Perché gli italiani dovrebbero tornare a visitare la Malesia

Tra i Paesi finora inaccessibili agli italiani c’era anche la Malesia, ma ora si può tornare. Ecco cosa vedere

Per due lunghi anni, la pandemia ci ha impedito di viaggiare verso le più belle mete esotiche. Tra i Paesi inaccessibili agli italiani c’era anche la Malesia, molto amata dai nostri connazionali per le spiagge ma non solo. Finalmente, dal 1° aprile il Paese ha riaperto i confini al turismo e dal 1° maggio non sono più necessari né test di ingresso né assicurazione obbligatoria. È tempo, quindi, di tornarci.

Abbiamo incontrato Mohamad Libra Lee Haniff, direttore del Turismo malese in Europa, per farci raccontare com’è cambiato il turismo in Malesia durante questo periodo e perché è la meta ideale dove andare quest’anno.

“Durante la pandemia si poteva andare solo sull’isola di Langkawi. Sono arrivati 15mila visitatori provenienti da diversi Paesi del mondo, soprattutto dagli Stati Uniti, e anche da qualche Paese europeo come la Gran Bretagna, la Germania, la Francia e la Scandinavia, ma non dall’Italia. Dal 1° aprile però abbiamo aperto anche il resto del Paese e ora si può viaggiare ovunque in Malesia. Stiamo già vedendo i risultati, ma non abbiamo ancora rivisto gli italiani.

langkawi-malesia-spiaggia
Fonte: 123rf
La paradisiaca isola di Langkawi in Malesia

Nel 2019, gli arrivi degli italiani sono stati circa 54mila, il più alto numero mai raggiunto che per noi rappresenta il quinto mercato europeo e quindi è molto importante che gli italiani tornino in Malesia. Ecco perché voglio raccontare loro cos’è la Malesia e perché è sicuro venire”.

Cosa c’è di nuovo da convincere gli italiani a venire in Malesia?

“Ci siamo innanzitutto affidati a una società che certifica la sicurezza e l’igiene delle strutture alberghiere. Poi ci sono delle nuove mete da visitare nel Paese. Naturalmente il nostro gate d’arrivo è sempre Kuala Lumpur, ma non vogliamo promuovere le spiagge della Malesia, i turisti ci vanno già da soli, specie sulla costa orientale che è anche una delle mete preferite per la luna di miele.

monte-kinabalu-malesia
Fonte: 123rf
Alba sul Monte Kinabalu in Malesia

Vogliamo promuovere le attività turistiche nei dintorni della Capitale dove si può fare ecoturismo e turismo esperienziale con le comunità locali. Il cosiddetto “Community based tourism” ha un’implicazione economico-finanziaria molto importante per ridistribuire il benessere nel Paese coinvolgendo le comunità locali. Si può dormire con loro, ma anche fare esperienze autentiche. Banalmente, anche acquistare un souvenir è già un tipo di turismo responsabile. A breve ci saranno dei tour proprio per scoprire questo aspetto del Paese.

Inoltre, tra le nostre parole chiave c’è la sostenibilità e vogliamo far conoscere meglio il Borneo malese dove ci sono dei luoghi unici al mondo come il Monte Kinabalu o Kina Bataan oppure il Bornean Sun Bear Conservation Centre, dove vengono curati gli orsi del Borneo, l’unico posto al mondo dove si possono vedere, o ancora dove si possono incontrare gli oranghi. Tra le dieci cose da fare nella vita c’è sicuramente un’esperienza con gli oranghi della Malesia.

orso-borneo-malese
Fonte: 123rf
Un esemplare di orso del Borneo

E poi ci sono le nostre Wetland, il paradiso delle mangrovie. Si può soggiornare nel Borneo, ci sono diversi resort, attraversarlo con le long boat sul fiume ma si può anche fare un’escursione in giornata da Kuala Lumpur.

Infine, un aspetto molto importante della Malesia è il suo street food famoso in tutto il mondo e che fa parte della cultura del Paese. In Malesia è tutto aperto 24 ore su 24 e si possono fare esperienza davvero uniche”.

kuala-lumpur-malesia-street-food
Fonte: 123rf
Street food a Kuala Lumpur