Piccole perle d’America: le città di provincia da visitare

Se cercate gli Stati Uniti più autentici e caratteristici, non è nelle grandi città che dovete fermarvi

New York, Los Angeles, Miami, San Francisco. Dimenticatevele. Se cercate gli Stati Uniti più autentici e caratteristici, non è nelle grandi città che dovete fermarvi. Perché l’America non è fatta solo di metropoli frenetiche, parchi, oceano e autostrade infinite, ma anche di sobborghi e cittadine “speciali”.

L’elenco delle 20 piccole realtà più belle degli Usa l’ha stilato Forbes, e può essere spunto per un viaggio diverso, lontano dalle solite mete, attraverso luoghi dove viene voglia di fermarsi per un po’. Il mimino comune denominatore delle location scelte sta tutto in una parola “tradizione”: “Sono posti che sembrano attraversare il tempo senza scossoni”, sostiene il fotografo Bob Krist, facendo subito pensare al Maine o a certi angoli del New Jersey. Case vittoriane, architetture intatte, scorci di natura tutto attorno, fiori alle finestre: questi sono luoghi che hanno un’anima, e che non vogliono perderla.

Ecco le cittadine d’America da visitare e perché.

Rockport, Maine
“Probabilmente uno dei porti più pittoreschi che mi sia mai capitato di vedere”, parola del fotografo Bob Krist. Tremila abitanti, è famosa per il “lime” e per il Samoset Hotel, che fin dal 1889 presidia la costa offrendo delle viste a dir poco spettacolari.

Springdale, Utah
Siamo in piena terra di Mormoni, qui trionfa la natura dello Zion National Park, uno dei più belli degli Usa. Ma Springdale non è soltanto una città di passaggio: bagnata dal Virgin River e colorata di rosso e arancio dai riflessi delle rocce dei canyon, merita da sola una visita.

Burlington, Vermont
Un mercato delle pulci che si tiene in una zona pedonale, le colline tutto attorno e una magnifica vista sul lago Champlain. Cosa chiedere di più?

Bisbee, Arizona
Una città di minatori e di miniere, a pochi passi dal confine con il Messico. Tutto il fascino del West con un pizzico di eclettismo fricchettone.

Cape May, New Jersey
Camminare per le sue strade è come fare un viaggio nel tempo: vecchi e bellissimi hotel, un’incredibile concentrazione di case vittoriane, tanti bed and breakfast e una spiaggia invitante.

Annapolis, Maryland
Si può mantenere tutto il fascino della storia coloniale e del passato marittimo senza diventare una caricatura del pittoresco né un museo a cielo aperto? La risposta è qui. Le sue strade lastricate in porfido e le sue case vittoriane fanno di Annapolis la città più romantica dell’East Usa.

Lake Placid, New York
Tanto verde e il riflesso di due laghetti cristallini: chi non vorrebbe vivere qui?

Portsmouth, New Hampshire
Un pezzo di museo con un’anima moderna: così viene descritta la cittadina storica del Sud dello Stato. Antichi edifici di mattoni rossi che nascondono anime hi-tech e sedi operative di start up.

New Hope, Pennsylvania
Situato nella pittoresca Bucks County lungo il fiume Delaware, New Hope è una combinazione perfetta di bellezza naturale e fascino storico. La cittadina è stata destinazione per il weekend per gli abitanti di Philadelfia e New York fin dal 1700 e ora è un centro stimolante con grandi ristoranti e negozi alla moda (rigorosamente fuori dale grandi catene).

Flagstaff, Arizona
Non si può non passare da qui se si ama il West. Edifici di mattoni, locali storici, giardini verdeggianti, negozi shabby chic: il tutto in un’atmosfera d’altri tempi.

Newport, Rhode Island
Ristorantini che offrono frutti di mare, negozietti di antiquariato: tutto quello che ci si aspetta da una cittadina, punteggiata di “summer cottage”, che si affaccia sull’oceano e le sue immense spiagge.

Galena, Illinois
Città di miniere e di battelli a vapore un tempo, oggi Galena può vantare un 80 per cento di edifici iscritti nel registro nazionale degli Historic Places.

Marfa, Texas
La classica piccola città del Sud, che sta vivendo una nuova vita come centro di arte contemporanea. Nel 1970 l’artista Donald Judd trasformò una vecchia base militare in “rifugio” per le sue opera e quelle di amici artisti. La città ospita anche El Paisano hotel, una struttura in stile spagnolo-coloniale che fu set del film “Il Gigante” con James Dean.

Park City, Utah
Dicono che sembri una città di zucchero: colpa delle sue case vittoriane, della neve, dell’altitudine e dei monti tutti intorno, ma è come stare in una favola.

Mendocino, California
A quattro ore d’auto da San Francisco, ecco un gioiello costiero fondato nel 19esimo secolo e ora paradiso per artisti e amanti della natura.

Savannah, Georgia
Fondata nel 1733 sull’omonimo fiume, era la capitale coloniale della Georgia e è oggi una città romantica e orgogliosa del suo passato, dei suoi parchi curatissimi e dei suoi edifici storici.

Bodie, California
Era una città di minatori, ora abbandonata completamente. “Visitatela in un giorno grigio, all’inizio dell’inverno” suggerisce l’urbanista Danno Glanz “quando nell’aria c’è profumo di neve la città fantasma di Bodie dà il meglio sé”.

Hanover, New Hampshire
Qui ha sede il Dartmouth College, fondato nel 1769, che Melville descrive come “la quintessenza della città-college, con i suoi bianchi palazzi coloniali e i suoi alberi”.

Aspen, Colorado
Era una città di miniere d’argento, adesso è una località sciistica tra le più care e chic del mondo. Il gusto western dà un fascino particolare a questa perla di montagna.

Santa Fe, New Mexico
Ai piedi delle Rocky Mountains, ospita circa 300 gallerie d’arte ed è una delle nove città del mondo designate “Creative City” dall’Unesco.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Piccole perle d’America: le città di provincia da visitare