Il Cammino di Santiago: gli itinerari e le tappe del percorso

Il cammino di Santiago de Compostela è il più famoso percorso dell'anima e dello spirito esistente al mondo

Il Cammino di Santiago de Compostela è un itinerario a tappe, lungo circa 900 km. Percorre tutta la Spagna del Nord e i suoi due percorsi più celebri, il cammino francese e quello del nord sono stati dichiarati patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco. E’ un cammino che cambia la vita, abbatte i muri della propria anima e li ricostruisce dalle fondamenta. Per percorrerlo appieno, in media, sono necessari circa 30 giorni, i primi 10 giorni sono per il corpo, per abituarlo alle fatiche del cammino, gli altri 10 giorni sono per la mente, essa deve prendere coscienza sul perché di quel viaggio con motivazione e caparbietà, gli ultimi 10 giorni sono per lo spirito, l’incontro con la parte più profonda e meravigliosa che è dentro ognuno di noi. Il cammino risale al primo secolo d.C. ed è legato alla presenza della tomba dell’apostolo di Giacomo il Maggiore a Santiago de Compostela.

Letteralmente Compostela significa Campo di Stelle, poiché la tomba fu ritrovata grazie ad uno strano fenomeno di luci, simile a stelle, sul monte dove poi sarebbe sorta Santiago. Da lì l’inizio del pellegrinaggio. Il più popolare è il cammino francese che attraversa la Spagna partendo dai Pirenei francesi, attraverso due località differenti, Sain Jean Pied de Port con accesso a Roncisvalle o Jaca con accesso a Sompfort, quest’ultimo conosciuto come cammino aragonese. Entrambi si uniscono nella tappa di Puente la Riena e si arriva a Compostela per poi proseguire fino alla fine della terra allora conosciuta, Finisterre. Il cammino francese passa per Pamplona mentre il cammino aragonese per Monreal. Dopo Puente la Reina le tappe principali sono Estella, Nájera, Burgos, Frómista, Sahagún, León, Rabanal del Camino, Villafranca del Bierzo, Triacastela, Sarria, Portomarín, Palas de Rei, Arzúa, passando per la Navarra, La Rioja, Castiglia e León e la Galizia.

Il cammino del Nord veniva usato per evitare i paesi occupati dai musulmani nei quali i pellegrini erano in pericolo. Il paesaggio è mozzafiato, l’itinerario si snoda tra zone costiere, montagne e il mar Cantabrico e una volta giunti ad Oviedo si può scegliere se continuare sul cammino primitivo o proseguire per il cammino del Nord. Si parte da Irun e le tappe principali prevedono San Sebastian, Gernika, Bilbao, Santander, Santillana del Mar, llanes, Pineres, La isla, Gijon, Luarca, Ribadeo, Lourenza, Villalba, Arzùa, passando per i Paesi Baschi, la Cantabria, l’Asturia e la Galizia. Il cammino primitivo prevede una deviazione ad Oviedo, dove si passa per Cornellana, Tineo, Bores, Berducedo, Grandas de Salime, Càdavo Bailera, Lugo, Ribadiso e Pedrouzo. Qualunque sia i cammino deciso di intraprendere basta prendere un piccolo zaino, porvi solo lo stretto necessario all’interno, ed essere pronti per vivere un’esperienza che cambierà tutto il vostro mondo, perché il Cammino di Santiago de Compostela è magico.

Immagini: Depositphotos

Il Cammino di Santiago: gli itinerari e le tappe del percorso