Grenada, un angolo di paradiso sperduto nell’Oceano Atlantico

L'isola di Grenada è la meta prediletta di migliaia di turisti ogni anno, che spesso scelgono il porto di St. George per i loro matrimoni

Grenada è un vero e proprio paradiso tropicale incastonato nell’Oceano Atlantico, appena sopra lo stato di Trinidad e Tobago. Rappresenta il secondo stato indipendente più piccolo del continente americano ed è la meta prediletta di migliaia di turisti provenienti da ogni angolo del mondo grazie alle sue spiagge bianche, al suo mare cristallino e alla sua variegata cultura.

Il sito più importante dell’isola è sicuramente St. George’s. La cittadina venne nominata capitale dal cardinale Richelieu nel 1650, e da allora ha sempre mantenuto la sua funzione amministrativa sul resto dell’isola. Qui vi è una variegatissima commistione di culture architettoniche dal sapore esotico e tradizionale, dagli edifici in pieno stile classico francese a quelli più moderni e americanizzati. Inoltre, non vanno tralasciate le contaminazioni culturali dovute alla forte presenza di asiatici sul territorio, e che hanno influenzato in maniera evidente sia la cultura gastronomica, sia quella popolare. Inoltre, St. George rappresenta una delle mete per antonomasia per quanto riguarda il turismo matrimoniale. Infatti, tantissime coppie scelgono il porto della capitale per scambiarsi le reciproche promesse.

Le coste di Grenada sono tra le più apprezzate al mondo. Basti solo pensare che Grand Anse beach, località di mare situata poco a sud della capitale, è stata inserita tra le dieci spiagge più belle del mondo. Un vero e proprio eden, in cui mare e flora locale si fondono creando un paesaggio davvero unico e in pieno stile tropicale. La sabbia bianca, il mare cristallino, le gigantesche palme a ridosso del litorale. Questi, che sembrano solo cliché, si concretizzano in questo anfratto.

Oltre alle coste, un’altra attrazione turistica di forte interesse per tutti gli amanti della natura è il Monte Santa Caterina. Questa vetta, con i suoi 840 metri, domina sull’intera isola. Dalla sua sommità si diramano una grande quantità di piccoli torrenti e fiumi i quali, con i propri corsi, contribuiscono a creare dei paesaggi naturalistici meravigliosi all’insegna delle cascate. Queste, in particolare, sono lo scenario più tipico del Parco nazionale Grand Etang, un percorso naturalistico che racchiude il lago di origine vulcanica.

Il periodo tra dicembre e marzo è il migliore per accaparrarsi un posto in questo magnifico angolo di paradiso terrestre. Grenada, infatti, è considerata a tutti gli effetti un’isola fortemente soggetta all’intensa stagione degli uragani. Questi si verificano, generalmente, tra settembre e novembre, prima dell’avvento della bella stagione.

Grenada

Grenada

Grenada, un angolo di paradiso sperduto nell’Oceano Atlantico