A Torino, in bici nella miniera Gianna

Un'escursione nelle viscere della Terra per scoprire la vita dei minatori

Appassionati di mountain bike all’appello. Avete mai attraverso una miniera in bici?

In provincia di Torino, l’Ecomuseo delle Miniere e della Valle Germanasca da qualche anno organizza escursioni, con istruttori e accompagnatori, per permettere a tutti gli appassionati di sperimentare un’avventura particolare e non convenzionale in bicicletta, per 2 chilometri sotterranei nella miniera Gianna, dove un tempo veniva estratto il talco.

Un’approccio diverso alla classica visita in miniera per conoscere i suoi segreti e rivivere le tradizioni. I sorveglianti della miniera, infatti, erano soliti muoversi lungo le gallerie con biciclette da rotaia.

La visita, ovviamente, è possibile solo con l’accompagnamento di una guida e il tour va prenotato in anticipo sul sito ufficiale dove potrete trovare anche altre interessantissime info. Si parte da Torino con una carovana di auto e un furgone che trasporta le biciclette e si giunge fino alla Valle Germanasca. Qui si attraversa la valle di Prali fino a quella di Salza di Pinerolo e Massello, percorrendo in mountain bike la miniera di Gianna, che ancora oggi è come è stata lasciata dagli ultimi minatori nel 1995, anno della sua chiusura.

valle germanasca

Oltre a vedere come veniva estratto il talco e quali erano le condizioni dei minatori, si ha modo anche di vedere uno dei punti di contatto tra la faglia africana e quella europea, dal cui scontro milioni di anni fa scaturirono le Alpi.

Un tratto di 2,1 Km al buio e che, nonostante il livello pianeggiante, deve essere percorso con prudenza munendosi di luce o torcia. Qui vi sono ancora i binari del trenino che trasportava il materiale estratto.

Diverse sono le varianti sul percorso e ognuno può decidere se aggiungere o togliere difficoltà tecniche e atletiche in base al proprio livello di preparazione. Inoltre, alla fine della gita, è possibile fare una gustosa merenda sinoira, pasto tradizionale piemontese, simile all’aperitivo, che veniva consumato nei campi prima di cena.

L’escursione dura circa 3 ore e mezza e per partecipare è necessario il casco e un abbigliamento classico da montagna. Inoltre è possibile noleggiare le biciclette che verranno portate direttamente sul luogo. La quota di partecipazione va dai 35 ai 65 euro (escursione + noleggio bicicletta).

bike miniera 2

Foto: Archivio Ecomuseo delle Miniere e della Val Germanasca

La temperatura all’interno della miniera è di 15-20 gradi tutto l’anno, per cui è consigliabile avere una giacca a vento.

In più, domenica 29 settembre, in collaborazione con l’associazione “Holitaly E Bike Turismo”, sarà organizzata la seconda Bike giornata in miniera. Tutte le informazioni saranno reperibili a partire dai primi di settembre sul sito e sui canali social dell’ecomuseo.

Siete pronti a vivere una “pedalata” unica?

bici miniera uff

Foto: Archivio Ecomuseo delle Miniere e della Val Germanasca

A Torino, in bici nella miniera Gianna