Oliena, il borgo della Barbagia da cui partire per splendidi trekking

A 10 km da Nuoro, Oliena è un piccolo borgo ai piedi del Monte Corrasi ed è il punto di partenza per escursioni nella natura

In provincia di Nuoro, nel cuore della Barbagia e della sua natura selvaggia, Oliena è un piccolo borgo insignito con la Bandiera Arancione del Touring Club Italiano.

Balzato agli onori della cronaca per aver dato la cittadinanza onoraria a Piero Pelù – che nel settembre 2018 ha partecipato alle Cortes Apertas, innamorandosi perdutamente di questo piccolo borgo ai piedi del Corrasi -, Oliena ha una lunga storia legata ad un insediamento di gesuiti: i frati introdussero qui l’allevamento dei bachi da seta, e più moderne tecniche per la coltivazione dell’ulivo e della vite.

E infatti, i dintorni di questo villaggio sito a dieci chilometri da Nuoro, sono ancora ricchi di vigneti e d’uliveti. Ma, soprattutto, di doline e di canyon, di valli e di rilievi. Motivo per cui Oliena è la base di partenza ideale per organizzare trekking ed escursioni in bici nella Barbagia, ma anche giornate di climbing e di kayak.

Natura, cultura, artigianato ed accoglienza si riuniscono qui, dove si passeggia tra cassapanche di legno e negozi in cui acquistare abiti ricamati, tappeti, gioielli in filigrana, il pregiato olio prodotto da varietà d’olive tipiche della Barbagia e il Nepente, un cannonau che face innamorare persino D’Annunzio. E poi, i ristoranti: ad Oliena si gustano i maccarones de busa (tipici gnocchi sardi, ottenuti lavorando la sfoglia con il ferro per fare la maglia), il pane frattau (preparato con pane carasau, salsa di pomodoro e pecorino), il porcetto arrosto, i dolci a base di miele e di mandorle.

Ma, soprattutto, ad Oliena si viene per i suoi splendidi dintorni. Il borgo si trova infatti ai piedi del Monte Corrasi, imponente massiccio calcareo-dolomitico caratterizzato da pareti a strapiombo, torrioni, candide guglie, grotte e ampi pianori. Aspro e spoglio in vetta, ricoperto di lecci nella fascia mediana e adorno di olivi, viti e mandorli a valle, è attraversato da sentieri meta di trekker esperti e di escursionisti. E pare che, scalarlo, sia un’esperienza incredibile.

Ragggiunta la vetta del Corrasi, si gode di un panorama mozzafiato su Nuoro, Orgosolo, Dorgali, fino alla costa di Cala Gonone e al Gennargentu. Ma non solo si può raggiungere la sua cima, qui: una visita la merita la valle di Lanaittu coi suoi siti naturalistici e preistorici, dal misterioso villaggio nuragico di Tiscali a sa Oche e su Bento, due grotte ricche di laghi sotterranei, stalattiti e stalagmiti.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Oliena, il borgo della Barbagia da cui partire per splendidi trek...