Chi è il concierge dell’albergo, cosa fa e in che cosa può essere utile

Il concierge è una figura importante all'interno della struttura ricettiva. Ecco i compiti e le mansioni svolte

Quanti si sono chiesti chi sia un concierge probabilmente non sanno che si tratta di una delle figure in assoluto più importanti all’interno di una struttura ricettiva. In Italia solitamente con questo termine si indica la persona addetta alla reception che ha come compito quello di accogliere gli ospiti in albergo.

Il concierge non deve solo relazionarsi con gli ospiti, ma ha pure un secondo ruolo fondamentale, ossia quello di custode. Egli deve infatti vegliare l’immobile e controllare che non avvengano furti nelle camere oppure in cassa. I suoi compiti sono comunque in generale piuttosto vari.

Nell’accezione originaria, ossia quella francese, il concierge riguarda il personale di accoglienza di alberghi specifici. Si tratta in particolare delle strutture alberghiere di alto livello, non necessariamente gli hotel a 7 stelle, dove ogni ospite ha addirittura un servizio concierge personale, ma comunque quelli di lusso. Requisito fondamentale per il portinaio-concierge è perciò la conoscenza di almeno due lingue per poter comunicare con gli ospiti, in particolare l’inglese.

Il concierge è una sorta di assistente degli ospiti dell’hotel e deve saper fare un po’ di tutto, anche dare informazioni sui luoghi da visitare e consigli su ristoranti ed eventi, magari procurando anche i biglietti o effettuando direttamente le prenotazioni.

Per diventare concierge è necessaria una specifica formazione professionale. I corsi che coloro che vogliono intraprendere questo lavoro devono seguire sono organizzati da una specifica associazione. Si tratta dell’Anpa, Accademia nazionale Professioni Alberghiere,, che forma e prepara professionalmente i concierge e i portieri d’albergo, fornendo loro un’esperienza altamente qualificata. Il corso di formazione, che si può fare anche online, dura due mesi ed è seguito da un percorso di stage retribuito per un periodo che può variarare tra i due e i sei mesi.

Tra le materie di apprendimento, le tecniche di approccio con il cliente, la comunicazione verbale e non verbale, la gestione dei casi di crisi e  l’assistenza al cliente in situazioni di emergenza, le tecniche di vigilanza sulla moralità e sicurezza dell’albergo, il servizio bagagli, i servizi e le mansioni del portiere di giorno e di notte oltre all’utilizzo degli strumenti tecnologici e dei software specifici per il settore alberghiero.

Da non dimenticare che, oggi, il concierge da figura quasi vetusta, come era percepita nel passato, ha assunto nuova e fondamentale importanza.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Chi è il concierge dell’albergo, cosa fa e in che cosa può ess...