Valencia, la Città delle arti e delle scienze compie 20 anni (ma non li dimostra)

20 anni di meraviglie portati benissimo sono quelli che sta per compiere uno straordinario centro di svago e cultura di Valencia

Foto di SiViaggia

SiViaggia

Redazione

Il magazine dedicato a chi ama viaggiare e scoprire posti nuovi, a chi cerca informazioni utili.

Davvero incredibile e un vero e proprio spettacolo per gli occhi è la Città delle arti e delle scienze di Valencia, straordinaria realtà spagnola ricca di luoghi da non perdere e meraviglie che arrivano dritte al cuore di tutti i suoi visitatori.

Un zona assolutamente affascinate e costellata di favolosi edifici, progettati da Santiago Calatrava, che mostrano a 360 gradi un’immagine all’avanguardia, un futuristico complesso architettonico che incanta tutti.

Per esempio l’Hemisfèric, struttura architettonica di 13.000 mq, che consente di vedere il cinema Imax di ultima generazione, visitare il planetario e assistere a un innovativo spettacolo laser.

Il museo delle scienze, invece, è un edificio eccezionale al cui interno è possibile partecipare a percorsi ed esposizioni scientifiche interattive. Qui i visitatori si possono lasciarsi andare in attività tattili e diventare i protagonisti di curiosi esperimenti.

Ma altrettanto straordinario è il parco oceanografico, luogo in cui convivono armoniosamente tutti gli ecosistemi del pianeta, con esseri viventi provenienti sia dal mondo animale, sia da quello vegetale.

Si può assistere alle migliori rappresentazioni di opera, concerti e spettacoli scenici nel complesso degli auditori all’interno del Palazzo delle arti, eccezionale opera dell’uomo che vanta un’incredibile forma ovale, ma anche un’imponente e maestosa architettura.

Infine, l’Ágora, un edificio che è nato per essere un suggestivo spazio multifunzionale estremamente versatile, tanto che è adatto a ospitare eventi di ogni genere.

E a compiere ben 20 anni in questo novembre 2020 (e senza dimostrarli assolutamente) è il museo delle scienze, il cui profilo ricorda lo scheletro di un dinosauro.

Non è un caso, infatti, che questo sia il più grande museo di tutta la Spagna. Ma ciò che risulta particolarmente interessante e innovativo è Il motto dello stesso luogo di cultura: “Toccare è sempre permesso”. Infatti, tutte le installazioni e le esposizioni richiedono la partecipazione attiva dei visitatori, grandi e piccoli, a differenza di molti altri musei.

Insomma, Valencia è una città assolutamente interessante e da visitare almeno una volta nella vita, anche grazie alla sua straordinaria e Città delle arti e delle scienze. Favoloso luogo d’incontro e di cultura il museo della scienza, che nonostante i due decenni, sembra costruito ieri.