Come diventare skipper di professione

Tutti i corsi, le esperienze, le attrezzature e i passaggi burocratici necessari da conoscere per come diventare skipper

Lo skipper è l’ufficiale di navigazione di piccole imbarcazioni da diporto a motore e o vela con varie responsabilità, tra cui la conduzione del mezzo, ciò che riguarda gestione, organizzazione, manutenzione, sicurezza, rapporti con l’equipaggio, con autorità marittima, con gli ospiti dell’unità e con l’armatore. Per divenire skipper è necessario essere maggiorenni, essere in possesso del diploma di scuola superiore, meglio presso un istituto tecnico nautico, poiché vi permetterà di avere già in possesso la maggior parte dei requisiti necessari.

Per diventare skipper e lavorare conducendo un piccolo yacht, portando clienti in viaggi che spaziano dal mar Adriatico alle spiagge più belle dei Caraibi, dovrete avere essenzialmente la patente nautica. Esistono vari tipi di patente nautica, quelle con limite entro o oltre le 12 miglia dalla costa, e riservate o non alle barche a motore. Per diventare skipper è consigliato prendere la patente nautica senza limiti di miglia per barche sia a motore che a vela.

Altro passaggio fondamentale è quello di aver frequentato con esito finale positivo dei corsi: antincendio di base, sopravvivenza e salvataggio, sicurezza personale e responsabilità sociali (PSSR), primo soccorso elementare, marittimo abilitato ai mezzi di salvataggio (MAMS), Global marittime destress safety system (GMDSS) , e corso lettura e utilizzo radar. Sembrano molti, ma spesso corsi ed esami si svolgono tutti insieme. Fatti i corsi potrete accedere all’esame teorico/pratico che si svolge presso le capitanerie di porto e gli uffici circondariali marittimi.

Passato l’esame bisognerà provvedere al periodo di addestramento obbligatorio. Bisognerà infatti accumulare un totale di 36 mesi di navigazione, comprensivi di almeno 24 su navi e imbarcazioni da diporto, e assumere durante questo “tirocinio” la qualifica di mozzo o di ufficiale di navigazione da diporto. Spesso corsi e addestramento si possono svolgere presso le varie sezioni locali della Lega Navale Italiana, o presso altre associazioni e leghe di navigazione, aiutandovi cosi a ridurre i costi dei vari corsi.

Infine per divenire uno skipper a , bisognerà prendere la licenza iscrivendosi al registro di Gente Di Mare nella prima categoria. Per l’iscrizione nell’ elenco bisognerà avere alcuni requisiti tra cui essere cittadino Europeo e residente nello stato in cui si fa l’esame; non aver subito condanne, ed avere l’idoneità fisica certificata da un medico, e la certificazione a.s.l. di aver fatto la vaccinazione antitetanica in corso di validità. Inoltre è necessario svolgere con esito positivo un altro semplicissimo esame.

Come diventare skipper di professione