Viaggio in camper nella Valle della Loira

Sogni da sempre di fare un tour dei castelli della Loira ma non sai da dove iniziare con l'organizzazione? Scopri l'itinerario, le soste camper e molto altro

Il tour dei castelli della Loira è una delle esperienze da fare almeno una volta nella vita: la Valle della Loira è una vasta area francese iscritta al Patrimonio Mondiale dell’Unesco dal 2012. Questa zona di circa 280 chilometri di lunghezza, che ricopre le regioni Centre e Pays de la Loire, è una delle mete più gettonate dei viaggiatori che amano visitare luoghi immersi nell’incanto e fare vacanze on the road o visitare la Valle della Loira in bicicletta. Durante il percorso è possibile attraversare quattro dipartimenti, un parco naturale regionale PNR Loire-Anjou-Touraine e 164 comuni.

L’itinerario dei castelli della Loira è molto ampio ma consigliato a famiglie, giovani coppie e gruppi di amici. Questo percorso permette di riscoprire un’epoca antica in cui la Francia era protagonista gloriosa della scena europea. È possibile così ammirare testimonianze dei popoli che hanno vissuto in questo territorio, attraversando città gioiello, assistendo a spettacoli in costume, ammirando la natura che cresce in questa area e, ovviamente, visitando i bellissimi castelli che caratterizzano questa zona.

Quanti sono i Castelli della Loira e quali visitare

Quanti sono i Castelli della Loira? E quali sono visitabili? Il complesso dei castelli della Loira è composto da oltre 300 strutture situate in tutta la vale, ma anche nelle valli vicine. Molte di queste strutture sono delle vere prodezze architettoniche, in quanto sono stati costruite in periodi storici in cui era molto complesso realizzare costruzioni simili.

Un esempio è il Castello di Chambord, voluto da Francesco I come un casino di caccia, diventato poi una reggia presso la quale invitare sovrani e ambasciatori. Questa struttura venne realizzata impiegando oltre 1800 operai e i lavori durarono dal 1519 al 1547, più di 25 anni. La peculiarità di questa struttura sta anche nel tocco di Leonardo Da Vinci che lavorò come architetto a diversi progetti di Francesco I.

Una delle strutture architettoniche da non perdere durante il tour dei castelli della Loira è quindi Chambord, ma anche Chenonceau, Ussè, Cheverny, Amboise, Azay-le-Rideu, Villandry, Saumur, Loches e Langeais. In molte di queste costruzioni nascono poi storie e aneddoti di epoche passate: il Castello Chenonceau ad esempio fu utilizzato durante la Prima guerra mondiale come ospedale e durante la seconda come via di fuga dalla zona di Vichy che fu occupata dai nazisti. Il castello di Chenonceau è chiamato anche “castello delle dame” in quanto questa struttura fu scenario di alcune delle storie più famose delle donne francesi, ad esempio il re Enrico II donò la struttura alla sua amante Diana di Poitiers che fu poi cacciata dallo stesso sovrano.

Nel Castello di Ussé invece Charles Perrault ha scritto e ambientato le favole della Bella addormentata del bosco e del Gatto con gli stivali. Invece il Castello di Cheverny fu utilizzato come ispirazione per realizzare il castello di fantasia nelle avventure di Tintin “Moulinsart”.

Valle della Loira in camper: percorsi, chilometri e molto altro

Scegliere di fare un un tour della Valle della Loira in camper può essere un’idea molto originale: in questo modo non si perde tempo a fare check-in e check-out dalle strutture ed è possibile spostarsi in totale autonomia. Il primo step è quello di raggiungere la Valle della Loira in camper dall’Italia: chi parte da Milano dovrà percorrere oltre 830 chilometri, seguendo la A50 e la A4 in Italia e proseguendo per Lione, Parigi e infine proseguendo in direzione Chenonceau. Questo primo tratto del viaggio può essere già complesso, in quando sono previste circa una decina di ore di percorrenza.

Tra le tappe del tour dei Castelli della Loira non può mancare il Il castello di Chenonceau e di Azay le Rideau, che sono tra i primi che si trovano a est. In questa zona sono presenti differenti zone sosta attrezzate per camper, ad esempio quella di Angé, situata a circa 20 chilometri dal castello. Da Azay la Rideau è possibile proseguire poi per il castello di Rigny Ussè, distante solo 17 chilometri.

È consigliabile fermarsi poi a visitare la cittadina di Tours, che offre scorci unici, tra gli edifici in tufo con tetti in ardesia a strutture storiche. Due tappe immancabili del tour in camper sono poi Amboise e Clos-Lucé, i castelli curati da Leonardo Da Vinci, distanti circa 26 chilometri da Tours. Infine dopo circa 36 chilometri si possono raggiungere Blois e Chambord, in questa zona è possibile visitare non solo due tra i più famosi castelli della Loira ma anche la città di Blois. Da Chambord è possibile poi rientrare in Italia, percorrendo oltre 850 chilometri passando per Bourges.

Viaggio in camper nella Valle della Loira