Tolentino, il borgo marchigiano dove Napoleone firmò la pace

Un piccolo scrigno prezioso ricco di arte e storia tra la montagna e la costa: è Tolentino, borgo italiano ricco di storia

A metà strada tra la montagna e la costa, Tolentino è sempre stato uno snodo importante per raggiungere sia i Monti Sibillini che le località balneari delle Marche. Popolato da circa 20 mila abitanti e incastonato in provincia di Macerata, racchiude numerosi segni del lontano Paleolitico, che da sempre gli ha regalato il plus di essere un centro storico e culturale di spicco.

Chiesa di San Nicola

Chiesa di San Nicola | Ph. clodio (iStock)

Cosa vedere a Tolentino

Il Borgo offre molteplici attrazioni storiche e turistiche: la Basilica di San Nicola, le abitazioni medievali, il Duomo e varie chiese romaniche oltre che resti di edifici romani. La Piazza della Libertà è la piazza principale dominata dal Palazzo Sangallo, il Palazzo Municipale e la Torre degli orologi, realizzata nel Rinascimento. Ma anche il Teatro Nicola Vaccaj, che prese il nome del musicista dal 1881; la Collegiata di San Francesco, la Chiesa di Santa Maria Nuova; il Castello della Rancia che fu ricostruito nel XIV sec. sui resti di un’antica grancia cistercense: di forma quadrangolare, è composto da una cinta merlata rafforzata da tre torri angolari.

Interno Chiesa di San Nicola

Interno Chiesa di San Nicola | Ph. clodio (iStock)

La Basilica di San Nicola

Senza dubbio è l’edificio di culto più bello e importante di Tolentino. Iniziata nel Duecento e finita soltanto il secolo successivo, al suo interno è uno scrigno ricco di opere preziose. Quando si entra, non si può fare a meno di essere avvolti dall’emozione di vedere una tela originale del Guercino dipinta nel XVII secolo, la Madonna della Pace di Giuseppe Lucatelli, e alzare gli occhi alla ricerca dei meravigliosi decori sul cappellone di San Nicola in stile gotico e tutto decorato. Ma anche la Cappella delle Santissime Braccia è un tripudio di marmi e statue di stucco una più bella dell’altra.

Qui vi è la sede del Museo dell’Opera del Santuario dove sono conservate numerose tele, oggetti di oreficeria e arredi sacri. Altra casa storica è la “Casa della Pace”, ovvero Palazzo Barisani Brezzi, dove Napoleone alla fine del XVIII secolo firmò la famosa Pace di Tolentino: oggi vi si trova il Museo Napoleonico con una serie di reperti dell’epoca. Si può completare il tour al Castello della Rancia, che la tradizione racconta custodisca i corpi caduti nella Battaglia della Rancia, avvenuta nel 1815.

Particolare artistico di Tolentino

Particolare artistico di Tolentino | Ph. clodio (iStock)

Per chi volesse regalarsi una pausa di relax, a pochi chilometri dal centro di Tolentino ci sono le Terme di Santa Lucia, inaugurate nel 1938 e posizionate ai margini di un bellissimo bosco a circa 400 metri di altitudine. Qui si può godere di ben tre tipi di acque ideali per curare diversi disturbi, oltre che le terapie classiche, ma non mancano gli angoli fitness, il centro estetico e la medicina sportiva.

Gli eventi di Tolentino

Città culturalmente brillante delle Marche, è ricca anche di tradizioni ed eventi, tra cui segnaliamo la Biennale dell’Umorismo nell’Arte che si tiene ogni due anni: proposta dal Museo della Caricatura e dell’Umorismo, è una rassegna internazionale a cui prendono parte artisti e vignettisti da tutto il mondo. Da segnalare anche il Festival di musica Corale “Città di Tolentino”, dove si possono ascoltare i migliori cori italiani e internazionali.

Castello di Rancia

Castello di Rancia | Ph. clodio (iStock)

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tolentino, il borgo marchigiano dove Napoleone firmò la pace