetta, ideale per fare un po’ di trekking all’aria aperta e vedere da vicino i paesaggi tipici della Transilvania.

Il Festival dei Sassoni a Biertan

La scoperta della Transilvania prosegue alla volta di Biertan, una piccola cittadina rurale di appena 3.000 abitanti. Qui è possibile visitare la Chiesa Fortificata, una struttura che presenta splendide decorazioni interne, un meraviglioso altare in legno e affreschi che rappresentano la crocefissione di Cristo e la disperazione della Madonna. Molto rinomato è il Festival dei Sassoni, una manifestazione che si tiene ogni anno a settembre, con sfilate di personaggi storici vestiti con abiti tradizionali, balli, fiere e tantissimi eventi culturali.

Da vedere a Biertan sono le famose 7 torri della città, un antico complesso di fortificazioni che proteggeva tutta la zona, con sette punti di osservazione che consentivano alle guardie di scorgere il nemico. Oggi le torri sono ancora in piedi e si possono visitare, fermandosi ad ammirare la bellezza di monumenti come la Torre Mausoleo, il Campanile, la Torre dell’Orologio e la Torre della Prigione. Biertan è facilmente raggiungibile in macchina o in treno, infatti è collegata con la linea ferroviaria alle città di Vienna e Budapest.

Viaggio in Transilvania di 5 giorni: altri luoghi da visitare

Questi sono soltanto alcuni dei luoghi che si possono visitare durante un viaggio in Transilvania, tuttavia la regione ha molto di più da offrire, quindi è possibile creare un itinerario personalizzato, soprattutto se ci si muove in macchina. Altri posti da vedere in Transilvania sono ad esempio la cittadina di Alba Lulia risalente al XVIII secolo, dove si trova la suggestiva Cattedrale di San Michele, Transfagarasan considerata una delle strade più belle al mondo, un lungo intreccio di tornanti lungo 152 Km, oppure Viscri, un villaggio sperduto in un’atmosfera quasi surreale.

Come arrivare in Transilvania dall’Italia

Per raggiungere la Transilvania dall’Italia è possibile scegliere fra diversi mezzi, l’aereo, la macchina, il pullman e il treno. Quest’ultimo rappresenta sicuramente una soluzione affascinante, poiché permette di ammirare lungo il cammino i meravigliosi paesaggi della Transilvania partendo da Venezia o Trieste, prendendo poi un treno regionale a Vienna o Budapest. In pullman il viaggio è decisamente più lungo, tuttavia è possibile affidarsi a compagnie come Flixbus, che propongono collegamenti con la capitale della Romania, Bucarest, dalla quale proseguire con un autobus locale.

Organizzare un viaggio in Transilvania in aereo rappresenta la soluzione più comoda e pratica, infatti basta arrivare all’aeroporto internazionale di Bucarest, dove è possibile noleggiare un’auto e continuare la vacanza in totale libertà. Alcune persone scelgono di andare in macchina dall’Italia, pianificando un vero e proprio viaggio on the road all’avventura, un’opzione suggestiva che consente di visitare molti luoghi lungo il percorso, tuttavia 5 giorni potrebbero non essere sufficienti per completare il tragitto.

Quando andare in Transilvania

Il periodo migliore per organizzare un viaggio in Transilvania è l’estate, da luglio a settembre, quando le temperature elevate permettono di godere appieno di tutte le attrazioni del posto. Da evitare invece maggio e giugno, i mesi più piovosi dell’anno, oppure gennaio il più freddo, con temperature che possono essere estremamente rigide e strade rese impraticabili dalla neve. In autunno è possibile trovare l’atmosfera tipica della Transilvania e del Conte Dracula, allo stesso tempo bisogna prepararsi per affrontare le condizioni rigide della regione in questo periodo.

5 giorni in Transilvania: dove andare e cosa vedere