Nuove regole Ryanair: tutto ciò che c’è da sapere sul bagaglio a mano

Ryanair ha annunciato che dall'1 novembre 2018 entreranno in vigore nuove regole restrittive sui bagagli a mano

Ryanair ha annunciato che dall’1 novembre 2018 entreranno in vigore nuove regole restrittive sui bagagli a mano. In pratica, a bordo dei voli della compagnia aerea low cost non si potranno più portare i trolley, a meno che non si sia acquistato l’imbarco prioritario. E neppure per tutti quelli che hanno la priority ci sarà posto.

Visto il caos che questo annuncio rivoluzionario ha generato tra i passeggeri Ryanair, abbiamo voluto fare chiarezza. Ecco spiegato in alcuni semplici punti cosa cambia per chi deve viaggiare:

Innanzitutto, la domanda è: cosa si potrà portare a bordo di un volo Ryanair a partire dall’1 novembre? Si potrà portare solo una borsa o uno zaino o un mini trolley le cui misure non devono superare i 40x20x25 cm. La compagnia ha aumentato le dimensioni dell’unico bagaglio consentito a bordo, perché prima non doveva essere più grande di 35x20x20 cm, ma comunque deve essere più piccolo del classico trolley che si poteva imbarcare finora. L’importante è che la borsa (o zaino o mini trolley) a bordo dell’aereo deve poter essere posizionata sotto al sedile di fronte e non nelle cappelliere (le cappelliere sono destinate ai passeggeri che hanno prenotato l’imbarco prioritario e che seguono regole diverse).

Quindi, non si potrà più portare a bordo il ‘vecchio’ trolley da 10 kg (max). Bisognerà imbarcarlo in stiva e non in cabina. Le misure del trolley restano però invariate: 55x40x20 cm.

La procedura per imbarcare il bagaglio è quindi la seguente: quando si prenota un volo Ryanair bisogna registrare contemporaneamente il bagaglio online. Il costo è di 8€. Se invece il bagaglio viene aggiunto successivamente alla prenotazione (fino a 40 minuti prima dell’orario di partenza del proprio volo) il costo è di 10€.

Una volta arrivati in aeroporto, bisogna consegnare il bagaglio registrato al check-in, dove verrà etichettato e caricato sul volo, così da essere poi ritirato nell’aerea recupero bagagli dell’aeroporto di destinazione.

Chi non ha registrato il bagaglio online (o tramite la app) e lo consegna direttamente al check-in dell’aeroporto dovrà pagare il doppio, 20€. Se poi il bagaglio viene portato fino al gate d’imbarco, quindi oltre la dogana, il costo sale a 25€. In ogni caso, a bordo dell’aereo con il trolley da 10 kg non si salirà più (a meno che non si sia pagato per l’imbarco prioritario). Il personale di terra lo etichetterà e lo prenderà in carico per essere messo in stiva e ritirato nell’aerea recupero bagagli.

Il nuovo regolamento non si applica a chi ha prenotato un volo Ryanair entro il 31 agosto e debba partire dopo l’1 novembre. Tutti i passeggeri che non hanno acquistato l’imbarco prioritario vengono avvisati tramite e-mail e un bagaglio registrato da 10 kg sarà aggiunto gratuitamente alla loro prenotazione.

A tutti i passeggeri che hanno prenotato il 31 agosto e hanno aggiunto l’imbarco prioritario (come servizio aggiuntivo) dopo l’1 settembre (vista l’introduzione della nuova policy il 31 agosto) sarà rimborsato il costo di 8 euro e la compagnia consentirà loro di viaggiare con la priorità gratuitamente.

L’importante è che sia chiaro: le nuove regole sono applicabili solamente a chi non ha acquistato l’imbarco prioritario. Chi ha acquistato l’imbarco prioritario (pagando 6€ se fatto al momento della prenotazione oppure 8€ fino a 45 minuti prima dell’orario di partenza del volo) può continuare a portare a bordo gratuitamente due bagagli (1 bagaglio più piccolo + 1 trolley). L’unico problema è che l’imbarco prioritario ha un numero limitato di posti, circa il 50% delle poltrone disponibili, quindi non tutti ne potranno usufruire.

A conti fatti, costa meno prenotare un posto con priorità che uno senza priorità. Ma solo pochi passeggeri potranno farlo: quindi ricordate, chi prima arriva meglio alloggia. In tutti i sensi.

Nuove regole Ryanair: tutto ciò che c’è da sapere sul bagaglio...