La Spagna è la regina delle vacanze gay friendly

Il mondo LGBTQ è unanime nel ritenere la Spagna la meta migliore per delle vacanze gay friendly

Dalla Russia all’America, il mondo LGBTQ non ha dubbi: la Spagna garantisce le mete migliori in tema di vacanze gay friendly.

Il web rappresenta una fonte infinita d’informazioni. Un calderone nel quale è possibile trovare risposta alla maggior parte dei propri dubbi, a patto di saper cercare. Uno strumento che ormai fa parte della nostra quotidiana, dentro e fuori le mura di casa. Un elemento addirittura imprescindibile per le generazioni che non hanno mai conosciuto un mondo privo del world wide web.

Nell’universo LGBTQ è fondamentale la comunicazione online, soprattutto considerando la scarsa apertura mentale in merito all’amore libero in alcuni Paesi. Condividere la propria esperienza può aiutare altri anche in vacanza, scegliendo quei luoghi che offrono un clima molto più “easy”, evitando brutte esperienze, che a volte possono culminare anche in veri e propri traumi.

Barcellona, vacanze lgbtq

Fonte Foto: iStock

Da una ricerca promossa dall’European Travel Commission, risulta evidente come la Spagna domini ogni sorta di statistica in tal senso. È infatti al primo posto secondo gli intervistati brasiliani, americani e russi per quanto concerne le vacanze, così come per festival ed eventi organizzati in ambito LGBTQ. Secondo e terzo posto sono attribuiti invece, non sempre in quest’ordine, a Regno Unito e Germania.

La Spagna è una meta notoriamente gay friendly (e non solo). Tanti i locali, bar e hotel LGBTQ a Barcellona, per fare un esempio, facili da trovare nei quartieri di Eixample e Gracia, se s’intende vivere pienamente la comunità tra locali e turisti. In generale è l’intera Spagna a offrire un clima sereno per chiunque, al di là della propria identità sessuale. Lo dimostrano le leggi del Governo Zapatero, che nel 2005 rese legali i matrimoni tra coppie dello stesso sesso, introducendo il diritto ereditario e l’adozione.

Sitges, vacanze lgbtq

Fonte Foto: iStock

Restando a Barcellona, il quartiere Port Olimpic offrirà di certo una vacanza dal tono più sofisticato. A pochi km si può trovare la cittadina di Sitges, un gioiello sul mare, punto di riferimento della comunità arcobaleno, che predilige soprattutto la fantastica Platja de la Bossa Rodona.

Come tralasciare poi Ibiza, con via Ramon Muntaner e il lungomare di Ses Figurerentes, con locali e bar in ogni dove. La più richiesta tra le mete LGBTQ spagnole è però senza dubbio Gran Canaria, arcipelago che gode di un clima temperato tutto l’anno, offrendo una fervida vita diurna e notturna, per ogni gusto, a poche ore dall’Italia.

Gran Canaria, vacanze lgbtq

Fonte Foto: iStock

La Spagna è la regina delle vacanze gay friendly