Cosa vedere e quando andare nel Castello di Bran, in Romania

Il castello più conosciuto dagli amanti del genere horror: quando organizzare il tuo viaggio al Castello di Bran, in Romania, pieno di brivido e romanticismo.

Foto di Giovanna Malfiori

Giovanna Malfiori

Content Writer & Travel Expert

Nerd nel cuore. Innamorata della Gran Bretagna, dei libri, della musica e delle serie tv. Scrive di mondo, cibo e cose che fanno ragionare.

Il Castello di Bran è una delle attrazioni turistiche più iconiche della Romania ed è situato nella misteriosa regione della Transilvania. Il luogo che, stimolando la mente di molti, viene spesso associato alla leggenda di Dracula, ospita questo castello medievale, offre anche molto altro sul paniere di tutti viaggiatori che si recano qui. La ricca combinazione di storia, folklore e bellezza naturale rende la zona un qualcosa di eccezionale e uno dei posti più visitati di tutta l’area dei Carpazi. Cosa vedere e quando andare a visitare il Castello di Bran? Ci si può aspettare molto dalla visita a una roccaforte storica simile e bastano poche informazioni per organizzare al meglio la propria visita a un castello tanto mitico Sei pronto a mettere un pizzico di atmosfere gotiche nel tuo viaggio in Romania?

Il castello di Bran e la Leggenda di Dracula

C’è qualcosa di vero che leghi il castello di Bran con la leggenda del Conte Dracula? Il Castello di Bran ha, per davvero, qualcosa a che fare storicamente con la figura di Vlad l’Impalatore, il sovrano valacco noto per la sua crudeltà. Vlad, appartenente alla casa dei Draculia – che nella lingua della Valacchia significa “del Drago” – è il vero e proprio ispiratore del famoso vampiro Dracula, reso immortale dal romanzo di Bram Stoker, pubblicato alla fine del XIX Secolo in Inghilterra e, poco dopo, anche in Italia. Anche se non ci sono prove storiche che Vlad abbia mai vissuto qui, il castello è diventato una meta obbligata per gli appassionati della leggenda di Dracula.

All’interno, troverai esposizioni che raccontano la storia di Vlad e l’influenza avuta sul romanzo di Stoker. Ma perché Vlad, storicamente, è associato alla sete di sangue? Semplice: aveva la nomea di essere particolarmente crudele con i propri nemici, attitudine che gli ha fatto guadagnare il soprannome di Impalatore. Le cronache contemporanee a Vlad raccontavano che amasse sporcarsi col sangue dei nemici. Sicuramente era una descrizione più figurata che letterale ma questa immagine ha permesso, secoli dopo, a Bram Stoker di unire una simile suggestione alle tante leggende sui vampiri e creare un personaggio immortale, nel vero senso della parola.

L’architettura e il design del Castello di Bran in Romania

Il castello di Bran, costruito nel 1377, è uno splendido esempio di architettura medievale. Si tratta di un luogo che vale il viaggio in Romania. Con le sue torri a punta, i corridoi molto angusti e le stanze che sembrano parte di un grande labirinto, il Castello di Bran offre una visione autentica di come potesse essere una dimora nobile nel passato. La visita permette di esplorare le varie stanze, ciascuna arredata con mobili d’epoca e oggetti che offrono uno spaccato della vita nobiliare in questo luogo. Lo stile architettonico del castello di Bran è molto diverso da quello di un castello medievale britannico, italiano o francese. Si rifà più a quella che era la moda dell’Europa Centrale, in cui i castelli erano più difensivi che residenziali, acquistando quindi un’immagine particolarmente oscura e, per l’appunto, gotica.

Le costruzioni come il Castello di Bran divennero celebri, proprio per questo aspetto misterioso e oscuro, capace di affascinare molti scrittori o pittori nel XIX Secolo. In Epoca Romantic, infatti,  le storie di fantasmi o a tinte horror venivano pubblicate ovunque e chiunque non vedeva l’ora di trovare, in giro per l’Europa, un qualche castello capace di fare da sfondo a tali storie. La fama del Castello di Bran era già decisamente consistente prima del 1897, anno di pubblicazione di Dracula. Successivamente, la sua nomea di luogo angusto divenne totale e non ha ancora smesso di suscitare interesse e ispirare viaggi in Romania.

Castello di Bran

Il museo del castello di Bran: la storia dei regnanti di Romania

La Romania è stata una monarchia fino al 1947. Fu un regno breve perché la sua storia, con questa forma politica, iniziò nel 1881. I sovrani di Romania avevano buon gusto e il castello di Bran venne usato come residenza estiva.  Il castello di Bran ospita un museo che espone arte e mobili raccolti dalla regina Maria di Romania, l’ultima regnante ad utilizzare il castello di Bran per le proprie vacanze durante la bella stagione. Questa raccolta costituisce il materiale di un museo che racconta la vita dell’ultima famiglia a regnare sulla Romania. La collezione comprende pezzi di arredamento, costumi, e manufatti artistici, molti dei quali riflettono il gusto e l’eleganza della regina.

