Viaggi lenti e in grandi spazi: le tendenze per il turismo

Secondo le ultime ricerche, i viaggiatori cercano un turismo lento e sostenibile, in spazi incontaminati e ampi

Il difficile periodo che abbiamo vissuto ha modificato le nostre abitudini in ogni ambito, compreso, purtroppo, quello dei viaggi. Tuttavia, non ha spento il desiderio di viaggiare e la curiosità di vivere nuove esperienze e con l’arrivo del nuovo anno, tornano più che mai la speranza e la voglia di “fare la valigia e partire”.

Ma come sarà il turismo del 2021? Trainline, l’app per spostarsi in treno e pullman, ha svolto una ricerca tra i suoi utenti ed è stata così in grado di tratteggiare i nuovi trend e le tipologie di viaggio preferite post 2020 e post Covid.

Si fa strada il turismo lento, a contatto con la natura, vissuto in grandi spazi aperti, green e sostenibile. Un turismo in netta contrapposizione con quello di massa, consumistico e “mordi e fuggi” cui eravamo abituati.

Viaggiare sarà il modo migliore per riscoprire luoghi autentici, rispondere al richiamo della natura, entrare in contatto con se stessi e l’ambiente circostante, prediligere spazi incontaminati e ampi dove vivere appaganti esperienze in plen air e dove mantenere le distanze, per la sicurezza di tutti, sarà molto più semplice.

Inoltre, cresce la quota dei cosiddetti “viaggi Fit”, Free Independent Travelers: molti viaggiatori, singoli o in coppia, decideranno di organizzare la vacanza e partire in totale autonomia, senza itinerari prestabiliti, per godere appieno dell’aspetto esperienziale del viaggio.

Il 2021 porta con sé anche il riaffermarsi dei viaggi in treno, sempre nell’ottica di un turismo slow e sostenibile: l’indagine condotta da Eumetra per conto di Trainline evidenzia, infatti, come il 76% degli italiani raccomanderebbe un viaggio in treno definendolo confortevole, facile da prenotare ed ecosostenibile. In netto rialzo anche il comparto dei treni notturni.

Non è un caso, allora, se il Parlamento Europeo ha proclamato il 2021 come l’Anno Europeo delle Ferrovie con l’obiettivo di promuoverle come mezzo di trasporto ecologico, sicuro e innovativo.

Diamo uno sguardo ora ai viaggiatori di questa “nuova era”: emerge con forza la sempre maggiore dimestichezza con la tecnologia che porta ad avvalersi di app di viaggio. Il 98% degli intervistati ha dichiarato che l’utilizzo di app lo ha fatto sentire più sicuro durante gli spostamenti mentre il 68% ha affermato che è stato più semplice verificare le modifiche all’itinerario.

Infine, le app hanno favorito i viaggi contactless permettendo di evitare contatti con emettitrici di biglietti cartacei e altre persone.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Viaggi lenti e in grandi spazi: le tendenze per il turismo