Estate in Provenza: guida alle spiagge migliori della riviera francese

Quali sono le spiagge più belle della Provenza? Ecco una guida per scoprire la natura incontaminata della Camargue e le distese sabbiose di St-Tropez e Antibes

Se immaginiamo un’estate in Provenza, immediatamente ci viene in mente il fascino della sua riviera, dalle calette selvagge della Camargue alle lunghe spiagge sabbiose di St-Tropez, alle distese di ciottoli e al bellissimo mare della Costa Azzurra. L’estate in Provenza è tempo di mare! Infatti la regione è una delle mete più amate e frequentate dai turisti. Qui vi proponiamo quelle che a nostro parere sono le spiagge più belle della Provenza che vale la pena visitare

A nord dell’isola di Porquerolles, si trova la spiaggia di Notre Dame. Ornata di pini e corbezzoli, vanta sabbia fine e bianchissima e un mare calmo e trasparente dal fondale poco profondo. Immergersi in queste acque cristalline sarà molto piacevole. Una strada lunga 3 km, che dal porto di Porquerolles conduce alla distesa di sabbia, la rende poco affollata e meno trafficata rispetto alle altre spiagge. Sull’isola non sono ammesse le auto, per cui è necessario percorrere i sentieri a piedi o in bicicletta. Le spiagge non sono attrezzate e non ci sono bar, per cui è indispensabile portare scorte di acqua e di cibo. Un vero e proprio paradiso privato!

Le spiagge di St-Tropez iniziano a 5 km a sud est della città, lungo la baia chiamata Anse de Pampelonne, situata nel comune di Ramatuelle, una delle mete più apprezzate della Costa Azzurra. Una grande distesa di sabbia bianca, divisa da tante piccole calette: Moulins, Tamaris, Patch, Barraques e Bonne Terrasse. Qui tutti trovano il proprio angolino di spiaggia e i noti stabilimenti balneari si prendono cura tanto dei ricchi vacanzieri, quanto delle famiglie in cerca di tranquillità. Questa località turistica è piuttosto famosa infatti vanta alcune delle spiagge e dei club più esclusivi della costa, ma offre anche vaste spiagge libere e ottimi servizi balneari come bagni, docce e lettini da spiaggia.

In estate in Provenza, c’è solo l’imbarazzo della scelta! A 15 minuti dal centro di Marsiglia, vi troverete proiettati in un altro mondo. Qui rocce bianche si tuffano nel mare azzurro e la strada si snoda tra insenature e piccoli insediamenti. Dopo il villaggio di Les Goudes, sarà possibile parcheggiare l’auto e proseguire fino ai calanques, le insenature formate dalle scogliere calcaree che si trovano tra il piccolo borgo di pescatori di Cassis e Marsiglia. In Calanque d’En-Vau, in particolare, è una suggestiva insenatura raggiungibile a piedi o più facilmente via mare. Ai piedi della scogliera ricoperta di pini, lo scenario della sabbia bianca e del mare luminoso e selvaggio, è intimo e indimenticabile. La zona è famosa per gli amanti della pesca e delle immersioni, ma anche per chi preferisce la natura i percorsi di trekking.

Le Lavandou è un pittoresco villaggio di pescatori nella località nella regione del Var. Ha un totale di 12 magnifiche spiagge di sabbia bianca che coprono l’intero litorale, dall’ampio tratto dell’Anglad, nella Grande Plage, alla cala dei nudisti Jean-Blanc di Rossignol. La più bella è comunque l’Elèphant, una piccola baia selvaggia, i cui accessi sono uno via terra, a condizione di inerpicarsi fra le rocce, e l’altro via mare. Questo garantisce una certa tranquillità e serenità. Le spiagge sono fornite di strutture e servizi balneari attrezzati che invitano al relax o alle attività in acqua. Inoltre per godere di un momento di pausa dalla calura estiva è possibile rifugiarsi in uno dei numerosi bar e ristoranti presenti su tutto il lungomare.

A pochi passi all’estremo più a est di La Ciotat una piccola città provenzale situato nella regione delle Bocche del Rodano, si arriva al Calanque de Figuerolles. Una straordinaria insenatura, dall’acqua limpida e azzurra, delimitata su entrambi i lati da vaste scogliere, mentre alle spalle si trovano terrazze di fichi e pini. Di fronte, il mare blu lambisce le strane conformazioni rocciose, offrendo uno scenario spettacolare. La spiaggia, caratterizzata da sassi e ciottoli, non è molto vasta, ma è facilmente raggiungibile a piedi attraversando una lunga scalinata, o in auto. Qui si offrono una vasta gamma di servizi che soddisfano specifiche esigenze: tra cui un’area non fumatori e un’altra per gli animali domestici.

Insieme, Antibes e Juan-Ies-Pins hanno quasi 25 km di costa e 48 spiagge, infilate tra insenature rocciose e lunghe distese di sabbia. La migliore è la Garoupe, spiaggia alla moda della Provenza molto affollata d’estate, nascosta in una piccola cala, e ideale per chi desidera tutti i comfort ma non vuole rinunciare alle acque cristalline. Il litorale dispone di uno spazio pubblico attrezzato dove noleggiare lettini ed ombrelloni. Vicinissimo ci sono un grosso parcheggio gratuito e le toilette pubbliche. Superando la spiaggia si può salire sino al faro della Garoupe, uno dei più importanti del mar Mediterraneo. Non è possibile visitarlo internamente ma dalla cima della collina, alta 103 m si ha un’ottima vista panoramica sulla città d’Antibes.

Durante l’estate in Provenza, tuffandosi nel mare azzurro della riviera, tra le rocce rosse delle colline Esterel, che danno alla costa un fascino selvaggio, si trova la località balneare di Agay, nella zona di Saint-Raphaël, a circa un’ora da Cannes. Questa caletta è molto incantevole, una distesa sabbiosa facilmente raggiungibile, molto apprezzata dalle famiglie con bambini. Grazie alla scogliera Esterel, che la protegge da venti e onde, si è creata una piccola piscina naturale in cui è possibile fare il bagno in tutta sicurezza. Gli sport acquatici praticabili su questa spiaggia includono, sci nautico, windsurf, parapendio, cosi come le più rilassanti gite in barca.

All’estremità della Camargue più selvaggia, si trova l’immensa spiaggia di Piemanson, ma sappiate che è necessario camminare parecchi chilometri tra saline, lagune e fenicotteri rosa prima di giungere all’agognata distesa di sabbia. Ogni anno, nel mese di maggio, nel vicino villaggio di Saintes-Maries-de-la-Mer, in occasione dei festeggiamenti di Santa Sara, si radunano migliaia di gitani provenienti da tutta Europa e in quell’occasione, le strade del paese si riempiono di mille colori, tra danze, canti e buon cibo, mentre nella spiaggia si riversano schiere di camper e caravan che popolano la battigia.

Estate in Provenza: guida alle spiagge migliori della riviera fra...