Cosa fare ai Piani di Bobbio, dalle piste ai rifugi

Scopri cosa fare ai Piani di Bobbio, tra piste da sci e passeggiate per raggiungere i rifugi

I Piani di Bobbio sono un comprensorio sciistico che sorge tra la provincia di Lecco e quella di Bergamo. È una delle località più amate dalle famiglie, perché è ricca di attività interessanti per adulti, ma anche per i più piccoli. Dista meno di un’ora di macchina da Milano, e può essere raggiunta facilmente anche con la cabinovia dal bellissimo villaggio di Barzio, per un vivere un’emozionante avventura ancor prima di arrivare ai Piani di Bobbio.

In questo articolo potrete scoprire nel dettaglio tutte le attività da fare e quali sono i rifugi che non potete non visitare.

Piani di Bobbio: sci e non solo

I Piani di Bobbio offrono ben 35 km di piste da sci per ogni livello di esperienza, che sono accessibili grazie alle funivie, alle seggiovie e agli skilift. È il luogo ideale per insegnare ai più piccoli a sciare, grazie anche alla presenza di un’apposita scuola di sci. Non mancano, però, anche le piste nere per soddisfare le esigenze degli sciatori più esperti. Chi ama lo sci di fondo, invece, deve assolutamente recarsi alla pista Rododentro, che ha ospitato anche i Campionati italiani Master e quelli assoluti.

I Piani di Bobbio sono in grado di accontentare anche chi pratica lo sci alpinismo, offrendo diversi percorsi di durata e difficoltà variabile. Si parte da quelli più semplici che durano un paio d’ore, fino ad arrivare al percorso di Aralata, che richiede ben 10 ore di salita, per cui spesso è frazionato in due giorni. E per chi vuole sperimentare emozioni nuove sulle piste, Piani di Bobbio offre la possibilità di provare il Telemark, ovvero il cosiddetto sci a tallone libero.

Per chi non è amante dello sci, ma non vuole rinunciare ad un po’ di movimento sulla neve, la ciaspolata è l’attività migliore da praticare. Ai Piani di Bobbio si pensa anche ai meno esperti che possono noleggiare lì tutta l’attrezzatura necessaria e scegliere il percorso che conduce all’ex Albergo Pequeno, un hotel degli anni 60 ormai dismesso. Si tratta di un itinerario prevalentemente pianeggiante, con soli 130 m di dislivello, l’ideale per far provare ai bambini o a chi è alle prime armi questa bellissima attività. I più esperti, invece, possono optare per il percorso dei rifugi di Artavaggio con una pendenza di più di 300 m.

Piani di Bobbio: rifugi ed escursioni da non perdere

I Piani di Bobbio offrono dei panorami spettacolari per fare escursioni, sia durante l’inverno che durante le stagioni più calde. Ad esempio, non potete non visitare il suggestivo villaggio di Barzio, la meta principale per i turisti che si trovano nella Valsassina. Questo luogo è l’ideale per rilassarsi tra strade caratteristiche e per poter osservare dall’alto tutta la bellissima valle.

Chi è alla ricerca di un piatto tipico, deve assolutamente fermarsi al Rifugio Lecco, in cui tra tutte le specialità di montagna potrà degustare anche la migliore porzione in assoluto di polenta e stinco. Per chi invece cerca qualcosa di più raffinato, vi consigliamo di fermarvi al Rifugio di Ratti-Cassin. Potrete approfittare anche del suo centro benessere per farvi coccolare dopo tutte le attività svolte. Molto accoglienti sono poi il Rifugio Stella e quello Campelli Barzio, che offrono un bellissimo esempio dell’ospitalità dei Piani di Bobbio.

Piani di Bobbio piste

@Shutterstock

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cosa fare ai Piani di Bobbio, dalle piste ai rifugi