Come arrivare e cosa vedere alla Reggia di Caserta

Patrimonio UNESCO e residenza reale più grande al mondo per volume, la Reggia di Caserta è uno di quei luoghi da visitare almeno una volta nella vita

A vederla da lontano, la Reggia di Caserta è spettacolare. Patrimonio dell’Umanità UNESCO, fu di proprietà dei Borbone di Napoli ed è la residenza reale più grande al mondo per volume. Ma come si arriva qui? Se si raggiunge Caserta in treno (la città è collegata con le principali città del Nord e del Sud grazie a Trenitalia), per raggiungere la reggia è sufficiente attraversare la piazza antistante Palazzo Reale, con una camminata di 5 minuti.

La realizzazione della Reggia di Caserta

La realizzazione Reggia di Caserta è stata commissionata dal re di Napoli Carlo di Borbone che voleva realizzare una struttura imponente che potesse competere in magnificenza con la Reggia di Versailles e quindi rappresentare la grandiosità del regno. Inizialmente si pensava di costruirla nella capitale Napoli, ma successivamente venne scelta Caserta perché una posizione nell’entroterra poteva essere difesa meglio dagli attacchi dei nemici e la zona aveva affascinato il sovrano Carlo di Borbone.

Dopo il rifiuto di Nicola Salvi, il progetto della Reggia di Caserta venne affidato all’architetto Luigi Vanvitelli che venne messo di fronte ad un incarico molto arduo, quello di realizzare il palazzo più bello d’Europa. Oltre all’edificio, l’architetto doveva occuparsi anche del parco, dell’area urbana e dell’acquedotto Carolino che garantiva l’approvvigionamento idrico a tutto l’agglomerato. La struttura si inseriva in una pianificazione ben più ampia che prevedeva che la reggia di Caserta venisse utilizzata come una seconda sede del Regno e fosse collegata alla capitale Napoli tramite un vialone di più di 20 km.

La prima pietra venne posta nel 1752 nel giorno del compleanno del re Carlo di Borbone e quel fatidico momento è impresso ancora oggi nell’affresco di Gennaro Maldarelli posto nella volta della Sala del Trono. La costruzione terminò nel 1774, ma non era più presente Luigi Vanvitelli che morì l’anno prima e lasciò il testimone al figlio Carlo. L’obiettivo chiesto dal re venne però centrato e i numeri testimoniano la grandiosità dell’opera: l’intero parco si estende su 120 ettari, mentre il palazzo occupa un’area di 47.000 mq, è lungo 249 metri e alto 37,83, contiene 1.200 stanze e 1.742 finestre; all’interno del perimetro rettangolare ci sono due corpi di fabbricato che s’intersecano a croce e formano quattro vasti cortili interni di oltre 3.800 mq ognuno.

Come arrivare e cosa vedere alla Reggia di Caserta

Cosa vedere nella Reggia di Caserta

Per visitare la Reggia di Caserta è necessario armarsi di scarpe comode, e avere a disposizione un’intera giornata. Tantissime sono le sue stanze e tantissimi sono i giardini, per cui è bene pianificare prima la visita così da non perdersi. Imperdibili sono gli Appartamenti, dove ha sede il Museo della Reggia di Caserta, risultato di una serie di allestimenti cominciati nel 1919 (anno in cui l’edificio divenne patrimonio dello Stato d’Italia). Ci sono poi lo Scalone D’Onore – invenzione dell’arte scenografica del ‘700 -, il Teatro e la Collezione Terrae Motus, costituita dopo il devastante sisma del 1980.

Ma è soprattutto all’esterno, che la Reggia di Caserta dà il meglio di sé. Il suo Parco Reale combina la tradizione del giardino rinascimentale italiano con le soluzioni introdotte a Versailles. Uscendo dal Palazzo Reale, i giardini  presentano vasti parterre separati da un viale centrale che conduce sino alla Fontana Margherita, circondata da boschetti posizionati a mo’ di anfiteatro. C’è poi il Giardino Inglese, che emula in tutto e per tutto la natura nei suoi corsi d’acqua, nei laghetti, nelle rovine secondo la moda legata alla scoperta di Pompei, e nelle tante piante tropicali.

Insomma, come si dice, “non visitarla è un attentato alla cultura mondiale”.

Curiosità sulla Reggia di Caserta

Proprio nella Reggia di Caserta nel 1861, dopo la nascita del Regno d’Italia, alcuni funzionari dei Savoia trovarono un oggetto a loro sconosciuto, il bidet. Non capendo cosa fosse, venne catalogato come “strano oggetto a forma di chitarra”.

La Reggia di Caserta è stata scelta come location cinematografica per film e serie tv. La più celebre è senza dubbio “Guerre Stellari”: negli episodi “La minaccia fantasma” e “L’attacco dei cloni” gli interni sono stati utilizzati per rappresentare la reggia del pianeta Naboo. Tra gli altri film girati tra queste sale ricordiamo “Ferdinando e Carolina” di Lina Wertmüller, “Mission Impossible III”, “Io speriamo che me la cavo”, “Angeli e Demoni”, ma anche le fiction “Elisa di Rivombrosa” e “Giovanni Paolo II” dove le sale della Reggia di caserta emulavano gli interni del Vaticano.

Prezzi dei biglietti e orari per visitare la Reggia di Caserta

La Reggia di Caserta attira l’interesse di molti turisti e in tutto il 2017 ha registrato 838.654 visite.

Gli Appartamenti Reali sono aperti tra le 8.30 e le 19.30 e la biglietteria chiude alle 18.45. Aprono alle 8.30 anche il Parco (chiusura alle 16 a gennaio, alle 16.30 a febbraio, alle 17 a marzo, alle 19 da aprile a settembre, alle 17.30 a ottobre, alle 15.30 a novembre e dicembre) e il Giardino Inglese (chiusura alle 15 a gennaio, alle 15.30 a febbraio, alle 16 a marzo, alle 18 da aprile a settembre, alle 17 a ottobre, alle 15 a novembre, alle 14.30 a dicembre).

Possono essere acquistati biglietti per visitare Appartamenti Storici, Parco e Giardino a 12 € (intero) e 6 € (ridotto dai 18 ai 25 anni non compiuti). Per visitare solo gli Appartamenti Storici (biglietto acquistabile quando il parco è chiuso), il costo è di 9 € (intero) e 4,50 € (ridotto dai 18 ai 25 anni non compiuti). Il biglietto è gratis fino a 18 anni. Può essere anche acquistato il ticket Reggia twodays al costo di 15€ € che vale per il pomeriggio e per il giorno successivo. La prima domenica di ogni mese l’ingresso è gratuito per gli Appartamenti storici, mentre l’ingresso al Parc costa 5 € (intero) e 2,50 € (ridotto dai 18 ai 25 anni non compiuti).

Come arrivare e cosa vedere alla Reggia di Caserta

Come arrivare e cosa vedere alla Reggia di Caserta