Piramidi di Giza, tutti i trucchi per visitarle al meglio

Svettano imponenti nel deserto, offrendo uno spettacolo unico al mondo: scopriamo tutti i consigli utili per visitare le Piramidi di Giza, in Egitto

Foto di Giulia Sbaffi

Giulia Sbaffi

Content writer

Web content writer, da sempre appassionata di storie e di viaggi.

L’Egitto è molto più che spiagge da sogno e un mare cristallino dove fare snorkeling: nasconde un patrimonio archeologico di valore immenso, tra cui spiccano soprattutto le Piramidi di Giza. Sono un monumento storico preziosissimo, nonché l’unica delle sette meraviglie del mondo antico ad essere ancora in piedi. Avete deciso di concedervi un viaggio alla scoperta di questi incredibili capolavori dell’ingegno umano? Ecco alcuni consigli che potranno tornarvi utili.

Cosa sapere per visitare le Piramidi di Giza

Le Piramidi di Giza si trovano in Egitto, situate nella piana di Giza che segna l’inizio del Deserto Occidentale: siamo a poca distanza dal Cairo, la vivace capitale egiziana, in una zona altamente turistica. Naturalmente, rappresentano una tappa imperdibile per tutti coloro che visitano il Paese, ma come fare? Innanzitutto, è bene sapere che ci vogliono circa 30 minuti di viaggio in auto dalla capitale per arrivare alle piramidi. Si tratta di un breve tragitto, ma è comunque consigliabile pernottare almeno una notte nella vicinissima Giza, anche per godere al meglio della visita. Qui si trovano hotel extra lusso con vista sulle imponenti piramidi, un’esperienza davvero meravigliosa.

Una volta scelta la meta del vostro soggiorno, bisogna pensare al periodo migliore per viaggiare. L’alta stagione, in Egitto, consiste nel periodo che va da ottobre ad aprile: sono i mesi in cui il caldo allenta un po’ la sua morsa, offrendo le condizioni climatiche migliori per vivere le escursioni con maggior tranquillità. Ovviamente, è in bassa stagione che si trovano i prezzi più bassi, quindi dovrete decidere se optare per un viaggio più confortevole o se risparmiare un po’. Considerate poi che il venerdì e il sabato le piramidi sono affollate di bambini egiziani, quindi molto più caotiche, cosa che nel resto della settimana (inclusa la domenica) difficilmente si verifica.

Se siete pronti per organizzare la vostra vacanza in Egitto per visitare le Piramidi di Giza, ci sono altri dettagli da tenere in considerazione. Gli egiziani parlano arabo, anche se in zona turistica non è difficile comunicare in inglese: tuttavia potreste trovare utile imparare qualche semplice frase per salutare, ringraziare o chiedere informazioni. Inoltre, in Egitto l’islamismo è la religione ufficiale (la maggior parte della popolazione è musulmana sunnita): alle donne viene solitamente richiesto di coprire ginocchia e spalle quando sono in pubblico. Le piramidi si trovano in zona turistica e le regole sono molto meno stringenti, ma potreste comunque sentirvi più a vostro agio rispettando queste usanze.

Gli orari e i costi

Passiamo ora a qualche informazione sulle visite alle Piramidi di Giza: l’area dell’Altopiano di Giza è aperta tutti i giorni dalle 8:00 alle 16:00 (in inverno) o alle 17:00 (in estate), mentre l’interno della Piramide di Cheope è aperta tutti i giorni dalle 8:00 alle 12:00 e dalle 13:00 alle 16:00. Considerate che il mantenimento di questi incredibili capolavori egiziani richiede una manutenzione costante e molto dispendiosa, quindi è possibile che le piramidi non siano aperte tutte e tre durante le vostre vacanze. Una visita completa all’Altopiano può richiedere almeno 4 ore, quindi valutate bene i tempi del vostro tour per non perdervi le bellezze di questo luogo.

Infine, parliamo dei costi: la valuta in Egitto è la sterlina egiziana (LE), il cui attuale tasso di cambio è di circa 0,029 euro. Per accedere all’Altopiano di Giza e alle piramidi occorre acquistare un biglietto d’ingresso, che varia in base al tipo di visita e ai servizi richiesti. Si parte da 200 LE a persona per gli adulti e da 100 LE per i bambini e gli studenti, mentre l’accesso alla Piramide di Cheope costa da 400 LE a persona. Ricordate di avere sempre con voi un po’ di moneta, perché potreste averne bisogno per dare la mancia agli addetti o per usufruire di alcuni servizi aggiuntivi, come l’uso della toilette.