Pinzolo, il piccolo gioiello delle Dolomiti

Tra le maestose e spettacolari cime delle Dolomiti sorge un borgo che è un piccolo ma spettacolare gioiello: Pinzolo

Che lo Dolomiti siano splendide, le regine delle montagne e le cime più belle della Terra è risaputo, ma non tutti sono a conoscenza che tra queste spettacolari formazioni rocciose sorge un piccolo gioiello: Pinzolo. Con una popolazione di poco più di 3.000 anime, il borgo sorge in una zona dove Svizzera, Austria e Italia si incontrano. In sostanza, qua è possibile inebriarsi di uno dei più magnifici scenari montani che si possano trovare nel nostro Paese.

Cosa vedere nel centro storico di Pinzolo

Pinzolo fa parte della provincia di Trento ed è situato nell’alta Val Rendena, nel cuore del Parco Naturale Adamello Brenta. Tra le sue attrazioni più belle, senza ombra di dubbio merita una menzione il centro storico che è puntellato da caratteristiche abitazioni dalle tonalità pastello e contornate da tetti spioventi, balconate in legno e affreschi.

Passeggiando tra le tipiche vie del borgo, vi ritroverete al cospetto di alcuni edifici da non perdere come la peculiare Chiesa di San Vigilio che sfoggia una bellissima facciata medievale ricoperta da affreschi di epoche diverse. Uno dei più importanti è la “Danza macabra” di Simone Baschenis che raffigura nobili e plebei che sono praticamente uguali di fronte alla morte.

Incastonato in una fascia alta più di 2 metri e larga più di 22, è accompagnato da didascalie che raccontano di un monologo recitato da un morto. Un edificio affascinante e costruito con le pietre di granito della Val Genova e adornata con il marmo di Ragoli ed il legno degli altari.

danza macabra pinzolo
Fonte: iStock
La “Danza macabra” di Simone Baschenis

Molto interessante è anche il Monumento al Moleta che rende omaggio alla tradizione degli arrotini della Val Rendena. Poi ancora la Parrocchia di San Lorenzo che sfoggia una magnifica facciata decorata con affreschi e con un grande portale in granito.

Ancor più spettacolare è il sui grandioso interno ad unica navata in stile barocco che è persino impreziosito da bellissimi affreschi sulla volta. Ma non solo. Qui, infatti, sono presenti quattro altari marmorei che custodiscono importanti pale d’altare e statue di Santi; uno straordinario organo a 700 canne e due confessionali e banchi di noce massiccio.

La natura di Pinzolo

Il bellissimo borgo di Pinzolo si rivela un ottimo punto di partenza per coloro che vogliono avventurarsi in indimenticabili escursioni. Del resto ci troviamo nel Parco Naturale Adamello Brenta, la più vasta area protetta del Trentino.

Tra le meraviglie da non perdere in questa zona vi segnaliamo le Cascate Nardis che sono, molto probabilmente, le più spettacolari di tutto il territorio. Vi basti sapere che hanno un dislivello superiore ai 100 metri.

Cascate Nardis trentino
Fonte: iStock
Le affascinanti Cascate Nardis

Una novità degli ultimi anni, che pur non essendo del tutto naturale merita di essere segnalata, è il Biolago di Pinzolo che è il risultato di un innovativo progetto di ingegneria che consiste nell’aver creato uno specchio d’acqua perfettamente balneabile e realizzato con le tecnologie più avanzate che consentono la depurazione delle acque attraverso l’utilizzo delle piante.

A solo 7 chilometri di distanza da Pinzolo, vale la pena fare un salto ai Laghi di San Giuliano e Garzonè che vantano un colore così azzurro che è in grado di far innamorare chiunque. Circondati da un’ampia pineta, offrono una vista panoramica sulla Val di Genova e sono raggiungibili dal sentiero SAT 221 e dal 230.

Le altre esperienze da non perdere a Pinzolo

Le esperienze da fare in questo borgo-gioiello non limitano di certo a quelle che vi abbiamo descritto. Tra le altre possibilità vi segnaliamo la Ski Area Campiglio-Dolomiti di cui fa parte Pinzolo insieme a Folgarida, Marilleva e Madonna di Campiglio.

Farci un salto vorrà dire ritrovarsi in un vero e proprio paradiso per gli amanti della montagna e degli sport invernali: 155 chilometri di piste immersi nell’irresistibile scenario delle Dolomiti di Brenta, patrimonio dell’Unesco.

Chi è in cerca di adrenalina, invece, non può perdersi un indimenticabile volo biposto in parapendio. Anche perché, molto probabilmente, è uno dei modi migliori per contemplare il panorama spettacolare delle Dolomiti.

Poi ancora le ciaspolate in quanto a Pinzolo, e nella vicina Madonna di Campiglio, sono davvero moltissimi i sentieri tracciati dedicati alle racchette da neve.

A pochi chilometri dal borgo di Pinzolo, invece, da non perdere sono le Terme Val Rendena. Da queste parti potrete fare il bagno in un’acqua ricca di ferro e oligominerale che viene spezzo utilizzata come cura respiratoria e vascolare.

dove fare Parapendio nelle Dolomiti
Fonte: iStock - Ph: Diego Fiore
Il parapendio nelle Dolomiti

Le altre meraviglie del Parco Naturale Adamello Brenta

Come detto in precedenza, Pinzolo si trova nel cuore del Parco Naturale Adamello Brenta che è stato riconosciuto Unesco Global Geopark, grazie al suo raro patrimonio geologico e morfologico di grande interesse scientifico.

Va da sé che le cose da visitare sono davvero tantissime, ma secondo noi particolarmente degna di nota è la Val Algone che è una delle valli più ampie e selvagge dell’intero Parco. Se invece la vostra intenzione è trascorrere una giornata interessante e immersa nella quiete della natura, la vostra meta dovrebbe essere il Lago di Valgola che si distingue per le sue uniche e limpide acque.

Alle falde delle Dolomiti di Brenta, merita una visita anche la Cascata Rio Bianco, anche se è bene sapere che “muore” in inverno per poi “rinascere” in primavera.

Tra i luoghi più famosi della zona c’è il Lago di Tovel, un gioiello naturalistico incastonato tra alcune delle vette più alte del Parco. Uno specchio d’acqua che vanta delle sfumature che vanno dall’azzurro al verde smeraldo. Un tempo, inoltre, era noto in tutta Europa come il lago rosso per via della colorazione rosso sangue che assumeva ogni estate grazie alla fioritura di un’alga particolare, la Tovellia sanguinea. Sfortunatamente, però, questo fenomeno non si ripresenta dall’ormai lontano 1964.

Chi non soffre di vertigini deve necessariamente avventurarsi sul Sentiero dei Fiori, un itinerario di particolare interesse storico e naturalistico che si snoda tra quota 2900 e 3100 da cima Payer a Punta Pisgana. Infine, vi consigliamo di fare un salto a Irone, un villaggio fantasma praticamente immerso nella natura e che d’estate si ripopola.

Insomma, Pinzolo e i suoi dintorni sono un vero gioiello del Dolomiti, ma anche dell’Italia e del mondo intero.

Lago di Tovel trentino
Fonte: iStock
Il meraviglioso Lago di Tovel