Rodi, tutte le cose da fare nella magica isola greca

La perla del Dodecaneso ha tutto per tutti: mare cristallino, spiagge meravigliose, panorami mozzafiato, arte, cultura ed enogastronomia. Che aspettate a partire?

Incredibili spiagge bagnate da acque cristalline, meravigliosi panorami, cultura, storia, arte ed enogastronomia: tutto questo è Rodi, magica isola greca del Dodecaneso.

Narra la leggenda che Apollo, Dio Sole, l’abbia scelta come casa ed è per questo motivo che l’isola gode di almeno 300 giorni di bel tempo all’anno. Ma il clima e le temperature, praticamente sempre miti durante tutte le stagioni, sono solo un assaggio dei motivi per cui vale la pena di farci un pensiero per le vostre prossime vacanze.

Farne un elenco completo è praticamente impossibile, vi basterà leggerne alcuni per farvi venire l’acquolina in bocca. Partiamo dal mare, naturalmente… L’isola verde dove si incontrano Egeo e Mediterraneo trova all’estremo Sud, nella spiaggia di Prassonissi, il paradiso degli sport acquatici. Accarezzata da un vigoroso vento di Meltemi è il luogo ideale per windsurf e kitesurf. Per chi invece di fare sport non ne vuole sapere ecco il mare cristallino e piatto della lunghissima distesa di sabbia fine di Faliraki, sulla costa Ovest. Per gli amanti dello snorkeling c’è invece Antony Quinn Bay, un’insenatura tra le rocce con acqua cristallina e colori incredibili che deve il suo nome all’attore hollywoodiano, che qui recitò nel film “I Cannoni di Navarone”.

Terminate le rigeneranti nuotate, invitanti profumi da taverne e ristoranti disseminati praticamente ovunque non potranno che farvi venire un discreto languorino. Da provare la moussakà, piatto tipico della cucina turca, balcanica e medio-orientale: sui tratta di uno sformato a base di melanzane, patate e carne tritata aromatizzate con l’aneto. Imperdibile!

Come irrinunciabile la visita alla città di Rodi, racchiusa dentro una cinta di mura medievali e riconosciuta come Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco. Oltre 200 stradine e vicoli in cui perdersi tra negozi e scorci di storia con antichi palazzi, chiese e musei e poi l’Acropoli, che sorge a tre chilometri dal centro della città nuova, in cima al Monte Smith. Tappa obbligata per gli amanti dell’archeologia con il Tempio di Zeus e Atena, quello di Apollo, l’Odeon, il Ninfeo. A un’ora circa d’auto da Rodi, l’incantevole villaggio di Lindos vanta più di 4mila anni di storia. E’ un dedalo di viuzze strette e in salita tutte da scoprire per arrivare all’Acropoli e il Tempio dorico di Athena Lindia. E il bello è che ci si può arrivare anche a dorso di asino!

Decisamente caratteristica la Valle delle Farfalle, nell’entroterra nei pressi di Theologos. Si tratta di un’area protetta di circa 60 ettari tra ruscelli, cascate, una vegetazione lussureggiante, ma soprattutto abitata da milioni di farfalle. E per rilassarsi trovando refrigerio lontano da spiagge e villaggi Eptà Pigès è il luogo ideale: il parco delle Sette sorgenti si trova a Kolympia, a circa metà strada tra Rodi e Lindos. In tema di relax, ultimo ma non ultimo, un bel pomeriggio nel lussuoso complesso in stile art decò alle Terme di Kalithea è proprio quel che ci vuole prima di ripartire alla volta di casa.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Rodi, tutte le cose da fare nella magica isola greca