In Cambogia nasce il lussuosissimo hotel che si ispira a Jackie Kennedy

Immerso nella giungla, poco lontano da Phnom Pehn, il Shinta Mani Wild si ispira allo stile e alla classe dell'indimenticato mito

Il prossimo novembre, aprirà in Cambogia un nuovo ed esclusivissimo hotel. L’ispirazione? È delle più nobili, se si pensa che è stata “scomodata” persino Jackie Kennedy!

A sud della vivace capitale Phnom Pehn, costruita laddove i fiumi Mekong e Tonlé Sap si incontrano, il Shinta Mani Wild sorge tra i fiumi e le cascate, all’interno di una splendida riserva naturale. Qui, il design tipico delle strutture di lusso incontra un serio proposito di conservazione della natura, e il risultato è quello di un resort perfetto per chi ha fatto suo il concetto di eco-turismo.

Il contesto è quello dei Monti Cardamomi, catena montuosa sita nella regione sud-occidentale della Cambogia, nei pressi del confine con la Thailandia. Disegnato da Bill Bensley, designer d’hotel, il Shinta Mani Wild viene descritto come un “portavoce di un’interpretazione completamente nuova del concetto di campeggio di lusso”. Cosa c’entra Jackie Kennedy? Il resort è stato progettato con un obiettivo: immaginare come sarebbe un safari nella giungla cambogiana, se a quel safari prendesse parte l’indimenticata icona.

Così, gli ospiti potranno scegliere tra 15 lussuose tende costruite lungo il fiume, con una vista mozzafiato sulle cascate e sulla foresta tutt’attorno. Tende che vanno ad occupare un’area fino ad oggi selvaggia, una sorta di corridoio tra i parchi nazionali di Kirirom e di Bokor, abitato da elefanti, orsi, tigri e macachi. Quell’ecosistema, il Shinta Mani Wild lo rispetta a pieno: qui sono vietati il bracconaggio, l’estrazione mineraria, la costruzione edilizia, nel tentativo di fermare un processo di deforestazione che, di recente, ha visto la distruzione di 1.6 milioni d’ettari di giungla.

Il nuovo resort ispirato a Jackie Kennedy, invece, è stato realizzato in collaborazione con la Flora and Fauna International, la Wildlife Alliance, il governo cambogiano e la Royal Phnom Penh University, che avrà qui un suo centro di ricerca permanente. Il cibo servito agli ospiti proverrà dal territorio, e il resort stesso fornirà agli indigeni la possibilità di vivere uno sviluppo sostenibile. I turisti, invece, avranno la possibilità di visitare l’area accompagnati da ranger e ricercatori, che possano spiegare loro l’importanza di preservare una natura tanto straordinaria, e di vivere incredibili esperienze. Un esempio? Lanciarsi con la zip-line alta 380 metri che sorvola i fiumi e le cascate. I prezzi? Non proprio economici: si parte dai 1615 euro a notte.

In Cambogia nasce il lussuossisimo hotel che si ispira a Jackie Kennedy

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

In Cambogia nasce il lussuosissimo hotel che si ispira a Jackie K...