Al di là di questo, visitare il museo del Castello di Bran ti aiuterà a capire quanto la storia di questo edificio sia più limpida e lineare di quello che abbiamo sempre immaginato. Una delusione? No di certo: l’ambiente stesso sarà l’elemento che creerà attorno a te quell’atmosfera da romanzo horror che tutti si aspettano di trovare al Castello di Bran.

Il cortile interno del castello di Bran: il fascino del Medioevo

Il cuore della parte medievale del Castello di Bran risiede nel cortile interno, un luogo affascinante attraverso il quale passano tutte le visite a questa dimora. Molti viaggiatori sono attirati dalla bellezza del pozzo che, contrariamente a quel che si pensa, non è medievale ma è frutto di una ristrutturazione avvenuta nell’Ottocento. Per poter sistemare questa parte del cortile dove, a tutti gli effetti, un pozzo c’è sempre stato, è stato utilizzato un capitello di una colonna di una casa fiorentina. Durante i mesi più caldi, il cortile è spesso decorato con fiori, creando un ambiente incantevole.

La torre del Castello di Bran: il luogo giusto per ammirare il panorama

Uno dei punti forti della visita al Castello di Bran è la possibilità di salire sulle torri e godere di viste incredibili sulla campagna della Transilvania. Parte dell’immagine spettrale del castello di Bran nasce proprio dal luogo geografico in cui si trova: una rupe tra i boschi. Dai merli delle torri, si può ammirare un panorama che spazia dalle foreste circostanti alle montagne dei Carpazi, offrendo un’opportunità fotografica imperdibile. Sembra che fu proprio una stampa riportata da unn viaggiatore che ispirò Bram Stocker a utilizzare questo castello come residenza letteraria per il suo Conte Dracula, almeno per la parte della storia ambientata in Transilvania. Quando ti troverai davanti al Castello di Bran e salirai sulle sue torri, non ti sarà difficile capire il perché.

castello bran

Le mostre temporanee del Castello di Bran e gli eventi

Il Castello di Bran ospita regolarmente eventi speciali, tra cui mostre d’arte, concerti e rievocazioni storiche. Durante il periodo di Halloween, per esempio, il castello si trasforma in una destinazione particolarmente popolare, con momenti a tema Dracula che attirano visitatori e viaggiatori da tutto il mondo. Gli eventi, però, sono generosi durante tutto l’anno. In qualsiasi periodo tu decida di visitare il Castello di Bran, troverai un qualcosa capace di regalarti nuove sensazioni ed emozioni da ricordare. Sapevi che molte coppie chiedono di poter celebrare il proprio matrimonio la Castello di Bran o di poter fare, per lo meno, le foto per l’album di nozze? La scelta è senza dubbio singolare, almeno a prima vista. Con uno sguardo più attento, però, si comprende quanto la bellezza di questo luogo così sospeso nel tempo sia capace di regalare magia a ogni scatto.

Il villaggio nei pressi del Castello di Bran

Prima o dopo la visita al castello di Bran, vale la pena esplorare il vicino villaggio che si trova a poca distanza da quell’edificio così iconico. Il villaggio di Bran è un luogo molto frequentato e, in alta stagione, potrebbe essere un po’ affollato ma, anche con molti turisti in giro, non delude mai. Qui troverai mercati artigianali dove acquistare souvenir del tuo viaggio in Romania, prodotti locali e dove potrai gustare la cucina tradizionale di questa regione della Romania. Il villaggio offre anche un assaggio della vita rurale transilvana, con le sue case tradizionali e paesaggi bucolico. Si può anche dormire nel villaggio vicino al Castello di Bran: i posti non sono molti e, quindi, è meglio organizzarsi per tempo per poter vivere un’esperienza così unica e speciale, oltre che comoda… data la vicinanza al castello. Bran, nel passato, era un feudo dei Cavalieri Teutoni (di cui faceva parte anche Vlad) e ha conservato un’immagine così particolare che sembra, anch’esso, uscito da un libro. Da qui, inoltre, partono molti sentieri che non lasceranno delusi i camminatori e gli amanti del trekking di ogni tipo e difficoltà.

Quando visitare il Castello di Bran in Romania

C’è una stagione più adatta a visitare il castello di Bran in Romania? Assolutamente no. Ogni periodo dell’anno regala delle sensazioni diverse dagli altri. L’inverno rende tutto più magico e, proprio per l’aspetto gotico del castello di Bran, sembra di visitare un vero e proprio mondo uscito dalla fantasia e dalla penna di qualche scrittore. L’autunno è il periodo dei colori: il foliage nei dintorni del Castello di Bran è generoso e questa stagione è la più indicata per fare foto spettacolari. La primavera è sempre piacevole, soprattutto quando l’ambiente attorno al castello di Bran e al villaggio si riempiono di fiori. L’estate è sicuramente il periodo di maggiore affluenza al Castello di Bran ma la grande quantità di viaggiatori e turisti non toglie nulla alla bellezza dell’esperienza di un luogo così iconico come il castello più celebre di Romania.