Cosa vedere a Koh Chang, l’isola degli elefanti

Viaggio alla scoperta di Koh Chang, paradisiaca isola thailandese, tra vacanze al mare e natura incontaminata.

Koh Chang che letteralmente significa “isola degli elefanti” è l’isola principale dell’omonimo arcipelago, che si trova nel golfo della Thailandia a circa 280 chilometri da Bangkok. Situata di fronte alle coste della provincia di Trat, con la catena montuosa del Khao Banthat segna il confine naturale tra Thailandia e Cambogia.

Composto da più di 180 isole quasi tutti deserte e disabitate, l’arcipelago di Koh Chang è parco nazionale marino, uno dei più belli e incontaminati di tutta la Thailandia, il Mu Ko Chang National Park. L’isola, che sembra un gigantesco elefante disteso sul mare, è caratterizzata da una ricca foresta pluviale, alture, cascate, corsi d’acqua che si riversano nel mare; le sue barriere coralline e i meravigliosi fondali sottomarini sono popolati da pesci di ogni genere e colore. Molti raggiungono i diving center di Koh Chang per prendere il brevetto da sub.

Il turismo nell’isola ha iniziato a svilupparsi solo da pochi anni e, rispetto alle altre mete thailandesi più note come Phuket, Samui, Phangan, non ha ancora subito l’invasione del turismo di massa, mantenendo il suo fascino selvaggio e naturale. Come per il resto della Thailandia, Koh Chang conosce essenzialmente due stagioni: quella delle piogge, che va da giugno ad ottobre, e la stagione secca, che invece va da ottobre a maggio; quest’ultimo è considerato il periodo migliore per visitarla.

L’isola di Koh Chang è un vero e proprio paradiso incontaminato della Thailandia e offre varie attrattive in grado di soddisfare i gusti di tutti. Oltre a rilassarsi al sole nelle morbide distese di sabbia tranquille e desolate o nelle piccole baie che regalano momenti di puro relax lontano dallo stress della vita quotidiana, ci si può dedicare al trekking nella foresta pluviale e allo snorkeling e alle immersioni. Inoltre, molti centri sub che si trovano sulle spiagge più famose propongono corsi ed escursioni di una giornata, oltre alla possibilità di affittare o comperare l’equipaggiamento. Dall’isola di Koh Chang potrete anche effettuare esplorazioni in barca per raggiungere le spiagge o le vicine isole di Koh Mak, Koh Kut o Koh Kham.

Le spiagge più rinomate e suggestive di Koh Chang si trovano principalmente nella zona occidentale, ma girovagando da nord a sud si trovano anche insenature generalmente più deserte e meno frequentate e decisamente più convenienti. Come la spiaggia di Diamond Sand all’estremità meridionale e la meravigliosa e ampia spiaggia di Hat Sai Yao dalla sabbia bianca e finissima, e poi, ancora, Lonely Beach. Quest’ultima ospita alloggi economici ed è un buon punto di partenza per visitare le zone a sud dell’isola come Hat Tha Nam che offre soggiorni davvero particolari all’interno di casette sugli alberi.

Al centro dell’isola si incontrano il lido di Khlong Phrao, letteralmente canale del cocco, che offre un’ottima scelta di bungalow sulla spiaggia e resort sia di lusso sia più economici; la placida spiaggia Kai Bae; e Hat Sai Khao, perfetta e sicura per una giornata al mare in famiglia con i bambini. A nord di Koh Chang si trova la spiaggia di Hat Khlong Prao, luogo ideale per chi desidera una vacanza in relax a contatto con la natura, mentre poco oltre si può sostare a Capo Laem Chaiyachet, dal quale godere di romantici tramonti.

Koh Chang regala anche la possibilità di ammirare uno dei più suggestivi spettacoli della natura, ovvero le cascate. Ci sono quelle di Khlong Phu nella costa est, a pochi chilometri dalla baia del Canale Phrao, raggiungibili dopo una bella passeggiata nella foresta, dove i visitatori possono concedersi un bagno rinfrescante in un’ampia piscina naturale. Oppure quelle di Tok Than May Om, a cui si arriva percorrendo un sentiero che si trova nei pressi del villaggio di Dan Mai; o le cascate Khiri Phet a pochi chilometri dalla comunità di Salak Phet, il cui accesso si ha percorrendo una piantagione di gomma, in una zona ricca di orchidee selvatiche e di piante tipiche thailandesi.

Nell’isola di Koh Chang si possono anche visitare piccoli villaggi di pescatori tra i quali il delizioso Salak Phet, a sud-ovest, noto per l’opportunità di soggiornare nelle case degli abitanti del posto, e Salak Khok attraversato da un canale e costeggiato da una ricca foresta di mangrovie. In queste due località i turisti potranno apprezzare la vita quotidiana e la pesca del luogo, fare snorkeling o noleggiare una barca a prezzi convenienti per una crociera intorno all’arcipelago.

Nel villaggio di Ban Khlong Son, invece, si trova un piccolo branco di elefanti, utilizzati in passato per il lavoro nelle foreste di tek. I loro custodi li accompagnano ogni giorno al fiume per il bagno al quale si può assistere o si possono “cavalcare” per un tour nella foresta. Arrivando al caratteristico villaggio dei pescatori di Bang Bao ci si imbatte nelle tipiche capanne costruite su palafitte collegate tra loro da passerelle di legno. Per i viaggiatori sarà un’esperienza affascinante osservare lo stile di vita a Koh Chang e gustare le loro deliziose specialità di frutti di mare. Qui si trovano ristoranti di pesce, negozi di souvenir, un noleggio barche e un diving center; inoltre tra gli alberi da cocco sorgono numerosi bungalow mentre la spiaggia è relativamente piccola e tranquilla.

Si può arrivare a Koh Chang in aereo da Bangkok con la compagnia Bangkok Airways che arriva all’aeroporto di Trat lontano circa 18 chilometri dal molo di Ao Thammachat dove ci si può imbarcare nel traghetto che in circa 30 minuti conduce nell’isola. In alternativa si possono prendere l’autobus o il minivan impiegando ovviamente più tempo. Informatevi bene sui documenti d’identità indispensabili per entrare in Thailandia.

Per muoversi all’interno dell’isola di Koh Chang conviene noleggiare una moto, un’auto o salire a bordo dei songtaew, macchine pick up dotate di panche che possono essere anche noleggiate privatamente, mentre per raggiungere le isole vicine si può usufruire delle long-tail boat, piccole imbarcazioni da prenotare per gite di mezza giornata o per escursioni di un’intera giornata.

Cosa vedere a Koh Chang, l’isola degli elefanti