Abu Dhabi, la nuova destinazione per l’ecoturismo

Riserve naturali, dune e siti archeologici fuori dalla capitale

Abu Dhabi ha riaperto al turismo internazionale nel dicembre 2020 e già dal 1 luglio 2021 i viaggiatori provenienti dai paesi della lista verde possono entrare ad Abu Dhabi senza l’obbligo di mettersi in quarantena. Una meta che non è tutta lusso sfrenato, grattacieli incredibili e resort esclusivi, ma che si scopre come destinazione green ed ecoturistica. Per esplorare il lato meno sviluppato dell’emirato, basta spostarsi per qualche giornata dalla capitale, e si viene catapultati in un’altra dimensione fatta di riserve naturali, siti archeologici, barriere coralline e dune maestose.

Safari tra le dune e birdwatching

Sull’isola di Al Jubail esiste un santuario di mangrovie, da visitare, il Jubail Mangrove Park, in cui ammirare molte specie di uccelli, tartarughe e animali marini. Basta allontanarsi per una manciata di chilometri da Abu Dhabi e in circa 40 minuti di auto si raggiunge Al Wathba, e il Wathba Fossil Dunes, una riserva naturale faunistica formata da dune in cui vivere l’esperienza di un safari notturno. Qui si trova anche la riserva delle zone umide di Al Wathba in cui vivono 250 diverse specie di uccelli, tra cui bellissimi fenicotteri rosa, rettili e mammiferi.

Alla scoperta di Al Dhafra

La regione occidentale di Abu Dhabi, Al Dhafra, occupa circa due terzi dell’intero emirato. Qui si trovano spiagge, isole, dune di sabbia, e siti archeologici tutti da scoprire. Sull’isola di Sir Bani Yas è possibile visitare una riserva naturale che ospita gazzelle, iene e ghepardi. L’isola è anche il sito delle rovine di un monastero cristiano, costruito intorno al 700 d.C. e riscoperto nel 1992. E per un’esperienza unica e magica nel deserto, si raggiunge Rub’ al Khali, il quartiere vuoto, la più grande distesa di sabbia del mondo dove vedere l’alba e le stelle da una tenda beduina, circondati da immense dune.

Al Ain e le sei oasi a pochi chilometri da Abu Dhabi

A circa 90 minuti dalla capitale e vicino al confine con l’Oman si trova Al Ain, sei oasi abbracciate dal deserto, Patrimonio UNESCO, in cui si trovano i più antichi insediamenti abitati del pianeta. Qui, tra palme di dattero lussureggianti, è possibile visitare il Forte di Al Jahili e il Parco Archeologico di Hili. Vicino ad Al Ain si trova Jebel Hafit, la montagna più alta di Abu Dhabi e la seconda più alta degli Emirati Arabi.

Abu Dhabi in fondo al mar

Aree marine protette, immersioni subacquee, e snorkeling. Abu Dhabi è la destinazione ideale per chi ama scoprire la vita sott’acqua. Delfini, tartarughe marine, pesci farfalla nella Riserva della Biosfera Marina di Marawah, aspettano di nuotare in compagnia. A Ras Ghanadah, invece, si trova una delle più grandi e meravigliose barriere coralline protette di Abu Dhabi.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Abu Dhabi, la nuova destinazione per l’ecoturismo